Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulente finanziario indipendente

Pignorabilità delle Polizze Unit Linked

Una nuova sentenza della Corte d’Appello di Bologna in merito alla pignorabilità delle Polizze Unit Linked

Pignorabilità delle Polizze Unit Linked - Una nuova sentenza della Corte d’Appello di Bologna in merito alla pignorabilità delle Polizze Unit Linked

IL FATTO 

La Corte d’Appello di Bologna si è pronunciata con sentenza n. 1396 del 28 luglio 2016 in una causa promossa da un Curatore Fallimentare contro una Compagnia di Assicurazione in merito alla possibilità di sottoporre ad azione esecutiva o cautelare una polizza assicurativa Ramo III di tipo Unit linked. Il Curatore chiedeva, nello specifico, di sottoporre ad azione esecutiva la polizza vita chiamata Prima FIP 2003 in quanto si trattava di un “prodotto con prevalente natura finanziaria rispetto a quella previdenziale” (vedasi Cassazione n. 8271/2008), mentre la Compagnia osservava che dovesse essere applicato l’art. 1923 del Codice Civile ovvero che “le somme dovute dall’assicuratore al contraente non possono essere sottoposte ad azione esecutiva o cautelare”.     

 

Invece, la Corte d’appello di Bologna, ha confermato anche in appello la sentenza di primo grado a favore del Curatore Fallimentare disponendo dunque ad azione esecutiva la polizza sottoscritta; inoltre, tale sentenza offre all’interno della motivazione  interessanti spunti di riflessione relativamente al livello di protezione offerto dalle polizze di Ramo III in materia di impignorabilità e insequestrabilità

 

Oltre a ribadire che ogni polizza debba essere inquadrata in modo a sé stante stabilendo, al di là della qualificazione giuridica del contratto, se vada intesa come un prodotto finanziario oppure come un normale contratto di assicurazione sulla vita,  in particolare la Corte d’appello di Bologna, richiama la sentenza n. 6061/2012 della Suprema Corte secondo la quale l’elemento del rischio ed in particolare la misura in cui esso, a seconda del caso concreto, sia posto a carico dell’assicurato o dell’assicuratore. 

 

La Corte d’appello di Bologna riprende quindi i tratti della sentenza di primo grado illustrando quali motivazioni che fanno propendere perché lo strumento debba essere considerato strumento finanziario:     

 

[…] in particolare il rischio di controparte ovvero il rischio che le società emittenti, per effetto del deterioramento della loro società patrimoniale, non fossero in grado di adempiere ai contratti; la prestazione assicurata in forma variabile, essendo legata al valore delle quote dei Fondi Interni, non era coperta da una garanzia di rendimento minimo […]                            

 

Questi due elementi: la presenza di rischio controparte e l’assenza di un rendimento minimo garantito sembrano quindi far propendere la Corte perché tali tipologie di polizze non godano dei benefici riservati ai prodotti assicurativi.   

 

IN CONCLUSIONE  

Anche questa sentenza vede fortemente minate le tesi a favore della impignorabilità e insequestrabilità delle polizze di ramo III (Unit Linked e Index Linked). La giurisprudenza sembra sempre di più identificare come semplici strumenti finanziari questi prodotti e nonostante il mercato delle polizze, specie quelle di Private Insurance, sembra nel corso degli ultimi anni porre sempre più l’accento sulle coperture demografiche, come rafforzativo della componente assicurativa del prodotto, la sentenza attuale sembra smontare tale tesi in quanto, la copertura di tale rischio sembra risultare non sufficiente ai fini della valutazione previdenziale del prodotto; anche perché, che finalità previdenziale può avere un prodotto che paga un capitale integrativo in caso di decesso?

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulente finanziario indipendente

Studio Ifa Brescia - Brescia (BS)

Studio Ifa Brescia

Consulenti Finanziari / Consulenza finanziaria indipendente

Via Andrea Gosa 184

25085 - Brescia (BS)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Questione di...Welfare aziendale

Feeling possibile attraverso il premio di produttività per usufruire di vantaggiosi benefici fiscali e contributivi

Continua

APe Volontaria e RITA

Con l'entrata in vigore dell’APe Volontaria si sblocca anche RITA, la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata. Di cosa si tratta e come funziona?

Continua

La Direzione Finanziaria in outsourcing

Uno strumento concreto ed efficiente per ottimizzare l’area finanziaria aziendale

Continua

APe Volontaria: quanto conviene?

Per coloro che sono in possesso dei requisiti di accesso, si pongono una serie di considerazioni sulla convenienza della misura

Continua

APe Volontaria: a settembre i Decreti Attuativi

Dopo mesi di attesa è arrivato il consenso dal Consiglio di Stato: il Decreto sull’Anticipo Pensionistico Volontario è finalmente alle battute finali.

Continua

L’ETF: uno strumento finanziario poco compreso

Conosciamo veramente gli strumenti finanziari utilizzabili per i nostri risparmi oppure ci affidiamo solo a quelli proposti dalle Banche?

Continua

Il Merito Creditizio Aziendale

Conoscere il proprio merito creditizio finanziario permette all’azienda di avere maggiore consapevolezza di sé e poter meglio negoziare con le banche

Continua

Ape sociale e Ape precoci: vademecum

Tempi stringenti per la presentazione delle domande: scadenza 15 luglio per i soggetti che maturano i requisiti nel 2017

Continua

Surroga surroga surroga...

Nonostante i mutui già surrogati siano stati moltissimi, resta ancora qualcuno che non ha valutato quest’opportunità!

Continua

PIR: è tutto oro quello che luccica?

Cosa valutare per effettuare una scelta di investimento consapevole

Continua

Aziende: gli oneri finanziari sul credito sono troppo elevati

Spesso i tassi di interesse sono superiori rispetto al merito creditizio reale (rating)

Continua

Investire con consapevolezza è possibile?

In materia di investimenti c’è un mondo da scoprire e l’informazione è estremamente importante per non incorrere in rischi troppo elevati

Continua

Non sposare la tua banca!

La fedeltà non paga in ambito bancario: questa è la triste realtà dei fatti

Continua

Mutui: come scegliere il più conveniente

La selezione di un nuovo mutuo richiede competenze ed è difficile avere la certezza che il proprio intermediario proponga l’offerta più efficiente

Continua