Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

L’Italia ai primi posti in Europa nel trasporto marittimo

Il segretario nazionale dei commercialisti, Achille Coppola, rende noti i dati nel corso del forum alla Camera di Commercio

L’Italia ai primi posti in Europa nel trasporto marittimo - Il segretario nazionale dei commercialisti, Achille Coppola, rende noti i dati nel corso del forum alla Camera di Commercio

‘Il trasporto marittimo continua a rappresentare uno dei punti fermi dell’economia del nostro paese: l’Italia è al primo posto in Europa per importazioni (185,4 milioni di tonnellate di merce) e al terzo per esportazioni, a poca distanza da Germania e Olanda. Inoltre, siamo al primo posto per traffico passeggeri con 6,7 milioni di persone come base e destinazione delle crociere, mentre a livello occupazionale le attività marittime danno lavoro a circa 500mila persone’. Lo ha detto Achille Coppola, segretario nazionale dei commercialisti, nel corso del forum ‘Il cluster armatoriale come fattore di rilancio dell’economia dello scenario internazionale’, che si è tenuto presso la Sala del Consiglio della Camera di Commercio. 

  

Un contributo rilevante per le imprese che operano nel settore dello shipping può arrivare dai commercialisti – esamina Coppola – che possono mettere a disposizione le proprie competenze nei vari comparti che riguardano il trasporto marittimo (management, finanza, fiscalità, crisi d’impresa) per fronteggiare la crisi e rilanciare il settore’. 

‘Dai dati relativi alle regioni si conferma la leadership di aree tradizionalmente legate al mare come Liguria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Veneto e Sicilia. Con la sorpresa della Lombardia, territorio senza sbocchi sul mare, che è terza nella produzione di unità da diporto e fra i maggiori fornitori di beni e servizi. Posizione di rilievo assoluto per la Campania – conclude il segretario nazionale dei commercialisti – Nella regione ci sono 115 imprese armatoriali sulle 471 complessivamente presenti nel paese. Appartiene ad armatori campani il 34,2% delle navi e ben il 45,7% delle tonnellate di stazza lorda. La regione occupa una posizione di rilievo anche nel comparto della portualità, dove è in terza posizione grazie agli scali di Napoli e Salerno’. 

‘Oggi il settore armatoriale deve confrontarsi con uno scenario complesso e mutevole, che risente ancora della crisi mondiale – ha evidenziato Liliana Speranza, consigliere Odcec Napoli, presieduto da Vincenzo Moretta – Molti operatori non sono riusciti a trovare il modo di affrontare la crisi, mentre altri sono stati costretti ad un vigoroso ridimensionamento, ma è possibile dire che il settore ha tenuto e potrà recuperare spazi e mercati. In tal senso, è rilevante la recente politica di espansione monetaria posta in essere dalla Banca Centrale Europea, che con l’immissione di maggiori capitali influisce positivamente sulla situazione finanziaria degli operatori favorendo i rapporti con il mondo bancario’. 

 

Le caratteristiche più evidenti dell’andamento macroeconomico degli ultimi anni – ha osservato Mariano Bruno, consigliere dell’Odcec di Napoli ed esponente di Deloitte – sono la scarsa prevedibilità dell’andamento dei noli nei diversi comparti dello shipping; l’elevata eterogeneità delle performance a livello di macro regioni economiche, la sovraccapacità dell’offerta. Il 2015 sarà l’anno dei record per le demolizioni navali. Fino a questo momento infatti, era il 2012 ad essere considerato come l’anno dei record per numero di unità smantellate. Livelli superati però nei primi sei mesi del 2015 quando le compagnie hanno deciso di disfarsi del 20% di navi in più rispetto allo stesso periodo di tre anni fa. La maggior parte delle unità viene rottamata negli stabilimenti asiatici dove i costi per smantellare una qualsiasi nave sono decisamente inferiori rispetto al resto del mondo. Intanto nel 1° trimestre del 2015 – ha aggiunto Bruno – sono state ordinate 26 nuove navi con una capacità media di 19.523 Teu. Le navi consegnate sono state 36 con una capacità media di 10.978 Teu. […]

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Studio Caprile & Associati - Genova (GE)

Studio Caprile & Associati

Avvocati / Civile

Via Corsica 21

16128 - Genova (GE)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Smarrimento della merce: è colpa grave del vettore

Recentemente lo studio Caprile & Associati ha ottenuto una sentenza favorevole, con la quale è stato ribadito che lo smarrimento della merce da parte

Continua

La rapina quale esimente ex art. 1693 c.c.?

L'evento rapina nell'autotrasporto per conto terzi può integrare il caso fortuito idoneo ad esimere la responsabilità vettoriale?

Continua

Legittimazione dell'assicuratore nelle rivalse

Le problematiche connesse alla prova della surroga della compagnia assicurativa nei diritti del proprio assicurato in tema di rivalse

Continua

Il registro elettronico nazionale

Ecco cosa si deve sapere su iscrizione, sospensione e cancellazione dal registro elettronico nazionale

Continua

Clausole di giurisdizione nelle polizze di carico

Qual è la validità delle clausole di giurisdizione nelle polizze di carico

Continua

Colpa grave in caso di perdita parziale di carico

Caprile e Associati ottiene ragione dal Tribunale di Milano sulla configurazione della colpa grave anche in caso di perdita parziale di carico

Continua

Compagnie di assicurazioni: surroga

La Cassazione sull’onere della prova del diritto di surroga per le Compagnie Assicurative

Continua

Sea waybill elettronico e deroga alla Giurisdizione

La clausola derogativa della giurisdizione italiana apposta sul retro di un sea waybill elettronico è opponibile ai terzi?

Continua