Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza per la sicurezza sul lavoro

La sicurezza negli uffici

Un’interessante pubblicazione curata dall’Università Sapienza di Roma analizza nel dettaglio la sicurezza negli uffici

La sicurezza negli uffici - Un’interessante pubblicazione curata dall’Università Sapienza di Roma analizza nel dettaglio la sicurezza negli uffici

Un’interessante pubblicazione curata dall’Università Sapienza di Roma analizza nel dettaglio la sicurezza negli uffici. 

Nonostante sia opinione diffusa che il lavoro svolto in ufficio sia privo di pericoli, le statistiche confermano il verificarsi di non pochi casi di eventi dannosi che coinvolgono i lavoratori occupati in ambienti d’ufficio, nonostante ovviamente in maniera minore rispetto ad ambienti di produzione quali fabbriche, cantieri, fonderie, ecc. 

 Di seguito si riportano alcuni esempi di incidenti o situazioni rischiose che occorrono negli uffici: 

-  Urto contro l’anta di un armadio lasciato aperto; 

-  Caduta da sedie usate impropriamente per raggiungere scaffali in altezza; 

-  Scivolamenti da scale; 

-  Posture non adatte o ergonomicamente non corrette durante il lavoro alla scrivania. 

Le soluzioni a queste problematiche consistono nell’applicazione dei principi di prevenzione a monte dei quali assumono un ruolo fondamentale la corretta progettazione dell’ambiente e della postazione di lavoro, l’organizzazione, ma anche l’adozione da parte dei lavoratori di corretti comportamenti durante l’effettuazione della propria attività d’ufficio. 

La pubblicazione dell’Università la Sapienza analizza alcuni aspetti del lavoro d’ufficio, indicando, per ciascuno, quali possano essere le possibili condizioni di pericolo e le possibili soluzioni finalizzate a prevenire gli effetti dannosi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, in particolare: 

-  Contenuto del lavoro, organizzazione e comportamento 

o   Sovraccarico o sottocarico lavorativo (ad esempio tenere conto delle capacità del singolo, alternanza attività routine/attività concentrazione) 

o   Problemi psicosociali e di comunicazione 

o   Aspetti direttivi del lavoro (responsabilità dei capi, processi ben definiti, meritocrazia ecc) 

o   Comunicazione interna (cultura del dialogo a tutti I livelli) 

o   Tensioni rapporti interpersonali, mobbing, molestie (punti di ascolto, affrontare i conflitti, riconoscere i segnali di allarme) 

o   Alcool medicinali e droghe (riconoscere I segnali di allarme, aiuto esterno) 

o   Pause e periodo di riposo limitato (pause regolari, rispetto del riposo giornaliero) 

o   Uffici open space (creare separazioni, liberta di movimento) 

o   Telelavoro (favorire scambio di informazioni e contatto tra colleghi) 

o   Fattori di disturbo (ridurre rumori fastidiosi di conversazioni telefoniche mediante opportune installazioni, evitare odori che causino disturbo, rispettare le norme sul fumo passivo) 

o   Reception client, sportello, accoglienza (fare pause, alternare mansioni, pulsanti di emergenza) 

o   Postura, attività prolungata in posizione seduta o in piedi, movimentazione carichi (creare posti di lavoro che permettano alternanza seduta/in piedi, appoggi per chi sta sempre in piedi, mezzi adeguati per spostare carichi pesanti). 

o   Disposizioni speciali in caso di maternità (evitare stress, prevedere occupazione diversa, evitare sollevamento carichi, concedere necessario tempo e luogo per allattamento) 

o   Trasferte di lavoro (rispettare regole guida in sicurezza) 

o   Reception, attività di portineria, smistamento posta (contatti in caso di allarme) 

-  Ambiente e postazione di lavoro (ergonomia, illuminazione, microclima ecc) 

-  Requisiti della postazione di lavoro 

-  Il rischio elettrico (sistemi di protezione impianti, comportamenti appropriati) 

-  Movimentazione manuale dei carichi 

-  Altri rischi connessi alle attività in ufficio (misure comportamentali di carattere generale, misure per l’utilizzo in sicurezza delle attrezzature quali fotocopiatrici e scale) 

-  La segnaletica di sicurezza e di emergenza (esempi di segnaletica di sicurezza e di emergenza) 

 

Una lettura interessante consigliata a tutti i Datori di Lavoro.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza per la sicurezza sul lavoro

Light-consulting Di Radice Paola - Viggiù (VA)

Light-consulting Di Radice Paola

Consulenti per la sicurezza sul lavoro / Sicurezza sul lavoro

Via Monviso 20/a

21059 - Viggiù (VA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Azioni per affrontare rischi ed opportunità

La nuova ISO 9001:2015 è caratterizzata da un approccio sistematico al rischio

Continua

ISO 9001:2015 – Le informazioni documentate

Nella nuova edizione della ISO 9001:2015 una parte che ha subito una sensibile revisione è quella relativa ai documenti

Continua

ISO 39001 sulla Sicurezza Traffico Stradale

Gli incidenti stradali sono tra le più comuni cause di lesioni e di morte a livello mondiale. Si stima che milioni di persone vengono uccise e ferite.

Continua

Come prepararsi alla nuova ISO 9001:2015

La transizione alla nuova norma non si risolve con l’utilizzo della sola tabella di correlazione tra vecchi e nuovi punti della norma.

Continua

Aspetti organizzativi della sicurezza sul lavoro

Un quaderno pubblicato da Università Sapienza di Roma descrive gli aspetti organizzativi previsti dal D.Lgs.81/08

Continua

ISO 9001:2015 – Risk Based Thinking

La nuova ISO 9001:2015 è caratterizzata da un approccio sistematico al rischio

Continua

Sorveglianza sanitaria nei casi di distacco

La Commissione Interpelli fornisce chiarimenti sulle corretta interpretazione all’obbligo della sorveglianza sanitaria nei casi di distacco.

Continua

I rischi da interferenza e il DUVRI

Il DUVRI è il risultato della cooperazione tra i datori di lavoro del committente e del fornitore

Continua

Parte il nuovo Ispettorato per il Lavoro

L’Ispettorato nasce al fine di razionalizzare e semplificare l'attività di vigilanza in materia di lavoro e legislazione sociale

Continua

ISO 50001 Sistemi di Gestione dell’energia

ISO 50001 SGE - Sistemi di Gestione dell’energia. Il FIRE ha tirato le somme sui risultati della sua applicazione in Italia.

Continua

Il nuovo Accordo Stato-Regioni del 07 luglio 2016

Approvato il nuovo Accordo Stato-Regioni finalizzato alla individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per RSPP e ASPP

Continua

ISO 9001 Come definire il campo di applicazione?

Il punto 4.3 della nuova ISO 9001 definisce i requisiti che una organizzazione deve rispettare nel determinare il campo di applicazione del SGQ

Continua

Informazioni documentate e la nuova ISO 9001:2015

La nuova edizione della ISO 9001 rispetto alla precedente versione abbandona i formalismi tendendo ai contenuti e ai risultati

Continua

Nuovo Codice Appalti: le riduzioni sulle garanzie

Il nuovo Codice Appalti definisce le riduzioni sulla polizza fideiussoria per le organizzazioni certificate

Continua

ISO 9001:2015 e l’HLS (Hight Level Structure)

La prima novità della nuova USO 9001:2015 è riscontrabile nell’adozione di una nuova struttura generale denominata HLS - Hight Level Structure.

Continua

Le nuove ISO 9001:2015 e 14001:2015. E adesso?

Sono state pubblicate le nuove norme ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015. Ma l’organizzazione certificata secondo le vecchie norme, cosa deve fare?

Continua