Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale societario

Il principio del doppio binario “deragliato”

Lo statuto del contribuente fra sistema penale e tributario

Il principio del doppio binario “deragliato” - Lo statuto del contribuente fra sistema penale e tributario

Si sente sempre più spesso parlare di doppio binario sanzionatorio in materia di illecito penale-amministrativo, l’argomento è di notevole interesse, considerato che accarezza diversi ambiti del diritto, da quello penale a quello tributario, passando per quello comunitario.   
Venuto meno il regime della pregiudiziale tributaria, i rapporti tra procedimento penale e processo tributario sono ora regolati dal principio del “doppio binario”, secondo il quale, nel caso in cui siano instaurati  contemporaneamente, riguardo a medesimi fatti (ex art. 20 D.lgs. n.74 del 2000) da un lato il procedimento di accertamento tributario e dall’altro quello penale, non è più necessario che uno dei due venga automaticamente sospeso. Si configura dunque, una “fisiologica” autonomia dei procedimenti penale e tributario, nella quale l'Amministrazione finanziaria, anche a fronte di un illecito penalmente rilevante, debba comunque irrogare la sanzione amministrativa, salva solo la possibilità di sospenderne l'esecuzione fino all'esito del giudizio penale. D'altra parte, l'avvio (e addirittura la conclusione con provvedimento definitivo) del procedimento amministrativo non impedisce la celebrazione del processo penale.
Vanno dunque analizzate, in particolare, le implicazioni con riferimento all'istruzione probatoria.
Nel nostro ordinamento, ad esempio, il regime delle prove (quanto ad acquisizione e valenza) è differenziato per i due processi (tributario e penale).
Invero, se nel corso delle attività ispettive emergano indizi di reato, nel procedimento penale, differentemente dall’accertamento tributario, si devono obbligatoriamente seguire le disposizioni del codice di procedura penale. Nel processo tributario invece, non qualsiasi irritualità nell'acquisizione degli elementi rilevanti ai fini dell'accertamento fiscale comporta, di per sé, l'inutilizzabilità degli stessi, in mancanza di una specifica previsione in tal senso, esclusi tuttavia, i casi in cui viene in discussione la tutela dei diritti fondamentali di rango costituzionale.
In termini pratici, tutto ciò sta a significare che si riscontra un’asimmetria difensiva in capo ai contribuenti, i quali non ricevono adeguata tutela. È il caso degli accessi, delle ispezioni e delle verifiche effettuate dai verificatori fiscali (Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza), dato riscontrabile dall’analisi delle più importanti pronunce della giurisprudenza di merito e legittimità.
Un dato è incontrovertibile, la mancanza di una reale parità delle armi tra l’amministrazione finanziaria e i contribuenti trova la sua massima espressione proprio nel corso della verifica fiscale.
In punto di diritto, le prove acquisite a seguito di un accesso, non autorizzato o non debitamente autorizzato, sono inutilizzabili e tale vizio di legittimità può arrivare fino a inficiare l’intero accertamento. Tuttavia la giurisprudenza tributaria, a differenza di quella penale, ammette le prove, e più in generale i documenti acquisiti per effetto di un procedimento illegittimo o viziato. Laddove invece nel processo penale, secondo quanto disposto dall’art. 191 c.p.p.le prove acquisite in violazione dei divieti stabiliti dalla legge non possono essere utilizzate”. La domanda che si sono poste le Sezioni Unite (Sentenze n. 16424/2002 e 6315/2009) ha riguardato proprio questo aspetto, vale a dire l’estensione del principio ex art. 191 c.p.p. al processo tributario, quesito ad oggi ancora irrisolto.
Lo si può riscontrare anche dall’esame del leading case riguardante la cd. “lista Falciani, di forte impatto mediatico, infatti sono considerati “utilizzabili” i dati bancari trasmessi dall’autorità finanziaria francese a quella italiana ai sensi della Direttiva 77799/Cee, senza onere di preventiva verifica da parte dell’autorità destinataria, sebbene siano acquisiti con modalità illecite ed in violazione del diritto alla riservatezza bancaria (S.C. Ordinanza n.8605 del 28.04.2015).
Le conseguenze sono evidenti, tralasciando i tempi, sicuramente più brevi del processo tributario, rispetto a quello penale, si creano dei veri e propri “buchi di tutela” in capo ai contribuenti.
Quid pluris, le conseguenti statuizioni tributarie, non fanno altro che influenzare il giudice penale, il quale “pregiudicato” si sarà fatto un’idea basata su accertamenti irrituali, perché non rispondenti ai canoni previsti dal nostro codice di rito.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale societario

Avv. Gianluca Iaione - Salerno (SA)

Avv. Gianluca Iaione

Avvocati / Penale

Via Torretta 4

84122 - Salerno (SA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Diritto penale societario

Il rating di legalità rappresenta per le imprese la corretta gestione del proprio business con vantaggi per la concessione di finanziamenti

Continua

RSI – Modello L. 231/2001 e made in Italy

Vi è correlazione e complementarietà tra RSI e il modello della L.231/2001

Continua

Diritto penale societario

I comportamenti illeciti di manipolazione del mercato a livello nazionale richiamano le disposizioni del regolamento Ue 596/2014 con il nuovo decreto

Continua

Diritto penale societario

Ai fini della sussistenza del reato di evasione fiscale deve tenersi conto del netto dei costi dichiarati dall'imprenditore

Continua

Denuncia penale, parola al cittadino vittima di reato

Con il d.l. 9 maggio 2018 la procedibilità d'ufficio di alcune fattispecie criminose quali minaccia - truffa - degrada a procedibilità a querela

Continua

Blue whale: no reato di istigazione al suicidio

Non ricorre il reato di istigazione al suicidio nel caso di blue whale challenge se non si realizza un tentativo di suicidio o quantomeno una lesione

Continua

Responsabilità penale del custode

L'ente pubblico o un proprietario privato sono responsabili per le insidie inavvistabili ed imprevedibili dovute ad incuria salvo il caso fortuito

Continua

Violazione, sottrazione e soppressione della corrispondenza

Commette il reato di cui all'art. 616 cp chiunque violi la corrispondenza bancaria del coniuge utilizzandola nel giudizio di separazione

Continua

Diritto penale e corruzione

Non è reato corrompere un arbitro di collegio arbitrale stante la sua qualifica di soggetto privato delegato

Continua

Dir. penale, frode informatica e reati su internet

Nel caso di phishing nel delitto di frode informata è responsabile la banca o le poste con annesso risarcimento del cliente.

Continua

Diritto penale tributario

In materia di reati IVA vince la prescrizione della legge penale italiana su quella europea

Continua

Diffamazione su internet

Il delitto di diffamazione aggravato col mezzo stampa o dall'utilizzo di altro mezzo di pubblicità trova ampio riscontro mediante l'uso di facebook

Continua

Reati informatici e violazione della privacy

Costituisce violazione dell'obbligo di informazione nonché della privacy il trattamento di dati personali da parte di un soggetto o di una società

Continua

Nuovi reati nel codice penale

E' stata trasfusa nel codice penale qualche fattispecie di reato - speciale - senza subire modifiche su prescrizione divieti e sanzioni

Continua

Diritto penale societario

Codice privacy e trasferimento dati personali e societari tra Italia ed USA

Continua

Diritto penale tributario

Differenza tra abuso del diritto ed evasione

Continua

Diritto penale tributario

Novità per i reati tributari: confisca, continuazione e sequestro

Continua

Diritto penale alimentare, il reato di agropirateria

Il nuovo reato di agropirateria per contrastare la vendita di prodotti alimentari accompagnati da falsi segni distintivi o marchi contraffatti

Continua

Possibilità di patteggiamento per debiti tributari

Possibilità di patteggiamento dell'imputato nel processo penale per i reati tributari in caso di integrale pagamento del debito o ravvedimento operoso

Continua

Diritto penale societario a tutela del marchio

La contraffazione nell'ambito del settore della moda e del marchio con sequestro della merce idonea a trarre in inganno gli acquirenti

Continua

Contraffazione delle opere d`arte anche per Modigliani

Falso grossolano anche le opere del Modigliani. "Contraffazione di opere d'arte", sequestro e rischio confisca

Continua

Dura lex per Masterchef. I nuovi reati alimentari

Obbligatorietà dell'origine dei prodotti inseriti nei menù

Continua

Normativa sulla produzione e commercio del legname

Quadro normativo in materia di commercio e produzione del legno e modello 231/01

Continua

Responsabilità penale del gallerista

Contraffazione, alterazione e riproduzione di opere d'arte e falso dichiarato, artt. 178 e 179 del Codice dei beni culturali e del paesaggio

Continua

Il made in Italy a tutela rafforzata

Tutela del commercio e dei prodotti italiani dalla contraffazione

Continua

Frode fiscale e prescrizione

Contrasti applicativi tra la Corte di Giustizia europea e la Corte Costituzionale sui reati tributari

Continua

Compro oro, occhio alla ricettazione

Pericolo di usura, riciclaggio e ricettazione nei negozi

Continua

Diffamazione e social network

Circostanza aggravante o attenuata?

Continua

I nuovi crimini informatici nel codice penale

Reati informatici, prevenzione ed interventi alla luce del Dlgs. 231/2001

Continua

Computer crime e 231/2001

Reati informatici e responsabilità amministrativa degli Enti

Continua

Corte europea sull’evasione IVA

Diritto tributario e societario

Continua

Diritto aziendale ed alimentare

Impresa alimentare, nuove agevolazioni e rating di legalità

Continua

Diritto penale doganale e alimentare

Made in Italy, Olio Dop del Cilento, italian sounding e perfezionamento attivo.

Continua

Il falso biologico

Diritto penale alimentare, frode in commercio, nuovi articoli 516-517-517 bis.

Continua

Diritto penale aziendale

Nuovo codice degli appalti e delle concessioni, articolo 80, misure di self-cleaning e modello 231, condanne successive all'aggiudicazione.

Continua

Diritto penale alimentare

Responsabilità penale del legale rappresentate di una catena di supermercati, risk assessment, risk management, delega di funzioni.

Continua

Diritto penale alimentare

Responsabilità del direttore di un supermercato, nuovo articolo 440 c.p., particolare tenuità del fatto.

Continua

Diritto penale alimentare

Impresa agroalimentare, adozione del modello 231, il nuovo articolo 6 bis, il reato agroalimentare e di caporalato

Continua

Diritto penale tributario e revoca del giudicato

Dichiarazione infedele, condanna penale e riabilitazione giuridica delle imprese.

Continua

La responsabilità penale del gestore delle piste da sci

I gestori di pista da sci sono tenuti non solo a segnalare i tratti pericolosi della pista ma a renderli inaccessibli

Continua

Diritto penale doganale. Evasione IVA

Libera circolazione e abuso del diritto

Continua

Abuso del diritto nel diritto tributario

Elusione fiscale, overtax e depenalizzazione

Continua

Omicidio stradale negli Stati Uniti

Intervento dell`avvocato Gianluca Iaione - Proposta di riforma legislativa - Sala conferenze della Camera dei Deputati in Roma l’ 8 giugno 2012

Continua