Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Droga: niente carcere per la lieve entità

Esclusa la custodia cautelare in carcere per il reato ex art. 73 V comma DPR n° 309/1990 con la modifica introdotta dalla legge n° 79/14

Droga: niente carcere per la lieve entità - Esclusa la custodia cautelare in carcere per il reato ex art. 73 V comma DPR n° 309/1990 con la modifica introdotta dalla legge n° 79/14

Il V comma dell’art. 73 del DPR n° 309/1990, in materia di sostanze stupefacenti e di fatti di lieve entità è stato nuovamente modificato. La legge 16 maggio 2014, n. 79 ha convertito con modificazioni il decreto-legge del 20 marzo 2014, n. 36, recante disposizioni urgenti in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, nonché di impiego di medicinali meno onerosi da parte del Servizio sanitario nazionale. 

 

La legge è attualmente entrata in vigore e si caratterizza per aver ridotto le pene previste dal V comma dell’art. 73 del Testo unico sulle droghe. Questo reato è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni e con una multa da euro 1.032 a euro 10.329. Una prima modifica si era avuta già a dicembre, con il D.L. n° 143/2013  che aveva introdotto, per le fattispecie di lieve entità, un reato autonomo. Per cui era stata abbandonata, per i fatti di lieve entità, la ipotesi della previsione di una circostanza attenuante ad effetto speciale.  

 

Infatti la nuova disciplina ha introdotto una norma che, nel suo incipit iniziale, precisa che le condotte di lieve entità sono punite ai sensi del V comma citato “Salvo che il fatto costituisca più grave  reato”. Questo intervento legislativo già aveva ridotto la sanzione penale, prevedendo la reclusione da 1 a 5 anni. Con questo ulteriore intervento e la ulteriore riduzione della pena per i fatti di lieve entità, vi sono poi delle ulteriori conseguenze anche sul piano procedurale.  

 

Già aver reso autonoma questa fattispecie di reato, determina degli effetti per quanto riguarda il termine di prescrizione, che risulta ridotto, atteso che la prescrizione del reato ordinaria sarà di 6 anni e nel caso di atti interruttivi 7 anni e 6 mesi. In tema, poi, di arresto in flagranza, in ragione della riduzione della pena, non vi è più l’obbligo di procedere in tale senso, rientrando la ipotesi nel caso dell’arresto facoltativo. E in ogni caso, stante il disposto dell’art. 280 c.p.p., non potrà applicarsi la custodia cautelare in carcere per i fatti di lieve entità.  

 

Tale norma prescrive che “La custodia cautelare in carcere può essere disposta solo per delitti consumati o tentati, per i quali sia prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni e per il delitto di finanziamento illecito dei partiti di cui all'articolo 7 della legge 2 maggio 1974, n. 195, e successive modificazioni”.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Risarcimento detenuti: pubblicata la legge in G.U.

Entra in vigore in maniera definitiva la legge

Continua

La Camera approva il risarcimento ai detenuti

La parola al Senato per il via libera definitivo

Continua

I rimedi dopo la sentenza Torreggiani

Risarcimento, svuota carceri, riduzione dei casi di applicazione di custodia cautelare in carcere

Continua

Parenti pregiudicati? Si al rilascio delle licenze

Il Consiglio di Stato ritiene irrilevanti le relazioni parentali con pregiudicati nel caso di licenze per la raccolta di scommesse

Continua

Risarcimento ai detenuti, all'esame della commissione

Il D.L. n° 92/2014 arriverà tra breve all'esame del Parlamento, dopo il vaglio della commissione giustizia

Continua

Risarcimento per i detenuti

Per chi ha subito il "sovraffolamento" delle carceri c`è il risarcimento di 8 euro oppure una riduzione della pena

Continua

Le pene per droghe leggere vanno riviste

Questa la decisione del Tribunale di Nocera Inferiore che riduce la condanna per il reato di spaccio di droghe leggere

Continua

Droghe leggere: ammessa la revisione della pena

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si esprimono sulla possibilità di ridurre la pena nel caso di sentenza passata in giudicato

Continua

Il sistema sanzionatorio in materia di droghe

Gli effetti pratici della sentenza della Corte Costituzionale n° 32/2014

Continua