Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza del lavoro

Lavoratori ammessi al programma "Garanzia Giovani"

Incentivo a favore dei datori di lavoro privati che assumano giovani lavoratori registrati al "Programma Garanzia Giovani".

Lavoratori ammessi al programma "Garanzia Giovani" - Incentivo a favore dei datori di lavoro privati che assumano giovani lavoratori registrati al "Programma Garanzia Giovani".

Al fine di promuovere forme di occupazione stabili di giovani fino ai 29 anni di età, per le assunzioni di lavoratori effettuate dal 1° maggio 2014 e fino al 30 giugno 2017, è riconosciuto un incentivo a favore dei datori di lavoro privati che assumano giovani lavoratori registrati al "Programma Garanzia Giovani".
Tale misura è stata prevista, dal Ministero del lavoro, con decreto direttoriale dell'8 agosto 2014, n. 1709 e con la circolare n. 118/2014, l'INPS ha fornito le indicazioni operative per i datori di lavoro interessati.
Destinatari dell'incentivo
Per fruire dell'incentivo, i datori di lavoro devono assumere giovani registrati al "Programma Garanzia Giovani", al sito www.garanziagiovani.gov.it, e che abbiano  le seguenti caratteristiche:
- età compresa tra i 16 ed i 29 anni (se minorenni, che abbiano assolto il diritto dovere all'istruzione e formazione );
- non occupati (disoccupati o inoccupati) e nemmeno inseriti in un percorso di studio o di formazione.
Al giovane viene attribuito, in fase di colloquio, da parte di un centro per l'impiego o un soggetto privato accreditato, un indice, detto classe di profilazione, che, sulla base delle informazioni fornite, stimerà il grado di difficoltà nella ricerca di un'occupazione, in quattro classi: BASSA, MEDIA, ALTA, MOLTO ALTA.
A seconda della classe di profilazione e della tipologia contrattuale, è prevista la possibilità e la misura dell'incentivo.
Tipologie contrattuali
L'incentivo spetta a condizione che il rapporto si svolga in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Puglia, Prov. Autonoma Trento, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto.
L'incentivo è riconosciuto per le assunzioni:
- a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione;
- a tempo determinato, anche a scopo di somministrazione, la cui durata sia inizialmente prevista per un periodo pari o superiore a 6 mesi.
L'incentivo spetta anche in caso di rapporto a tempo parziale, purché sia concordato un orario di lavoro pari o superiore al 60% dell'orario normale. L'incentivo è escluso per il contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale, per l'apprendistato di alta formazione e di ricerca.
L'incentivo è cumulabile con altri incentivi all'assunzione di natura economica o contributiva.
La misura
L'importo dell'incentivo è determinato dal tipo di assunzione e dalla classe di profilazione del giovane ammesso al Programma:
 
Classe di profilazione del giovane
Bassa
Media
Alta
Molto alta
a) Assunzione a tempo determinato (anche a scopo di somministrazione) di durata superiore o uguale a 6 mesi
-
-
€ 1.500
€ 2.000
b) Assunzione a tempo determinato (anche a scopo di somministrazione) di durata superiore o uguale a 12 mesi
-
-
€ 3.000
€ 4.000
c) Assunzione a tempo indeterminato (anche a scopo di somministrazione)
€ 1.500
€ 3.000
€ 4.500
€ 6.000
 
Istruzioni operative
Per fruire del bonus, i datori di lavoro interessati devono inoltrare un'istanza preliminare di ammissione all'INPS esclusivamente in via telematica, avvalendosi esclusivamente del modulo di istanza on-line "GAGI", disponibile all'interno dell'applicazione "DiResCo - Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente", sul sito internet www.inps.it.
In seguito all'invio della domanda, l'INPS consulterà gli archivi elettronici del Ministero del lavoro, per conoscere se il giovane per cui si chiede l'incentivo sia registrato al "Programma Garanzia Giovani".
Entro sette giorni lavorativi dalla ricezione della comunicazione di prenotazione positiva dell'Istituto, il datore di lavoro, al fine di accedere all'incentivo, deve, se ancora non lo ha fatto, effettuare l'assunzione ovvero la trasformazione.
Entro quattordici giorni lavorativi dalla ricezione della comunicazione di prenotazione positiva dell'Istituto, il datore di lavoro ha l'onere di comunicare, a pena di decadenza, l'avvenuta assunzione o trasformazione.
L'INPS poi effettuerà dei controlli in merito ai requisiti di spettanza dell'incentivo e attribuirà un esito positivo o negativo all'istanza definitiva di ammissione al beneficio, dandone conferma al datore di lavoro.

L'incentivo sarà  fruito dal datore di lavoro mediante relativo conguaglio/compensazione operato sulle denunce contributive.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza del lavoro

Noi Consulenti Del Lavoro Stp Srl - Milano (MI)

Noi Consulenti Del Lavoro Stp Srl

Consulenti del Lavoro / Sviluppo e Lavoro

Viale Ortles, 54/a

20139 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Welfare Aziendale: interpello Regione Lombardia

Parliamo di welfare aziendale, in particolare dell’Interpello della Direzione regionale della Lombardia dell’agenzia delle Entrate

Continua

Disoccupazione DID online dall'1/12/2017

Dal 1° Dicembre 2017, sarà obbligatoria la DID online. Come funziona? Lo vediamo con i consulenti del lavoro Lumina

Continua

Conciliazione vita lavoro: gli sgravi

Via libera alle agevolazioni per i datori di lavoro che attuano misure per la conciliazione vita lavoro

Continua

Lavoro Accessorio: le novità dopo i Vaucher

Il Senato ha approvato in via definitiva la conversione in legge del D.L. 50/2017

Continua

Visto di conformità e deleghe di pagamento F24

Tutte le Indicazioni dell’Agenzia delle Entrate

Continua

Bonus Asili Nido 2017: come riceverlo?

Le istruzioni operative dell’Inps per usufruire del bonus asili nido 2017

Continua

Lavoro Agile, Smart Working

In data 10 maggio 2017 è stato definitivamente approvato il disegno di legge n. 2233-B, recante misure per il lavoro agile

Continua

Decreto Correttivo Jobs Act: lavoratori a distanza

L’art. 4 della legge 20 maggio 1970, n. 300, relativo agli “impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo”

Continua

Congedo di Paternità

Il concedo di paternità, disciplinato dalla Legge n. 92/2012, è un congedo di astensione dal lavoro che spetta ai padri lavoratori dipendenti

Continua

Incentivo Occupazione Sud 2017

L’Inps disciplina le modalità operative per la fruizione dell’agevolazione prevista per i rapporti di lavoro che si svolgono nel sud Italia

Continua

Abolizione dei Voucher: le alternative contrattuali

Con il Decreto Legge n. 25, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 marzo 2017 è stata abolita la disciplina del lavoro accessorio.

Continua

Welfare Aziendale | Cnnl Metalmeccanici 2017

l welfare aziendale è l’insieme di opere e servizi che il datore di lavoro mette a disposizione del lavoratore.

Continua

Come funziona l'incentivo occupazione giovani

Ecco come funziona l’incentivo occupazione giovani e quali sono le modalità operative contenute in una circolare INPS

Continua

Incentivi all'assunzione 2017

Analizziamo nel dettaglio gli incentivi all'assunzione 2017

Continua

Distacco transnazionale dei lavoratori

Il distacco transnazionale è disciplinato dal decreto legislativo n. 136/2016.

Continua

Dimissioni On Line

Dal 12 marzo 2016 l’efficacia delle dimissioni volontarie e della risoluzione consensuale è subordinata all’osservanza di una procedura telematica

Continua

Contributo di licenziamento

Oggi analizziamo il contributo di licenziamento introdotto dalla riforma Fornero ai sensi della Legge n. 92/2012

Continua

Legge di bilancio di 2017/2019: approvata

Il Senato della Repubblica, nella seduta del 7 dicembre 2016, ha approvato la Legge Finanziaria 2017

Continua

La legge di bilancio 2017 in dirittura di arrivo

La Camera dei Deputati ha approvato, con votazione definitiva, la Legge di bilancio.

Continua

La legge Cirinnà e le conseguenze sul lavoro

La Legge 20.05.16, n. 76 (Legge Cirinnà), ha introdotto nel nostro ordinamento l’istituto delle unioni civili e regolamentato le convivenze di fatto.

Continua

Agevolazioni per le assunzioni in scadenza

Di seguito si approfondiscono le agevolazioni per le assunzioni in scadenza al 31/12 e le novità previste dal disegno di legge per la finanziaria 2017

Continua

Maternità e paternità per lavoratori dipendenti

La tutela della maternità e della paternità è disciplinata dal D.Lgs. 151/2001 vediamo come nell'articolo

Continua

Entra in vigore il decreto correttivo del jobs act

In vigore le disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 15 giugno 2015, n. 81 e 14 settembre 2015, nn. 148, 149, 150

Continua

Smart Working: legge sul lavoro autonomo e agile

Aggiornamenti in tema di lavoro agile, le aziende attendono le linee guida definitive per poter attuare tale modalità di svolgimento della prestazione

Continua

Partecipazione finanziaria al capitale d'impresa

Fondo per incentivare la partecipazione dei lavoratori al capitale e agli utili delle imprese e per la diffusione dei piani di azionariato

Continua

Car sharing: quale trattamento fiscale

L’agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 83 del 28 settembre 2016, ha chiarito il trattamento fiscale del car sharing.

Continua