Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

La negoziazione assistita

Una modalità alternativa di addivenire alla separazione e al divorzio

La negoziazione assistita - Una modalità alternativa di addivenire alla separazione e al divorzio

Grazie all'entrata in vigore della legge n. 164/2014 la coppia che oggi intende consensualmente separarsi o divorziare non dovrà necessariamente rivolgersi al Giudice, ma avrà la possibilità di optare per una nuova opzione, che riduce notevolmente i tempi della procedura: la negoziazione assistita da avvocati

Tale procedura prevede la redazione di un accordo alla presenza dei rispettivi avvocati contenente le condizioni di separazione e divorzio riguardanti l’affidamento e il mantenimento dei figli, l’assegno di mantenimento per il coniuge oltre ad eventuali trasferimenti di tipo patrimoniale nell’ambito delle soluzioni alla crisi coniugale. Gli accordi possono contenere dunque previsioni di assegno di mantenimento, di soluzioni una tantum, di trasferimenti immobiliari in luogo del mantenimento; tuttavia, alcuni diritti devono considerarsi indisponibili e quindi insuscettibili di essere oggetto di “negoziazione”, pena l'invalidità dell'accordo stesso, com'è il caso del coniuge che rinunci a un futuro diritto o al futuro assegno di divorzio o alla revisione dell’assegno di mantenimento in caso di mutate condizioni economiche. Una volta redatto l'accordo a seguito di negoziazione, entro dieci giorni dalla sottoscrizione dello stesso, gli avvocati avranno cura di trasmetterlo al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente il quale, valutata la rispondenza dell'accordo all'interesse della coppia e dei figli, provvederà ad apporre un nullaosta. A questo punto, nei dieci giorni decorrenti dal rilascio del visto ad opera del Procuratore, l'accordo dovrà essere inviato all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune in cui il matrimonio era stato iscritto o trascritto, che provvederà all'annotazione sui registri dello Stato Civile dell'avvenuta separazione o divorzio. 

La negoziazione assistita, oltre a costituire un valido strumento alternativo di risoluzione delle controversie in via stragiudiziale ha l'enorme vantaggio di comportare un'attenuazione dei tempi e dei costi rispetto al procedimento ordinario, riuscendo nel contempo a garantire un'adeguata ed idonea tutela a tutti coloro che intendono avvalersene.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Michela De Luca - Prato (PO)

Avv. Michela De Luca

Avvocati / Civile

Viale Della Repubblica 179

59100 - Prato (PO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La convivenza anagrafica con aspetti patrimoniali

Recenti novità introdotte dalla legge sulle unioni civili

Continua

Il divorzio dolce

Divorzio dolce come moderna risoluzione dei conflitti familiari

Continua