Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

TRUST E FISCALITA': il parere di Silvano Maggio

Intervista su "Patrimonia e Consulenza". Case Study "Trust Famiglia Rossi"

TRUST E FISCALITA': il parere di Silvano Maggio - Intervista su "Patrimonia e Consulenza". 
Case Study "Trust Famiglia Rossi"

D: Qual è al momento attuale la situazione riferita al carico fiscale del contribuente che voglia costituire un trust?
Dr. Silvano Maggio: “A rendere assai interessante nel recente passato, anche dal punto di vista fiscale, la costituzione di un trust in particolare erano, da un lato, con riferimento all’imposta di donazione/successione, il vantaggioso trattamento riservato a tutto quanto vi era conferito, e dall'altro, con riferimento alle imposte dirette, l'estremo favore riservato ai redditi tassati in capo al trust, di poco superiore all’1%! Ora questa seconda possibilità non esiste più da un paio d'anni ormai, e, la prima, estremamente vantaggiosa, resiste ancora, anche se il Governo precedentemtne in carica ha espresso da tempo l'intenzione di metterci pesantemente le mani. L'intervento che, in particolare l'Ex Viceministro Zanetti ha in più occasioni annunciato, per quanto riguarda appunto l'imposta di donazione/successione, vedrebbe la riduzione da 1 milione di euro a 250 mila euro dalla franchigia e l'innalzamento del 40% ad un probabile 10% dell'aliquota ora riservata al coniuge e ai parenti in linea retta.
D: Questo cosa comporterebbe?
Dr. Silvano Maggio: “Per il contribuente, il significato concreto di questo intervento è quello di un aggravio di non poco rilievo: le situazioni di vantaggio non ci sarebbero più. Ad ogni modo, quella tratteggiata è solo una proposta ministeriale. Lo stato attuale relativo alle norme fiscali sulle successioni e donazioni infatti consente ancora enormi vantaggi. Il contribuente, se è coniuge ad esempio, al momento o non paga o paga con una aliquota pari al 4%, che è davvero contenuta e certo non ha confronti in Europa.
D: Nonostante i vantaggi fiscali, il trust è ancora visto con sospetto: come mai?
Dr. Silvano Maggio: “La mia formazione quarantennale di commercialista mi ha spinto ad analizzare con puntiglio e determinazione i casi che mi venivano sottoposti. L’esperienza sul campo mi insegna che i clienti non sono ancora informati in maniera accurata sul trust. Se alla disinformazione si aggiunge anche l’uso distorto da parte di alcuni “professionisti”, le conclusioni sono abbastanza ovvie.
Tutti dovrebbero invece sapere ormai che il trust sul piano giuridico consente numerosi vantaggi sia per il cliente-famiglia sia per il cliente-impresa. Si tratta di uno strumento assai flessibile e, combinato con una sana creatività e conoscenza, realizza soluzioni tutte “meritevoli di tutela secondo l’ordinamento giuridico”, come recita il Codice Civile.”
CASE STUDY "Trust Famiglia Rossi"
Tratto dalla esperienza professionale, una coppia di sessantenni soci al 50% di una SNC (trasformata in SRL), che gestisce un’attività commerciale di circa 200.000 euro annui e che possiede un discreto patrimonio imobiliare. La coppia, che ha un figlio disabile dalla nascita e un figlio destinatario dell’attività dei genitori, ha deciso di costituire un trust principalmente per tre ragioni: il passaggio generazionale, la tutela del figlio disabile e la tutela di uno dei genitori, affetto da un’invalidità progressiva.
I 5 VANTAGGI
Prima, i due soci della SNC pagavano l’Irpef che gravava su ognuno di loro con una aliquota che ben presto raggiungeva la massima, cioè il 43%. Dopo, una volta divenuto il trust socio della trasformata SRL, per il reddito aziendale lo stesso paga una imposta fissa Ires del 27,5%. Nel complesso il risparmio è davvero notevole, ancor più se si pensa che le loro dichiarazioni dei redditi dovevano in precedenza accogliere anche i canoni di locazione degli immobili, nel frattempo pure inseriti in trust.
Il figlio maggiorenne, disabile, in quanto bisognoso per tutta la vita di cure e assistenza particolari da prestare anche e soprattutto al momento in cui i genitori  non fossero più in grado, per qualsivoglia motivo, di garantire, è stato invece nominato Beneficiario Vitalizio: significa che il trust per mano del suo trustee erogherà a fronte di questi bisogni un assegno vitalizio.
L'altro figlio è stato di contro designato Beneficiario Finale e quindi destinatario del Fondo in trust al suo termine; nel frattempo è entrato a far parte del Consiglio di Amministrazione della società da cui percepisce a tale titolo il relativocompenso.
Prima la tassazione sul reddito realizzato dagli immobili, pari appunto a 20.000 euro, gravante sui coniugi presentava un’aliquota marginale Irpef del 43%. Dopo, con la costituzione del trust, è
pari al 27,5% di Ires.
Alla moglie, come peraltro al marito in qualità di Disponenti del Trust, è stata riservato in vita un trattamento da Beneficiaria; in particolare è stato previsto il diritto al mantenimento del precedente tenore di vita, all’assistenza e alla previdenza ben dettagliando, su questo ultimo punto, il diritto a vedersi spesata ad esempio del costo della badante piuttosto che della retta, se costretta a risiedere presso Istituti specializzati.
I genitori sessantenni, ormai prossimi alla pensione, al momento del conferimento delle loro quote di SRL ne sono rimasti soci al 5%, avendo conferito solo il 45% cadauno nel fondo del trust. In tal modo il contributo Inps “gestione commercianti” prima gravante per circa euro 18 mila su
ognuno, pari 36 mila euro totali, si riduce al minimo cioè per 3.600 circa su ognuno, per totali 7.200, sufficiente a raggiungere l'età della pensione. Anche sotto questo aspetto i numeri parlano da soli. 

<a href="www.protezione-patrimonio-trust.it">Protezione patrimonio trust</a>

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Maggio - Montebello Vicentino (VI)

Studio Maggio

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Alessandro Manzoni, 48/a

36054 - Montebello Vicentino (VI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo