Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Sulla rottamazione delle cartelle esattoriali

Come scegliere l'alternativa migliore tra rottamazione e rateizzazione

Sulla rottamazione delle cartelle esattoriali - Come scegliere l'alternativa migliore tra rottamazione e rateizzazione

*Rottamat in dialetto milanese è chi raccoglie il rottame e tale parola significa ancora oggi insieme di cose rotte ed ormai inservibili ed il verbo rottamare, quindi, dà l’idea di smantellamento di una cosa che non serve più. 

  

A tale idea si è ispirata la legge della cd rottamazione delle cartelle esattoriali” di cui al Dl 22 ottobre 2016 n. 193, convertito nella legge 1 dicembre 2016 n.225. 

In cosa consiste, brevemente? In una ulteriore opportunità che dà la legge a chi, persona fisica, imprenditore, società di persone, società di capitali, contribuente soggetto a procedura concorsuale o dilazione nel pagamento si trova ad essere destinatario di cartella esattoriale relativa a tributi Irpef, Ires, Iva, Imu, Tasi, Tari, contributi previdenziali ed assistenziali, interessi sulle sanzioni amministrative per violazione al codice della strada, contributi di bonifica. Trattasi quindi di ruoli di natura sia patrimoniale che tributaria nel periodo tra il 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016

Occorre, tuttavia, far attenzione alle esclusioni che sono: 

* i dazi doganali; 

* l’Iva all’importazione; 

* le somme recuperate per aiuti di stato; 

* i crediti derivanti da pronunce della Corte dei Conti; 

* le multe, ammende, sanzioni di natura penale; 

*le sanzioni amministrative per violazione del Codice della strada, salva la possibilità di ottenere il condono sugli interessi. 

Da notare che è curioso che la rottamazione comprenda solo gli interessi relativi e non anche tali ultime sanzioni! 

  

La rottamazione si può affiancare ad un altro istituto agevolativo, la rateizzazione

Quest’ultima, come ben sanno molti italiani che ne hanno usufruito, consiste in un piano ordinario in 72 rate mensili (corrispondenti a circa 6 anni) sul presupposto della temporanea situazione di obiettiva difficoltà del richiedente. 

Può consistere anche in un piano di rateizzazione straordinario fino ad un massimo di 120 rate mensili (circa 10 anni) in caso di grave e provata situazione di difficoltà economica legata a ragioni che esulano dalla responsabilità del contribuente. In altri termini, trattasi di contribuente sfortunato che è incappato in circostanze a lui sfavorevoli e che, non per colpa sua si trova in situazione economica difficile da superare senza un aiuto/ agevolazione, quale può essere appunto un pagamento “più leggero”. 

Cosa centra la rateizzazione con la rottamazione? 

Possono accedere a quest’ultima anche coloro che hanno ottenuto la dilazione di pagamento o rateizzazione, anche se decaduti e riammessi. 

Importante è non farsi scappare il termine entro cui occorre richiedere l’agevolazione della rottamazione che è il 31 marzo 2017

  

Altro aspetto importante è quello che occorre tenere presente che l’adesione alla rottamazione  in giudizio avanti la Commissione tributaria importa automaticamente rinuncia al processo. Trattasi infatti di scelta incompatibile e, pertanto, occorre ponderarne la convenienza. 

Come sempre un avvocato o un commercialista esperto potrà aiutare adeguatamente il contribuente nella scelta più adatta alla situazione personale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Avv. Laura Mezzena - Milano (MI)

Avv. Laura Mezzena

Avvocati / Civile

Via Alfonso Lamarmora 33

20122 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Vizi: sospensione dei canoni di locazione?

L'inquilino deve pagare il canone anche se la casa affittata presenta dei vizi

Continua

Rottamazione delle cartelle di Equitalia

Ultimi aggiornamenti sulla definizione agevolata e procedura per chiedere la rottamazione

Continua

Ipoteca immobiliare: trauma da stress

Il trauma da stress provocato dall’Agente delle tasse che iscrive erroneamente ipoteca su un immobile di proprietà va risarcito come danno biologico

Continua

Il nuovo amministratore e i controlli contro i morosi

La Riforma del condominio ha introdotto due novità legislative importanti su amministratori e controlli serrati contro i morosi

Continua

Unioni civili e convivenze 2016

Domenica 5 giugno 2016 è entrato in vigore il ddl Cirinnà. Ecco i punti principali

Continua

La responsabilità medica 2016

In materia di inquadramento giuridico della responsabilità medica, il punto di partenza del ragionamento è la natura della responsabilità.

Continua

Le nuove procedure esecutive 2016

Le novazioni più rilevanti al codice di procedura sono contenute nelle “Disposizioni in materia di espropriazione forzata”

Continua

Il nuovo divorzio breve

I nuovi istituti si applicano non solo alle separazioni e ai divorzi, ma anche alle modifiche delle condizioni stabilite nelle separazioni e divorzi già sanciti

Continua

Il nuovo procedimento di esdebitazione per il consumatore

Permette la cancellazione dei debiti pregressi del debitore, compresi quelli verso il fisco

Continua

Il corretto valore delle c.d. tabelle milanesi

Cass. Sent. n. 9367 del 10 maggio 2016: le cd. tabelle milanesi non costituiscono fonte di diritto

Continua

Obbligo di assistenza familiare nonostante la disoccupazione

Obblighi di assistenza familiare: lo stato di disoccupazione non esime dal mantenimento dei figli

Continua

Recupero crediti, quando si configura un abuso del diritto?

Anche l’eccesso di tutela del credito fatto valere in giudizio configura una ipotesi di abuso del diritto

Continua

Errore medico: chi paga?

Il risarcimento danni derivanti da cattiva pratica medica dopo la Legge Balduzzi

Continua

Fondo di solidarietà per il coniuge in stato di bisogno

Lo Stato anticipa l’assegno che non è stato versato dall’ex coniuge a chi versa in stato di bisogno

Continua

Spese extra di istruzione in caso di separazione, chi deve pagare?

Anche se non vi è stato un accordo preventivo, vi è l’obbligo di corresponsione delle spese extra da parte di entrambi i genitori

Continua

Sulla medicina estetica correttiva

Brevi cenni sul consenso informato e responsabilità medica

Continua