Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale societario

Diritto aziendale ed alimentare

Impresa alimentare, nuove agevolazioni e rating di legalità

Diritto aziendale ed alimentare - Impresa alimentare, nuove agevolazioni e rating di legalità

Con l’introduzione dell’articolo 6 bis all’interno del D.lgs. 231/2001, rubricato “Modelli di organizzazione dell’ente qualificato come impresa alimentare”, inevitabilmente, tutte quelle agevolazioni derivanti dall’adozione di modelli di organizzazione e gestione, in linea con il predetto decreto legislativo, si estendono alle imprese che si occupano del settore alimentare, si pensi a titolo esemplificativo, alle aziende conserviere di pomodori, dell’olio D.o.p., delle arance e dei limoni, tutte imprese, presenti sul territorio nazionale e che rappresentano l’eccellenza, sia in ambito europeo che mondiale. Il legislatore, conscio dell’intrinseco valore aggiunto di tali imprese, al fine di incentivarne la crescita, ogni anno studia delle misure, in grado di contemperare da un lato le esigenze dei produttori e dall’altro quello dei consumatori, cercando di abbattere (per entrambi) i costi. Nel 2016, in particolare, ha infatti riproposto, presumibilmente anche nel 2017, un bando, chiamato ISI INAIL, che permette di ricevere, un cosiddetto “sconto per prevenzione”, in base al quale, grazie alla compilazione di un apposito modulo (denominato OT/24), le imprese possono chiedere ed ottenere la riduzione del tasso di premio INAIL applicabile all’azienda stessa, qualora abbiano implementato determinate misure non obbligatorie, per migliorare la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Le agevolazioni finanziarie, riguardanti l’adozione di modelli organizzativi sempre più precisi e puntuali, vanno classificate in varie tipologie: a) Contributi a fondo perduto; b) Finanziamenti a tasso agevolato; c) Partecipazione al capitale proprio; d) Incentivi fiscali. 

 

Perché dunque è importante, oggi anche nel settore agroalimentare, dotarsi di un “efficace modello 231”? Perché si può: 

 

-          avere accesso, più facilmente ai finanziamenti, sia delle istituzioni comunitarie, sia delle banche convenzionate, a sostegno degli investimenti, della tutela dell’ambiente e della sicurezza sul lavoro; 

 

-          predisporre un’adeguata tutela avverso tutti i nuovi reati agroalimentari, previsti dal disegno di legge 2231 del 2016 (es. agropirateria e frode in commercio di prodotti alimentari). 

 

-          accedere, senza difficoltà, ai bandi relativi agli appalti pubblici, vedendosi riservate, in alcuni casi, perfino corsie preferenziali. In varie regioni come Lombardia, Calabria, Abruzzo ed in parte anche in Campania, l’aver adottato un modello ex 231 è un requisito essenziale per l’accesso ai rapporti economici con le stesse e per l’accreditamento ai fini dell’erogazione di determinati servizi. 

 

Tutto ciò è possibile, in quanto tale requisito è divenuto, sempre più centrale, nell’attribuzione del cosiddetto rating di legalità. Il rating di legalità è un tipo di “rating etico destinato alle imprese italiane, che ha avuto origine nel 2012. Per ottenere il rating “di base” (vale a dire: una stella) occorrono alcuni requisiti minimi autocertificati, ad esempio l'assenza di misure cautelari personali o patrimoniali per gli amministratori e soci, oppure, l'assenza di provvedimenti per il mancato rispetto delle leggi sulla tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e violazioni in materia retributiva, contributiva, assicurativi e fiscale. Per raggiungere la valutazione massima, vale a dire la terza stella, è tuttavia richiesto il possesso di ulteriori requisiti, tra cui, in particolare, il possesso di un organo di controllo efficace ai sensi del sistema di governo e prevenzioni richiesto dal D.lgs. 231 del 2001, la presenza di acclarati sistemi di Corporate Social Responsibility (CSR); nonché l’adesione a codici etici di categoria. 

In estrema sintesi, la ratio degli incentivi, proposti dallo Stato, si ravvisa nella ricerca di quel giusto equilibrio tra sviluppo e sostenibilità delle imprese, nel caso di specie, alimentari, individuabile attraverso un indice ben determinato, il rating di legalità, la cui valutazione può essere arricchita attraverso l’implementazione del modello di organizzazione e gestione, così come previsto dal D.lgs. 231 del 2001.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale societario

Avv. Gianluca Iaione - Salerno (SA)

Avv. Gianluca Iaione

Avvocati / Penale

Via Torretta 4

84122 - Salerno (SA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Normativa sulla produzione e commercio del legname

Quadro normativo in materia di commercio e produzione del legno e modello 231/01

Continua

Responsabilità penale del gallerista

Contraffazione, alterazione e riproduzione di opere d'arte e falso dichiarato, artt. 178 e 179 del Codice dei beni culturali e del paesaggio

Continua

Il made in Italy a tutela rafforzata

Tutela del commercio e dei prodotti italiani dalla contraffazione

Continua

Frode fiscale e prescrizione

Contrasti applicativi tra la Corte di Giustizia europea e la Corte Costituzionale sui reati tributari

Continua

Compro oro, occhio alla ricettazione

Pericolo di usura, riciclaggio e ricettazione nei negozi

Continua

Diffamazione e social network

Circostanza aggravante o attenuata?

Continua

I nuovi crimini informatici nel codice penale

Reati informatici, prevenzione ed interventi alla luce del Dlgs. 231/2001

Continua

Computer crime e 231/2001

Reati informatici e responsabilità amministrativa degli Enti

Continua

Corte europea sull’evasione IVA

Diritto tributario e societario

Continua

Il principio del doppio binario “deragliato”

Lo statuto del contribuente fra sistema penale e tributario

Continua

Diritto penale doganale e alimentare

Made in Italy, Olio Dop del Cilento, italian sounding e perfezionamento attivo.

Continua

Il falso biologico

Diritto penale alimentare, frode in commercio, nuovi articoli 516-517-517 bis.

Continua

Diritto penale aziendale

Nuovo codice degli appalti e delle concessioni, articolo 80, misure di self-cleaning e modello 231, condanne successive all'aggiudicazione.

Continua

Diritto penale alimentare

Responsabilità penale del legale rappresentate di una catena di supermercati, risk assessment, risk management, delega di funzioni.

Continua

Diritto penale alimentare

Responsabilità del direttore di un supermercato, nuovo articolo 440 c.p., particolare tenuità del fatto.

Continua

Diritto penale alimentare

Impresa agroalimentare, adozione del modello 231, il nuovo articolo 6 bis, il reato agroalimentare e di caporalato

Continua

Diritto penale tributario e revoca del giudicato

Dichiarazione infedele, condanna penale e riabilitazione giuridica delle imprese.

Continua

La responsabilità penale del gestore delle piste da sci

I gestori di pista da sci sono tenuti non solo a segnalare i tratti pericolosi della pista ma a renderli inaccessibli

Continua

Diritto penale doganale. Evasione IVA

Libera circolazione e abuso del diritto

Continua

Abuso del diritto nel diritto tributario

Elusione fiscale, overtax e depenalizzazione

Continua

Omicidio stradale negli Stati Uniti

Intervento dell`avvocato Gianluca Iaione - Proposta di riforma legislativa - Sala conferenze della Camera dei Deputati in Roma l’ 8 giugno 2012

Continua