Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Violenza sessuale

Il fulcro su cui ruotano i fattori idonei a realizzare una violenza sessuale è costituito dalla violazione della sfera di libera autodeterminazione

Violenza sessuale - Il fulcro su cui ruotano i fattori idonei a realizzare una violenza sessuale è costituito dalla violazione della sfera di libera autodeterminazione

È necessario che la vittima esprima il proprio dissenso o è sufficiente che ella non neghi il consenso affinché si ritenga perfezionato il reato? 

La Corte di appello di Ancona, con Sentenza del 09 Maggio 2013, riformava, con esclusivo riferimento alla concessione delle attenuanti generiche e conseguente rideterminazione della pena, la decisione con la quale il Tribunale di Pesaro aveva dichiarato la penale responsabilità dell’imputato in relazione al reato di violenza sessuale di cui all'art. 609-bis Cod. Pen., ritenendo, nella fattispecie, sussistente l’ipotesi del fatto di minore gravità per avere egli usato violenza, nei confronti della donna, consistita nell'averla afferrata e, dopo aver sollevato la maglietta ed il reggiseno, toccata e baciata sul seno e sulla bocca. 

Muovendo dal concetto secondo cui il fulcro attorno cui ruotano i fattori idonei a realizzare la fattispecie penalmente rilevante di violenza sessuale è costituito dalla violazione della sfera di libera autodeterminazione che l’ordinamento assicura all’individuo nell’ambito della propria intimità, l’imputato ricorreva in Cassazione sostenendo che la condotta di intromissione dell’agente nella sfera di intimità sessuale della persona offesa acquisisce rilevanza penale non tanto per la mancanza di consenso da parte della persona offesa, ma per l’esistenza di un dissenso, manifestato inequivocamente e come tale percepito dall’agente, a tale intromissione. 

Lamentava il ricorrente, infatti, che la sentenza impugnata non avrebbe adeguatamente valorizzato, sotto il profilo della indagine in ordine alla completezza della fattispecie, il requisito della consapevole coartazione della volontà della persona offesa, requisito che ha, come suo corollario, la precisa percepibilità, da parte dell'agente, della contrarietà della predetta persona offesa alla disposizione del bene libertà sessuale

Ritenendo la tesi del ricorrente in evidente contrasto sia con la lettera sia con lo spirito della normativa in tema di violenza sessuale, la IIIa Sezione Penale della Corte di Cassazione, con Sentenza n. 49597, depositata il 22 Novembre 2016, rigettava il ricorso rilevando come 

…non sia ravvisabile in alcuna fra le disposizioni legislative introdotte a seguito della entrata in vigore della legge n. 66 del 1996, con la quale è stata apportata la radicale riforma dei reati connessi alla violenza sessuale ricordata anche dal ricorrente, un qualche indice normativo che possa imporre, a carico del soggetto passivo del reato, onde ritenere perfezionati gli elementi costitutivi del reato stesso, un onere, neppure implicito, di espressione del dissenso alla intromissione di soggetti terzi nella sua sfera di intimità sessuale; si deve, piuttosto, ritenere che tale dissenso sia da presumersi, laddove non sussistano indici chiari ed univoci volti a dimostrare la esistenza di un, sia pur tacito ma in ogni caso in equivoco, consenso…D'altra parte, nella giurisprudenza di questa Corte è assai frequente la ricostruzione in termini di violenza sessuale della condotta posta in essere dall'agente attraverso il compimenti di atti subdoli e repentini, realizzati senza il preventivo accertamento del consenso della persona destinataria di essi o, comunque, prevenendone la espressione del dissenso”. 

Con ciò, la Corte di Cassazione, nell'esercizio della propria funzione di garanzia della corretta ed uniforme interpretazione della legge, ha chiaramente evidenziato come nei reati sessuali non sia richiesto, preventivamente (o almeno contestualmente) alla condotta dell'agente, il requisito del consenso del soggetto titolare dell'interesse alla disposizione del bene interesse. 

Se così non fosse, si arriverebbe all’aberrante non punibilità per violenza sessuale di chi approfitta sessualmente di una persona dormiente o in stato di incapacità, anche transitoria, ad esprimere il proprio dissenso alla disposizione del bene-interesse tutelato dalla norma.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Avv. Angelo De Nina - Sesto San Giovanni (MI)

Avv. Angelo De Nina

Avvocati / Civile

Viale Gramsci,135

20099 - Sesto San Giovanni (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Pernottamento del figlio minore

Il pernottamento del figlio minore con il genitore non collocatario

Continua

Contributo alla prole e mantenimento ex moglie

La riduzione dell'assegno di mantenimento dei figli non porta ad un automatico aumento dell'assegno a favore dell'ex moglie

Continua

Paternità indesiderata

Può essere richiesto il risarcimento dei danni per una paternità indesiderata causata dalla menzogna del partner sul proprio stato di fertilità?

Continua

Danno patrimoniale per la morte della casalinga

Risarcimento del danno per la perdita delle prestazioni attinenti alla cura e all'assistenza fornite dalla moglie e madre casalinga

Continua

Separazione e collocamento del figlio minore

Quali sono i presupposti per un corretto collocamento del figlio minore dopo la separazione dei genitori?

Continua

Abuso dei mezzi di correzione in danno al minore

Minore colpito ripetutamente sulla schiena, alle gambe e al capo con un battipanni e un mattarello

Continua

Minorenne e pillola abortiva

Una ragazza minorenne, per paura della reazione della madre, si rivolgeva a degli estranei che, illegalmente, le fornivano la pillola abortiva

Continua

Mantenimento dei figli minori

Il genitore separato è obbligato a contribuire al mantenimento dei figli minori anche quando vi provveda in via sussidiaria l’altro genitore

Continua

Tardiva diagnosi e danno differenziale

Il Tribunale di Milano si pronuncia in merito alla richiesta risarcitoria avanzata da una donna che aveva subito un aggravamento della malattia

Continua

Non responsabile il medico di Pronto Soccorso

Può essere ritenuto non responsabile il medico di pronto soccorso per il decesso del paziente dopo l’affidamento ad altro reparto?

Continua

Danno da vacanza rovinata

Danno da vacanza rovinata ed evoluzione del sistema normativo che vede un notevole ampliamento della tutela del consumatore

Continua

Il danno da “stress lavoro correlato”

Lo stress determinato dall'attività lavorativa viene denominato “stress lavoro correlato”

Continua

Madre che si occupa da sola della figlia

La madre che si occupa da sola delle necessità della figlia, ha diritto al rimborso delle spese sostenute e al risarcimento del danno non patrimoniale

Continua

Anziana attraversa fuori dalle strisce pedonali

Se una persona anziana attraversa la strada fuori dalle strisce pedonali e viene investita e uccisa, sussiste la responsabilità del conducente

Continua

Suicidio in casa di cura e responsabilità

Il suicidio del paziente si sarebbe potuto evitare se, nella casa di cura presso cui era ricoverato, il medico avesse adottato le opportune cautele

Continua

Sinistro stradale e responsabilità medica

Nel caso di incidente stradale, causativo di lesioni, l’ipotetica negligenza o imperizia dei medici non è idonea a interrompere il nesso di causalità

Continua

L’assegno postdatato emesso a fine di garanzia

Il rilascio di un assegno postdatato in garanzia continua a essere un valido strumento per assicurare al creditore l’adempimento della prestazione

Continua

Licenziamento e periodo di comporto: illegittimità

Le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione hanno dichiarato la illegittimità del licenziamento per superamento del periodo di comporto

Continua

Responsabilità medica da diagnosi errata

Una diagnosi errata comporta la veicolazione di una informazione sbagliata produttiva di un profondo stato di preoccupazione, fonte di risarcimento

Continua

Chirurgia estetica: omessa informazione e danno

Se il chirurgo estetico procura un inestetismo più grave di quello che mirava di eliminare, al paziente non informato spetta il risarcimento del danno

Continua

Separazione: figlio perde diritto al mantenimento

Il figlio universitario perde il diritto ad essere mantenuto se dimostra uno scarsissimo rendimento

Continua

Infortunio mortale sul lavoro

Il datore di lavoro deve mettere in atto tutte quelle misure idonee a tutelare l’integrità psicofisica del lavoratore

Continua

Malato terminale: perdita chances di sopravvivenza

Se una errata diagnosi e cura diminuiscono le chance di sopravvivenza di un malato terminale, l`ospedale deve risarcire il danno non patrimoniale

Continua

Maltrattamenti in famiglia

La Cassazione evidenzia come il reato di maltrattamenti in famiglia si configuri anche mediante atti di disprezzo e di offese

Continua