Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza del lavoro

La legge Cirinnà e le conseguenze sul lavoro

La Legge 20.05.16, n. 76 (Legge Cirinnà), ha introdotto nel nostro ordinamento l’istituto delle unioni civili e regolamentato le convivenze di fatto.

La legge Cirinnà  e le conseguenze sul lavoro - La Legge 20.05.16, n. 76 (Legge Cirinnà), ha introdotto nel nostro ordinamento l’istituto delle unioni civili e regolamentato le convivenze di fatto.

La Legge 20 maggio 2016, n. 76 (c.d. Legge Cirinnà), entrata in vigore il 5 giugno 2016, ha introdotto nel nostro ordinamento l’istituto delle «unioni civili» e regolamentato le «convivenze di fatto»
Nel dettaglio:
-      per unione civile si intende il legame affettivo reciproco tra due persone dello stesso sesso, di maggiore età, che si formalizza mediante dichiarazione resa di fronte all’ufficiale di stato civile e in presenza di due testimoni
-    La convivenza di fatto, invece, si esplica nella stabile convivenza di due persone maggiorenni, anche non dello stesso sesso, unite da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale 
Ma vediamo allora quali saranno le implicazioni in materia di gestione del rapporto di lavoro derivanti dalla L.n. 76/2016.
INFORMAZIONI SULLO STATO CIVILE DEL LAVORATORE
Le informazioni relative allo stato civile del lavoratore e riguardo al coniuge richieste dal datore di lavoro all’atto dell’assunzione (e nel corso del rapporto di lavoro) dovranno ora essere estese anche con riguardo al partner dell’unione civile
CONGEDO MATRIMONIALE
La disciplina in materia di congedo matrimoniale si applicherà anche alle unioni civili.
Tale congedo potrà essere usufruito anche più volte nel corso della vita lavorativa con la conseguenza che il datore riconoscerà il medesimo anche a quei lavoratori che ne abbiano già fatto uso e che costituiscano una nuova unione civile
DIRITTI CONSEGUENTI ALLA SOSPENSIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO
L’equiparazione del rapporto tra unione civile e matrimonio comporterà l’estensione agli uniti civilmente anche di tutti i diritti conseguenti alla sospensione del rapporto di lavoro così come previsti dalla legge per il “coniuge”, quali ad esempio:
a) le disposizioni in materia di permessi per l’assistenza in caso di disabilità accertata del coniuge (ai sensi dell’art. 33 della L.n. 142/1990)
b) le disposizioni per l’ipotesi dei permessi in caso di lutto e di eventi particolari (ex art. 4 della L. n. 53/2000 e del D.M.n. 278/2000)
c) le disposizioni in materia di trattamento economico per l’assistenza, da parte del coniuge, a persona affetta da disabilità accertata (ex art. 42, comma 5 e segg. del D.Lgs. n.151/2001)
d) le disposizioni regolanti la priorità a richiedere la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale per le necessità di assistenza al coniuge affetto da patologie oncologiche (ex art. 8, comma 4 del D.Lgs.n.81/2015)
TFR E INDENNITÀ SOSTITUTIVA DEL PREAVVISO
Sono altresì applicabili: l’art 12 bis, L. 898/1970 sul divorzio, secondo il quale, per ciò che concerne il TFR, il partner titolare di un assegno di mantenimento può riscuotere il 40% del Tfr percepito dall’altra parte nel caso di cessazione del rapporto di lavoro, in base a quanto maturato durante il matrimonio o l’unione civile, come anche assumono valenza gli artt. 2110 e 2118 del Codice Civile e l’espressa statuizione per cui, in ipotesi di decesso del dipendente, il coniuge ha diritto alle spettanze di pertinenza del Tfr e di fine rapporto. Laddove la dipartita sia causa di un infortunio sul lavoro, si potrà ottenere la rendita Inail e troverà attuazione anche la previsione per cui al partner andrà il 60% della pensione del defunto
TRATTAMENTI DI FAMIGLIA
A favore degli uniti civilmente spetta sia il diritto ai trattamenti di famiglia (Assegni per il Nucleo Familiare, ex art. 2 del D.L.n. 69/1988 convertito in L. n. 153/1988 e relativa disciplina di settore) sia il diritto alle detrazioni previste per legge per i familiari a carico ex art. 12 del D.P.R. n.917/1986
LA NULLITÀ DEL LICENZIAMENTO PER CAUSA DI UNIONE CIVILE
Troverà inoltre applicazione la disciplina in materia di nullità del recesso datoriale comunicato nel periodo in cui vige la tutela, così come disciplinata dall’art.35 del D.Lgs.n. 198/2006, ossia entro l’anno dall’avvenuta celebrazione dell’unione civile
LICENZIAMENTI COLLETTIVI

In caso di licenziamento collettivo o licenziamento per giustificato motivo oggettivo, nel calcolo dei carichi di famiglia non si potrà più ignorare l’eventuale unione civile del lavoratore

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitą circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirą all'Autoritą Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in
Consulenza del lavoro

Noi Consulenti Del Lavoro Stp Srl - Milano (MI)

Noi Consulenti Del Lavoro Stp Srl

Consulenti del Lavoro / Sviluppo e Lavoro

Viale Ortles, 54/a

20139 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Welfare Aziendale: interpello Regione Lombardia

Parliamo di welfare aziendale, in particolare dell’Interpello della Direzione regionale della Lombardia dell’agenzia delle Entrate

Continua

Disoccupazione DID online dall'1/12/2017

Dal 1° Dicembre 2017, sarà obbligatoria la DID online. Come funziona? Lo vediamo con i consulenti del lavoro Lumina

Continua

Conciliazione vita lavoro: gli sgravi

Via libera alle agevolazioni per i datori di lavoro che attuano misure per la conciliazione vita lavoro

Continua

Lavoro Accessorio: le novità dopo i Vaucher

Il Senato ha approvato in via definitiva la conversione in legge del D.L. 50/2017

Continua

Visto di conformità e deleghe di pagamento F24

Tutte le Indicazioni dell’Agenzia delle Entrate

Continua

Bonus Asili Nido 2017: come riceverlo?

Le istruzioni operative dell’Inps per usufruire del bonus asili nido 2017

Continua

Lavoro Agile, Smart Working

In data 10 maggio 2017 è stato definitivamente approvato il disegno di legge n. 2233-B, recante misure per il lavoro agile

Continua

Decreto Correttivo Jobs Act: lavoratori a distanza

L’art. 4 della legge 20 maggio 1970, n. 300, relativo agli “impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo”

Continua

Congedo di Paternità

Il concedo di paternità, disciplinato dalla Legge n. 92/2012, è un congedo di astensione dal lavoro che spetta ai padri lavoratori dipendenti

Continua

Incentivo Occupazione Sud 2017

L’Inps disciplina le modalità operative per la fruizione dell’agevolazione prevista per i rapporti di lavoro che si svolgono nel sud Italia

Continua

Abolizione dei Voucher: le alternative contrattuali

Con il Decreto Legge n. 25, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 marzo 2017 è stata abolita la disciplina del lavoro accessorio.

Continua

Welfare Aziendale | Cnnl Metalmeccanici 2017

l welfare aziendale è l’insieme di opere e servizi che il datore di lavoro mette a disposizione del lavoratore.

Continua

Come funziona l'incentivo occupazione giovani

Ecco come funziona l’incentivo occupazione giovani e quali sono le modalità operative contenute in una circolare INPS

Continua

Incentivi all'assunzione 2017

Analizziamo nel dettaglio gli incentivi all'assunzione 2017

Continua

Distacco transnazionale dei lavoratori

Il distacco transnazionale è disciplinato dal decreto legislativo n. 136/2016.

Continua

Dimissioni On Line

Dal 12 marzo 2016 l’efficacia delle dimissioni volontarie e della risoluzione consensuale è subordinata all’osservanza di una procedura telematica

Continua

Contributo di licenziamento

Oggi analizziamo il contributo di licenziamento introdotto dalla riforma Fornero ai sensi della Legge n. 92/2012

Continua

Lavoratori ammessi al programma "Garanzia Giovani"

Incentivo a favore dei datori di lavoro privati che assumano giovani lavoratori registrati al "Programma Garanzia Giovani".

Continua

Legge di bilancio di 2017/2019: approvata

Il Senato della Repubblica, nella seduta del 7 dicembre 2016, ha approvato la Legge Finanziaria 2017

Continua

La legge di bilancio 2017 in dirittura di arrivo

La Camera dei Deputati ha approvato, con votazione definitiva, la Legge di bilancio.

Continua

Agevolazioni per le assunzioni in scadenza

Di seguito si approfondiscono le agevolazioni per le assunzioni in scadenza al 31/12 e le novità previste dal disegno di legge per la finanziaria 2017

Continua

Maternità e paternità per lavoratori dipendenti

La tutela della maternità e della paternità è disciplinata dal D.Lgs. 151/2001 vediamo come nell'articolo

Continua

Entra in vigore il decreto correttivo del jobs act

In vigore le disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 15 giugno 2015, n. 81 e 14 settembre 2015, nn. 148, 149, 150

Continua

Smart Working: legge sul lavoro autonomo e agile

Aggiornamenti in tema di lavoro agile, le aziende attendono le linee guida definitive per poter attuare tale modalità di svolgimento della prestazione

Continua

Partecipazione finanziaria al capitale d'impresa

Fondo per incentivare la partecipazione dei lavoratori al capitale e agli utili delle imprese e per la diffusione dei piani di azionariato

Continua

Car sharing: quale trattamento fiscale

L’agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 83 del 28 settembre 2016, ha chiarito il trattamento fiscale del car sharing.

Continua