Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza per la sicurezza sul lavoro

Come prepararsi alla nuova ISO 9001:2015

La transizione alla nuova norma non si risolve con l’utilizzo della sola tabella di correlazione tra vecchi e nuovi punti della norma.

Come prepararsi alla nuova ISO 9001:2015 - La transizione alla nuova norma non si risolve con l’utilizzo della sola tabella di correlazione tra vecchi e nuovi punti della norma.

Entro il 15 settembre 2018 tutte le “certificazioni qualità” dovranno essere aggiornate e riemesse secondo la nuova edizione della norma. 

La transizione alla nuova norma non si risolve con l’utilizzo della sola tabella di correlazione tra vecchi e nuovi punti della norma, così come l’analisi del contesto e dei rischi/opportunità non può essere copiata da un sistema di gestione già certificato. Sicuramente il processo di transizione utile al miglioramento dell’azienda non può essere pianificato ed attuato in pochi giorni di lavoro. 

La nuova norma ha cambiato radicalmente anche i documenti che è necessario mantenere. 

Prima di tutto va chiarito quali sono le informazioni che l’organizzazione deve mantenere: 

·         Lo scopo e campo di applicazione del sistema di gestione per la qualità (punto 4.3) 

·         Le informazioni documentate a supporto della funzionalità dei processi (4.4) 

·         La politica della qualità (5.2) 

·         Gli obiettivi della qualità (6.2) 

Col fine di fornire evidenze dei risultati ottenuti devono essere conservate anche queste informazioni: 

·         Informazioni che dimostrino che il processo è condotto come pianificato (4.4) 

·         Evidenze dell’adeguatezza delle risorse di monitoraggio e misura (7.1.5.1) 

·         Evidenza della riferibilità di monitoraggi e misurazioni (7.1.5.2) 

·         Evidenza delle competenze del personale che può influenzare la prestazione e l’efficacia del SGQ (7.2) 

·         Evidenze di riesame dei requisiti di prodotti e servizi (8.2.3) 

·         Registrazioni atte a dimostrare che i requisiti di progettazione e sviluppo sono stati soddisfatti (8.3.2) 

·         Registrazioni riguardanti gli input di progettazione e sviluppo (8.3.3) 

·         Controlli delle attività di progettazione e sviluppo (8.3.4) 

·         Registrazioni riguardanti gli output di progettazione e sviluppo (8.3.5) 

·         Modifiche di progettazione e sviluppo, incluso i risultati delle revisioni, le autorizzazioni alle modifiche e le azioni necessarie alle stesse (8.3.6) 

·         Registrazioni della valutazione, selezione, monitoraggio continuo dei fornitori esterni e le azioni derivanti da queste attività (8.4.1) 

·         Evidenza di identificazione univoca degli output quando la tracciabilità è un requisito (8.5.2) 

·         Evidenza della perdita, danneggiamento o causa di non utilizzabilità di proprietà di clienti o fornitori esterni e comunicazione ai rispettivi proprietari ((8.5.3) 

·         Risultati del riesame delle modifiche di fornitura di prodotto o servizio inclusi chi ha concesso l’autorizzazione e le azioni intraprese (8.5.6) 

·         Registrazioni del rilascio di prodotti e servizi compresi criteri utilizzati e autorizzazioni al rilascio (8.6) 

·         Registrazione delle non conformità, azioni intraprese, concessioni ottenute, identificazione dell’autorità che decide le azioni riferite alla non conformità (8.7) 

·         Risultati della valutazione delle performance e dell’efficacia del SGQ. (9.1.1) 

·         Evidenza dell’implementazione del programma di audit interni e relativi risultati (9.2.2) 

·         Evidenze del riesame della direzione (9.3.3) 

·         Evidenza della natura delle non conformità e di ogni azione conseguentemente intrapresa (10.2.2) 

·         Risultati di ogni azione correttiva (10.2.2) 

L’organizzazione deve poi mantenere anche tutti i documenti che dovessero risultare necessari dall’analisi del contesto e dei rischi/opportunità o che fossero stati valutati necessari per il corretto svolgimento dei processi.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza per la sicurezza sul lavoro

Light-consulting Di Radice Paola - Viggiù (VA)

Light-consulting Di Radice Paola

Consulenti per la sicurezza sul lavoro / Sicurezza sul lavoro

Via Monviso 20/a

21059 - Viggiù (VA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Azioni per affrontare rischi ed opportunità

La nuova ISO 9001:2015 è caratterizzata da un approccio sistematico al rischio

Continua

ISO 9001:2015 – Le informazioni documentate

Nella nuova edizione della ISO 9001:2015 una parte che ha subito una sensibile revisione è quella relativa ai documenti

Continua

ISO 39001 sulla Sicurezza Traffico Stradale

Gli incidenti stradali sono tra le più comuni cause di lesioni e di morte a livello mondiale. Si stima che milioni di persone vengono uccise e ferite.

Continua

La sicurezza negli uffici

Un’interessante pubblicazione curata dall’Università Sapienza di Roma analizza nel dettaglio la sicurezza negli uffici

Continua

Aspetti organizzativi della sicurezza sul lavoro

Un quaderno pubblicato da Università Sapienza di Roma descrive gli aspetti organizzativi previsti dal D.Lgs.81/08

Continua

ISO 9001:2015 – Risk Based Thinking

La nuova ISO 9001:2015 è caratterizzata da un approccio sistematico al rischio

Continua

Sorveglianza sanitaria nei casi di distacco

La Commissione Interpelli fornisce chiarimenti sulle corretta interpretazione all’obbligo della sorveglianza sanitaria nei casi di distacco.

Continua

I rischi da interferenza e il DUVRI

Il DUVRI è il risultato della cooperazione tra i datori di lavoro del committente e del fornitore

Continua

Parte il nuovo Ispettorato per il Lavoro

L’Ispettorato nasce al fine di razionalizzare e semplificare l'attività di vigilanza in materia di lavoro e legislazione sociale

Continua

ISO 50001 Sistemi di Gestione dell’energia

ISO 50001 SGE - Sistemi di Gestione dell’energia. Il FIRE ha tirato le somme sui risultati della sua applicazione in Italia.

Continua

Il nuovo Accordo Stato-Regioni del 07 luglio 2016

Approvato il nuovo Accordo Stato-Regioni finalizzato alla individuazione della durata e dei contenuti minimi dei percorsi formativi per RSPP e ASPP

Continua

ISO 9001 Come definire il campo di applicazione?

Il punto 4.3 della nuova ISO 9001 definisce i requisiti che una organizzazione deve rispettare nel determinare il campo di applicazione del SGQ

Continua

Informazioni documentate e la nuova ISO 9001:2015

La nuova edizione della ISO 9001 rispetto alla precedente versione abbandona i formalismi tendendo ai contenuti e ai risultati

Continua

Nuovo Codice Appalti: le riduzioni sulle garanzie

Il nuovo Codice Appalti definisce le riduzioni sulla polizza fideiussoria per le organizzazioni certificate

Continua

ISO 9001:2015 e l’HLS (Hight Level Structure)

La prima novità della nuova USO 9001:2015 è riscontrabile nell’adozione di una nuova struttura generale denominata HLS - Hight Level Structure.

Continua

Le nuove ISO 9001:2015 e 14001:2015. E adesso?

Sono state pubblicate le nuove norme ISO 9001:2015 e ISO 14001:2015. Ma l’organizzazione certificata secondo le vecchie norme, cosa deve fare?

Continua