Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Voucher: novità Ottobre 2016

Voucher: comunicazione preventiva alla Direzione territoriale del lavoro con e-mail

Voucher: novità Ottobre 2016 - Voucher: comunicazione preventiva alla Direzione territoriale del lavoro con e-mail

La Circolare n. 1/2016 dell’Ispettorato nazionale del lavoro istituisce, con decorrenza dall`8 ottobre 2016, l’OBBLIGO  di comunicazione preventiva delle prestazioni di lavoro accessorio (voucher) almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione inviando una mail alla competente Direzione del lavoro indicando: 

 

1) nell’oggetto il CODICE FISCALE e la RAGIONE SOCIALE del COMMITTENTE 

2) nel contenuto della mail, oltre i dati identificatici del committente, devono essere indicati: 

   a) dati anagrafici o codice fiscale del lavoratore; 

   b) il luogo della prestazione; 

   c) il giorno di inizio della prestazione; 

   d) l’ora di inizio e fine della prestazione. 

 

Resta confermata la dichiarazione di inizio attività già prevista nei confronti dell’INPS

Il Ministero del Lavoro ha precisato che: 

1)      se il prestatore svolge l’attività per l’intera settimana, i datori di lavoro non agricoli possono effettuare una sola comunicazione con la specifica indicazione delle giornate lavorate, del luogo e dell’ora di inizio e fine della prestazione di ogni singola giornata. 

 

2)      se il prestatore svolge l’attività in un’unica giornata ma con due fasce orarie è sufficiente effettuare un’unica comunicazione con la specificazione degli orari in cui viene impiegato il lavoratore. 

 

SANZIONI 

La violazione dell’obbligo di comunicazione in questione comporta l’applicazione della sanzione amministrativa da euro 400,00 ad euro 2.400,00 in relazione a ciascun lavoratore per cui è stata omessa la comunicazione. 

L’assenza, oltre che di tale comunicazione, anche della dichiarazione di inizio attività all’INPS comporterà l’applicazione della maxi sanzione per lavoro nero.    

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Commercialisti Associati Filippi Revelli Burdisso - Cuneo (CN)

Studio Commercialisti Associati Filippi Revelli Burdisso

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Luigi Enaudi 8

12100 - Cuneo (CN)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Novità sul visto di conformità

Visto di conformità anche sulle compensazioni del credito Iva infrannuale

Continua

Voucher lavoro: abrogato il loro utilizzo

Prevista una fase transitoria. Poi ci si dovrà attivare per trovare delle soluzioni alternative

Continua