Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

Cassazione: nessun legame tra vaccini e autismo

Non esiste alcuna prova scientifica che i vaccini possano causare malattie dello spettro autistico

Cassazione: nessun legame tra vaccini e autismo - Non esiste alcuna prova scientifica che i vaccini possano causare malattie dello spettro autistico

I legami tra vaccinazione e autismo sono da anni al centro di un dibattito internazionale nel mondo scientifico.
In Italia avevano fatto scalpore e suscitato parecchio allarme alcune sentenze di merito che avevano ritenuto esistere un rapporto di causalità tra il vaccino trivalente e l’insorgenza dell’autismo nei bambini.
Nel dicembre 2007, il Tribunale di Milano ha emesso una sentenza di condanna della Asl di Milano 3 statuendo che "L'autismo diagnosticato al piccolo S.V. nell'agosto 2003 è legato da nesso di causalità alla somministrazione di vaccino trivalente antimorbillo-rosolia-parotite "Morupar" effettuata in data 27/11/2002, dopo che già a distanza di due mesi da tale somministrazione, il bambino aveva iniziato a manifestare segni di sofferenza neurologica".
Nel marzo 2012 anche il Tribunale di Rimini ha riconosciuto il nesso esistente tra vaccinazione e autismo, affrontando il caso di un minore affetto da  “Disturbo Autistico associato a Ritardo Cognitivo Medio”.
Tale sentenza però è stata poi ribaltata dalla Corte d’Appello di Bologna la quale, al contrario, ha statuito che non c’è “alcuna possibilità di correlare con meccanismo causa effetto la comparsa di autismo alle vaccinazioni.
Ora con una sentenza del 2016 (n.12427/2016) la Corte di Cassazione pare avere posto un “macigno” sulla questione, negando decisamente la sussistenza di qualsiasi rapporto tra i vaccini e  patologie come l’autismo.
Un giovane affetto da autismo aveva sostenuto la sussistenza di un nesso causale tra la sua patologia e la vaccinazione contro morbillo, rosolia e parotite a cui era stato sottoposto.
La Sezione Lavoro della Cassazione ha confermato la decisione della Corte d'Appello di L’Aquila che aveva bocciato il ricorso proposto dal giovane (attraverso la madre) avverso la sentenza con cui già in primo grado i giudici del Tribunale di Pescara avevano respinto la domanda di indennizzo e di risarcimento danni proposta dal ricorrente.
Tutti e quattro gli esperti sanitari incaricati dai magistrati della Corte di Appello «avevano escluso la sussistenza del nesso causale» tra la patologia e la vaccinazione, con l'unico distinguo per cui secondo alcuni l'autismo deriva da «una interruzione nello sviluppo cerebrale in una fase precoce della vita intrauterina», mentre secondo altri c'è una «indicazione di multifattorialità nella eziopatogenesi di tale disturbo».
In nessun caso, tuttavia, la “causa”, in base alle risultanze del consulto di esperti che si sono pronunciati in questo giudizio, è ascrivibile alle vaccinazioni.

Ad avviso della Cassazione, inoltre, la Corte di Appello «ha dato conto, sul piano formale, delle competenze di ciascuno dei consulenti incaricati e così della adeguatezza dell'indagine svolta, caratterizzata dal concorso di distinte ma integrate professionalità, tra cui quella nel settore della neurologia, comprendente lo studio dei disturbi o sindromi del cosiddetto spettro autistico». 


Va anche rammentato che, in verità, già 12 anni fa l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva escluso ogni legame tra vaccini e autismo, e la stessa conclusione è stata poi ribadita da tutte le ricerche, analisi e metanalisi effettuate nei 12 anni successivi.

L’autismo oggi, sulla base delle evidenze scientifiche, è sempre più considerato una malattia che origina in epoca prenatale e in una fase precoce della gravidanza. Uno studio pubblicato nel marzo 2014 sul «New England Journal of Medicine» ha rilevato, in persone con autismo, anomalie tipiche in strutture cerebrali la cui formazione si conclude durante la vita intrauterina, molto prima, quindi, della nascita.
Avv. Sigmar Frattarelli

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto del lavoro

Avv. Sigmar Frattarelli - Alba Adriatica (TE)

Avv. Sigmar Frattarelli

Avvocati / Civile

Via Adriatica 7/c

64011 - Alba Adriatica (TE)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sanzionata l'assenza a visita fiscale

Legittimo il licenziamento del dipendente assente ingiustificato alla visita fiscale

Continua

Non è licenziabile il dipendente maleducato

Illegittimo il licenziamento del lavoratore che ha comportamenti maleducati con i colleghi o accusa l'azienda di mobbing

Continua

Jobs Act: quando scatta la prescrizione?

Contratti a tutele crescenti, dubbi sulla decorrenza della prescrizione

Continua

Il licenziamento ritorsivo e per rappresaglia

Reintegrazione nel posto di lavoro anche dopo l'entrata in vigore del Jobs Act

Continua

Fondo patrimoniale e salvaguardia dei propri beni

Quando è possibile opporre ai creditori l'impignorabilità dei beni del fondo patrimoniale

Continua

L'infortunio nel percorso casa-luogo di lavoro

Infortunio in itinere. Concetto di infortunio "occasionato dal lavoro"

Continua

Lecito adescare e spiare il dipendente su Facebook

Confermata la legittimità del licenziamento del dipendente colto a chattare su Facebook

Continua

Oltre al mobbing esiste anche lo straining

Il lavoratore vittima di vessazioni e atti ostili da parte dei suoi colleghi nella consapevolezza del datore di lavoro

Continua

Vittima incidente. Risarcibile anche la fidanzata

Il danno morale non spetta solo ai parenti o al coniuge ma anche ai soggetti che siano stati legati alla vittima da uno stretto legame affettivo

Continua

Responsabilità solidale tra clinica e medico

Non occorre che clinica e medico siano legati da un vincolo contrattuale. Il medico agisce comunque come ausiliario dell’organizzazione aziendale

Continua