Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Contabilità semplificata, al via il principio di cassa

Ecco quali sono i risvolti, le problematiche e le soluzioni collegate alla novità contabile

Contabilità semplificata, al via il principio di cassa - Ecco quali sono i risvolti, le problematiche e le soluzioni collegate alla novità contabile

La Legge di Bilancio per il 2017 prevede che i contribuenti in contabilità semplificata vengano, dall’1.1.2017 tassati secondo il c.d. criterio di cassa e non più secondo il c.d. criterio di competenza
 
I soggetti in contabilità semplificata in genere sono i soggetti che hanno minori volumi di affari, nello specifico che non hanno raggiunto nell'esercizio precedente:

- 400.000 per prestazioni di servizi;

- 700.000 per le altre attività.
 
Al 31.12.2016 i soggetti in contabilità semplificata adottavano il PRINCIPIO DI COMPETENZA:
- ovvero il reddito viene calcolato indipendentemente dall’incasso o pagamento ma basandosi sull’insorgere dell’operazione.
 
Dall'01.01.2017 adotteranno, obbligatoriamente, il PRINCIPIO DI CASSA:
- per generare il reddito è basilare il momento dell’incasso o del pagamento.
 
Il criterio non muta per i contribuenti in contabilità ordinaria.
Non muta neanche per i soggetti che rispettando i requisiti per la contabilità semplificata, hanno adottato la contabilità ordinaria (ordinaria per opzione).
Per i professionisti il criterio che era già di cassa, rimane immutato.
 
Esempio:
la ditta individuale Rossi Mario emette una unica fattura di vendita nel 2017, incassandola nel 2018.
- secondo il principio di competenza è reddito nel 2017, a prescindere dall'incasso avvenuto nel 2018;
- secondo il principio di cassa sarà reddito solo ad incasso avvenuto, ovvero nel caso di specie nell'esercizio 2018.
 
Ricordiamo che trattasi di un obbligo imposto dalla legge, la cui astensione da parte del contribuente non è contemplata, con impatti fiscali e finanziari tutti da verificare.
 
Il problema delle rimanenze finali.
Nell’anno 2017 il reddito verrà determinato mediante una riduzione automatica di un importo pari alle rimanenze finali che hanno concorso a formare il reddito dell’esercizio 2016, anno di ultima applicazione del criterio di competenza.
In questo modo, molti contribuenti potrebbero trovarsi a sorpresa un anno 2017 in perdita, non potendo contare sul magazzino finale che non verrà più considerato come componente positivo di reddito, al pari dei ricavi.
 
Le modifiche da introdurre.
Fino ad oggi, 31.12.2016, i sui registri contabili erano costituiti da:
-    Registro IVA vendite;
-    Registro IVA acquisti;
-    Registro cespiti ammortizzabili.
 
Dall’1.1.2017, subentrando il principio di cassa, ai registri di cui sopra si aggiunge il registro degli incassi e dei pagamenti, ciò perché venendo tassato solo su “quanta parte incassa meno quanta parte paga” occorre dare evidenza di ciò.
 
I registri da adottare saranno i seguenti:
-   Registro IVA vendite;
-   Registro IVA acquisti;
-  Registro cronologico (in mancanza di questo si presume che l’incasso e pagamento siano avvenuti nella data di registrazione sui registri IVA).
 
La portata della norma è tale da comportare disagi non solo ai professionisti ma anche ai contribuenti che dovranno sottostare a detto regime di cassa.
Non  tanto  per  le  potenziali  differenze  di  tassazione,  che  seppur  rilevanti,  soprattutto  nel  primo anno di passaggio, possono  poi essere, per così dire “digerite” a regime, quanto per un diverso  approccio  documentale  che  sia  i  professionisti  che  i  loro  clienti  interessati dovranno mantenere.
 
Pertanto, nel proporle di prendere contatti con lo studio quanto prima, si sottopongono alcune soluzioni da adottare :
- un registro di prima nota nel quale indicare gli incassi ed i pagamenti delle relative fatture;
- ricevere o rilasciare quietanza con firma e data in calce alla fattura;
- oltre quanto pagato/incassato per cassa, integrare la precedente documentazione con un eventuale estratto conto bancario dal quale si evincono i relativi movimenti.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Bitetti - Potenza (PZ)

Studio Bitetti

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Mazzini Giuseppe 255

85100 - Potenza (PZ)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Tari, illegittima la quota variabile

La Tari calcolata sulle pertinenze, in alcuni comuni è viziata, ecco le procedura per verificare se e come chiedere il rimborso

Continua

Super ed Iper ammortamento: le novità dal 2018

Recentemente è approdato al Senato, ed ora inizia l’iter parlamentare, il ddl della “Legge di bilancio 2018”, contenente varie novità fiscali

Continua

Credito d'imposta per campagne pubblicitarie

Con il DL 50/17 vengono introdotte condizioni favorevoli per chi effettua investimenti in campagna pubblicitarie. La manovra operazioni già dal 2017

Continua

Regione Basilicata: finanziamenti per il turismo

E' stata pubblicata sul BUR n. 29 del 1 agosto 2017 la Deliberazione di Giunta Regionale n. 740 " DGR n.517 del 17/05/2016

Continua

Al via la rottamazione del contenzioso

Al via la rottamazione dei contenziosi in essere al 31.12.2016: pro e contro

Continua

Pignoramenti del conto corrente con minor vincoli

Dal 1° luglio sarà possibile il pignoramento del proprio conto corrente senza procedimento giudiziario

Continua

Iper-ammortamenti del 250%

Introdotta una nuova tipologia di maggiorazione degli ammortamenti

Continua

Legge di Bilancio 2017, le norme fiscali

Ecco un breve elenco delle norme di carattere fiscale contenute nella Legge di Bilancio 2017

Continua

Super ed Iper ammortamenti : differenze

Il DDL di Bilancio 2017 introduce una nuova tipologia di maggiorazione degli ammortamenti, i cosiddetti iper- ammortamenti del 250%.

Continua

Fatturazione elettronica tra privati al via

Il DLgs 127/2015 introduce un regime opzionale di fatturazione elettronica tra privati. A seguito del D.L. 193/2016 vediamo cosa cambia.

Continua

Addio scontrini digitali dal 2017

I commercianti potranno scegliere di abolire dal 2017 lo scontrino cartaceo: ecco come funziona il nuovo sistema di trasmissione telematica.

Continua

IRAP: la Cassazione prende posizione

Importante sentenza della Cassazione in merito al dibattuto tema IRAP in caso di assenza di struttura organizzata

Continua

Utilizzo del contante: aumentate le soglie

La legge di Stabilità 2016 ha variato, a far data dal 1.01.2016, il limite per l'utilizzo del contante innalzando la soglia a 3.000 euro

Continua

La rivalutazione dei beni d'impresa

Sono previste le due aliquote del 16% o del 12% dell'imposta sostitutiva a seconda che i beni siano ammortizzabili o meno

Continua

Internet delle cose: a disposizione 100 milioni

Può contare su un budget di 100 milioni di euro il nuovo invito a presentare progetti su larga scala, nell’ambito di Horizon 2020

Continua