Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Minori: affido paritario

Avere maggior tempo con un figlio vuol dire acquisire qualità del rapporto ed è il minore a beneficiarne: affido paritario - inversione di tendenza

Minori: affido paritario - Avere maggior tempo con un figlio vuol dire acquisire qualità del rapporto ed è il minore a beneficiarne: affido paritario - inversione di tendenza

Le modalità di affido sono spesso causa di conflitto tra genitori separati, divorziati o ex conviventi che reclamano la mancanza di adeguati periodi temporali di frequentazione dei figli minorenni. 

La soluzione potrebbe essere quella del c.d. affido paritario, attraverso il ricorso alla modalità delle c.d. "settimane alterne", ad oggi ancora priva di effettivi consensi, almeno in Italia. 

 

Difatti, alla stregua dell’ultima ordinanza statuita in materia ad opera della Suprema Corte (n.25418/2015), la tendenza dei Tribunali italiani è sempre quella di ritenere che il minore possa esser disorientato attraverso l'affidamento alternato, con scarsa considerazione del ruolo del genitore non collocatario, spesso coincidente con la figura paterna e penalizzato da un effimero diritto di visita. 

 

Tuttavia in presenza di alcuni presupposti, l'affido paritetico è possibile: emblematica è stata la pronuncia del Tribunale di Firenze (sentenza del 19.07.16, G.I. Guttauro) che ha riconosciuto il diritto dei genitori di tenere con sé il minore a settimane alterne per volontà di quest'ultimo. E’ evidente che per giungere ad un simile risultato occorre ponderare molteplici aspetti, quali la vicinanza geografica così da render comuni i luoghi di frequentazione del minore, l'idoneità e la disponibilità temporale dei genitori alle cure quotidiane del figlio, oltre all'imprescindibile ascolto del minore in proposito. 

 

Si auspica che tale inversione di tendenza, quando possibile, possa esser vista come piena attuazione del diritto alla bigenitorialità, da intendersi anzitutto quale diritto del minore ad una sana ed equilibrata crescita con entrambi i genitori come stabilito dall’articolo 337 ter del codice civile.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Tiziana Palladino - Roma (RM)

Avv. Tiziana Palladino

Avvocati / Civile

Via Giunio Bazzoni 3

00195 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Reversibilità e convivenza prematrimoniale

Nell'attribuzione della quota di reversibilità tra coniuge divorziato e coniuge superstite il criterio della convivenza prematrimoniale può incidere

Continua

Mantenimento: chi paga il mutuo?

Tra le voci di spesa ricomprese nell'assegno di mantenimento può esser previsto anche il pagamento del mutuo

Continua

Divisione giudiziale della casa familiare

L'assegnazione dell'immobile al coniuge separato può determinare un aumento della quota spettante in caso di successiva divisione giudiziale

Continua

Diritto al mantenimento della nuova famiglia

La nuova unione familiare dell'ex coniuge obbligato può ridurre l'entità del mantenimento in favore della prima famiglia.

Continua