Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulente finanziario indipendente

La liquidità dei titoli obbligazionari

Le informazioni utili per capire se un'obbligazione è sufficientemente liquida per poter essere scambiata evitando sorprese

La liquidità dei titoli obbligazionari - Le informazioni utili per capire se un'obbligazione è sufficientemente liquida per poter essere scambiata evitando sorprese

La liquidità può essere definita come la possibilità di acquistare o vendere un titolo senza significative ripercussioni negative sul prezzo.
L'aspetto della liquidità sul mercato di scambio è spesso sottovalutato dai risparmiatori quando acquistano un titolo obbligazionario. E a torto, perché spesso può rivelarsi un fattore fondamentale, considerato che il prezzo di uno strumento illiquido soffre terribilmente, soprattutto nelle fasi di turbolenza dei mercati. 

Per un risparmiatore non è semplice evitare di finire in simili trappole. Ecco alcune informazioni che possono tornare utili:

Mercato: quando l'obbligazione è quotata in specifici mercati regolamentati (come il Mot, l'Eurotlx, l'Hi-MTF) la liquidità è di solito migliore, soprattutto se si negoziano piccoli importi.

Volume degli scambi: quanto maggiore è il volume scambiato, tanto migliore dovrebbe essere la liquidità. In genere si considera sufficientemente liquido un titolo che scambia almeno 500.000 euro al giorno su mercati regolamentati.

Spread denaro-lettera: minore è la differenza tra il prezzo "denaro" e quello "lettera", migliore è la liquidità (il prezzo "denaro" è quello al quale l'intermediario è disposto ad acquistare, ovvero il prezzo al quale l'investitore vende; di contro, il prezzo "lettera" è quello al quale l'intermediario è disposto a vendere, ovvero il prezzo al quale l'investitore acquista).

Dimensione dell'emissione: maggiore è la dimensione, migliore è di norma la liquidità sul secondario (il mercato finanziario secondario è il luogo dove sono trattati i titoli già in circolazione, che vi rimangono fino alla loro eventuale scadenza. E' logicamente contrapposto al mercato finanziario primario: ogni titolo nasce sul mercato primario e dopo l'emissione e il collocamento passa al secondario, in cui vengono raccolte tutte le operazioni dalla seconda in poi). Emissioni superiori ai 500 milioni di euro sono generalmente abbastanza liquide.

Caratteristiche dei titoli: le obbligazioni con caratteristiche complicate, ad esempio quelle con formule di indicizzazione poco comprensibili, sono spesso poco liquide sul secondario.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulente finanziario indipendente

Dott. Giuseppe Cioce - Consulente Finanziario Indipendente Associato Nafop - Canosa di Puglia (BT)

Dott. Giuseppe Cioce - Consulente Finanziario Indipendente associato NAFOP

Consulenti Finanziari / Consulenza finanziaria indipendente

Via Montescupolo 8

76012 - Canosa di Puglia (BT)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo