Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Interessi moratori e usura

Come comportarsi se la banca stabilisce interessi moratori che superano la soglia dell'usura? La clausola degli interessi è nulla?

Interessi  moratori e usura - Come comportarsi se la banca stabilisce interessi moratori che superano la soglia dell'usura?
La clausola degli interessi è nulla?

Tema interessante e di non immediata soluzione è la qualificazione degli interessi moratori, pattuiti in caso di indamempimento  o di ritardato adempimento degli obblighi contrattuali, in relazione al reato di usura. Il tema è ancor più rilevante ove si consideri che il D. Lgs. 231/2002 consente l'applicazione di un elevato tasso di interesse moratorio e che le banche, in caso di mora, applicano a tutti i contratti interessi calcolati in base al tasso euribor aumentato di qualche punto percentuale. 

 

Questa clausola è corretta? Prima di dare risposta alla domanda è necessario premettere che molto spesso, se si confronta il tasso pattuito in caso di mora con il Decreto del Ministero dell'Economia che definisce i TEGM (Tassi di interessi Effettivi Medi Globali), pubblicato con cadenza trimestrale secondo quanto previsto dalla legge n. 108/1996, spesso il limite di legge è superato. Da precisare che il Decreto ministeriale dichiara espressamente che il tasso è ricavato senza tener conto degli interessi moratori, che non sono compensativi e vengono applicati solo in caso di ritardo nell'adempimento. Sulla scorta di ciò la Banca d'Italia ha fornito chiarimenti in materia di applicazione della Legge Antiusura che vanno nella direzione di non tener conto degli interessi moratori nella verifica relativa alla usurarietà del tasso applicato. 

 

In effetti questa scelta ha una sua logica, dal momento che - ove fossero conteggiati gli interessi moratori - si avrebbe come conseguenza un innalzamento del tasso definito "usurario" con il rischio di considerare nella media operazioni con andamento anomalo. Tuttavia tale interpretazione cozza con la lettera della legge, che stabilisce all'art. 1 della Legge n. 108/1996 che oggetto della normativa sono gli interessi "promessi o comunque convenuti a qualsiasi titolo". Sulla scorta di ciò la Corte di Cassazione nel 2013 ha ribadito che "si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui essi sono promessi o comunque convenuti, a qualunque titolo, quindi anche a titolo di interessi moratori".  

 

L'effetto pratico di tale decisione non è di poco conto visto che rende applicabile anche per gli interessi moratori la disciplina prevista dall'art. 1815 c.c. che comporta la nullità degli interessi pattuiti, con obbligo per la banca di restituire tutte le somme percepite ad eccezione del capitale.  

 

In conclusione, sebbene dubbi interpretativi permangano, la giurisprudenza della Suprema Corte appare compatta nel ricoscere la nullità degli interessi pattuiti a qualunque titolo (quindi anche gli interessi moratori) in caso di superamento della soglia di usura.
Lo studio legale è a disposizione per una prima valutazione gratuita.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Saverio Palma

26/06/2014 12:09

Buongiorno Avvocato, le descrivo subito il mio problema : il giorno 12 Novembre 2007 accendo mutuo ipotecario,Tasso Soglia 8,56 ,Tasso di Mora 11,00 (come da contratto. pari alla media euribor 3/6 mesi + 6 punti percentuali). Si tratta di Usura Originaria? É possibile applicazione dell' articolo 1815 cc? Grazie .Saverio

Rispondi

Marco Andrea Lino

26/06/2014 16:34

Gentile Saverio Palma,
il caso da Lei prospettato rispecchia esattamente ciò di cui si parla nell'articolo.
La norma relativa all'usura è piuttosto esplicita ("chi si fa dare o promettere ... interessi usurari") e l'interpretazione della Cassazione del 2013 è fedele al dettato normativo.
Per di più la Corte di Cassazione ha specificato che il riferimento è anche agli interessi moratori, richiamando a supporto di tale interpretazione una pronuncia della Corte Costituzionale.
Sulla base di tale orientamento la procura di Trani ha recentemente esteso le indagini per usura anche alla Banca d'Italia e al Ministro dell'Economia che hanno avvalorato una differente interpretazione della normativa antiusura.
Il che induce ad un cauto ottimismo. Dico cauto, perché l'orientamento giurisprudenziale è soggetto ad evoluzione e non sempre porta a decisioni coerenti.
Per esempio segnalo che in tema di interessi moratori il Tribunale di Milano ha di recente decretato la nullità degli stessi, ma ha ritenuto validi e quindi operanti nella fattispecie gli interessi compensativi, applicando solo parzialmente l'art. 1815 c.c..
Disponibile ad approfondire in privato, saluto cordialmente.

In risposta al commento di Saverio Palma

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore č esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Nuove formule per la vendita di immobili

La crisi del mercato immobiliare e la minore propensione delle banche a concedere credito determina lo sviluppo di schemi contrattuali alternativi

Continua