Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Stalking: bastano due condotte?

Mano dura della Cassazione: sussiste il concorso tra il reato di stalking e quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni

Stalking: bastano due condotte? - Mano dura  della Cassazione: sussiste il concorso tra il reato di stalking e quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni

Il caso 

Tizio, con condotte reiterate, minacciava di morte Caio per costringerlo a rilasciargli  una somma di denaro - a suo dire sborsata per sostenere le spese per realizzare un disco - ed a stipulare  un contratto discografico. 

 

Orbene, dopo qualche tempo, estendeva la minaccia anche ai suoi genitori e, inoltre, diversificava la minaccia, questa volta consistente nella rivelazione di informazioni riservate relative alla sorella di Caio, ormai defunta, al vedovo, cognato di Caio, che gli avrebbero consentito di vincere agevolmente una causa civile pendente tra di loro. 

 

La Corte di Appello aveva derubricato il delitto di tentata estorsione in quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni, in concorso con il reato di atti persecutori, e la Difesa aveva interposto ricorso per Cassazione, sostenendo l'impossibilità di ritenere il concorso tra i due reati. 

 

La decisione   

La Suprema Corte, con la sentenza in commento (Sezione V, 20696/16 (29.1.2016 – 18.5.2016), ha dapprima precisato, in ordine al reato di stalking, che: 

 

Sono sufficienti anche due soli episodi di minaccia o molestia

È sufficiente che le predette condotte siano consumate in un arco molto ristretto; 

Trattasi di reato abituale, dunque è necessario valutare la condotta persecutoria nel suo complesso; 

Dalla condotta persecutoria deve conseguire un mutamento di abitudini della vittima, ovvero un grave stato d’ansia o, ancora, un fondato timore per la propria o altrui (più correttamente: persona affettivamente legata alla persona offesa), incolumità; 

 

Ha poi evidenziato, quanto al bene giuridico protetto, che scopo della norma è quello di tutelare l’individuo da condotte che ne condizionino la vita e la tranquillità personale. 

 

Muovendo da tale assunto, la Corte ha  poi ricordato  come la giurisprudenza di legittimità abbia già affermato il concorso tra il delitto di atti persecutori ed altri reati, quali quello di violenza privata (Sezione V, n. 51718/14) - che protegge la libertà di autodeterminazione di azione - quello di diffamazione - quando la condotta diffamatoria costituisca una delle molestie costitutive dell’art. 612 bis c.p. (sezione I, n°19924) - e, ancora, con la contravvenzione prevista dall’art. 660 c.p. (molestia e disturbo alle persone), che protegge il turbamento alla pubblica tranquillità mediante l’offesa a quella privata. 

 

Rilievi critici   

La Suprema Corte non pare faccia buon governo del principio di assorbimento, che dovrebbe essere invece utilizzato per risolvere il fenomeno che si realizza tutte le volte in cui rispetto ad una medesima situazione di fatto convergono più norme (cd. Concorso apparente di norme). 

 

Non v’è dubbio che, nel caso di concorso tra stalking e violenza privata (mutatis mutandis stesso discorso vale per il concorso con la contravvenzione disciplinata dall’art. 660 c.p.), identica sia la condotta materiale, che può consistere, per l’appunto, oltre che nella violenza, anche nella minaccia, utilizzata, esattamente come nel delitto di atti persecutori, al fine di coartare la libertà di autodeterminazione della vittima. 

 

A nulla vale, ad avviso di chi scrive, il richiamo alla differenza di beni giuridici protetti, che legittimerebbe, secondo la Suprema Corte, l’opzione circa la sussistenza del concorso di reati. 

 

La ragione è presto detta: il principio di consunzione è criterio di valore e ad esso si ricorre allorquando, (V. Fiandaca – Musco, Parte Generale, pag. 636, Ristampa 2005) per la commissione di un determinato reato. occorre porre in essere  una certa condotta, che integra anche un altro reato, il quale ultimo finisce per essere assorbito nel primo secondo una valutazione normativo-sociale. 

 

A ben vedere, pertanto, il reato di violenza privata, o quello di molestie, puniti rispettivamente dagli articoli 612 e 660 c.p., essendo elementi costitutivi del più grave delitto di atti persecutori, non possono che essere ritenuti assorbiti nel secondo, in forza del principio logico-valoriale secondo cui “il più contiene il meno”. 

 

Si auspica che un maggiore rigore nell’applicazione di principi fondamentali che presiedono all’applicazione delle norme penali, comporti un mutamento della giurisprudenza in senso più favorevole al reo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Adele Manno - Catanzaro (CZ)

Avv. Adele Manno

Avvocati / Penale

Via Pugliese 12

88100 - Catanzaro (CZ)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sovraffollamento carcerario

La Suprema Corte di Cassazione interpreta in maniera favorevole al detenuto il modo per calcolare lo spazio minimo vitale

Continua

Omicidio e concorso anomalo nel reato

Non sempre l’aiuto dato all’autore di un omicidio configura un’ipotesi di concorso in quel reato

Continua

Interposizione fittizia e locazione di immobile

Nessun reato commette chi, pur con l’intento di occultare la propria presenza dentro un’attività commerciale, non l’acquista ma ne diventa locatario

Continua

416 bis c.p.: quando è reato?

Le condotte di mera contiguità, come la vicinanza o disponibilità nei riguardi di singoli mafiosi, anche di spicco, non integrano il reato

Continua

Revoca patente guida e art. 7 Corte EDU

Sospetta illegittimità costituzionale della revoca della patente di guida al condannato per reati di stupefacenti

Continua

Mafiosi e misure di prevenzione: no ad automatismi

Devono essere accertati elementi sintomatici dell'attualità della pericolosità per l'applicazione di misure di prevenzione a condannati per mafia

Continua

Traffico di droga: nessuna confisca

No alla confisca “allargata” se l’associazione è dedita a traffici di sostanza stupefacente di lieve entità, possibile quella ex art. 240 c.p.p.

Continua