Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

La quantificazione del danno per la pensione

La Corte di Cassazione ha chiarito come debba calcolarsi la percentuale di invalidità a fini previdenziali

La quantificazione del danno per la pensione - La Corte di Cassazione ha chiarito come debba calcolarsi la percentuale di invalidità a fini previdenziali

In particolare, con la sentenza n. 12837 del 21 giugno 2016 la Suprema Corte ha chiarito che nell'ambito delle cause aventi ad oggetto il riconoscimento del diritto alla pensione di  invalidità civile, quando il soggetto sia affetto da una pluralità di patologie, al fine di determinare la percentuale invalidante complessiva e, quindi, verificare se il soggetto sia giunto o meno a quella prevista dalla legge per il diritto alla pensione richiesta, non bisogna limitarsi ad un mero calcolo aritmetico relatizzato attraverso l'addizione delle percentuali di invalidità attribuite alle varie patologie dalla tabella approvata con decreto del Ministero della sanità 5 febbraio 1992. 

 

Il danno globale va, invece, valutato in relazione alla sua reale ed effettiva incidenza sulla validità complessiva del soggetto. 

 

Trattasi, peraltro di principio che non va a derogare la disposizione che richiede l'applicazione della formula sulla c.d. tecnica valutativa "a scalare" per i danni coesistenti. 

 

I due criteri, infatti, debbono coesistere di modo che nella valutazione inerente il computo del grado di invalidità di un soggetto affetto da plurime patologie, per verificare se lo stesso abbia o meno diritto alla pensione di invalidità. 

Pertanto, dopo aver ottenuto il danno globale con la tecnica valutativa "a scalare", occorre anche valutare come esso incida in concreto sulla validità complessiva del soggetto richiedente la prestazione. 

 

E proprio in appllicazione di tale principio che la Cassazione ha confermato la decisione di merito che, valutata la difficoltà del soggetto ad indossare da solo abiti e calzature, aveva riconosciuto in suo favore, comunque, la pensione di inabilità benché il grado di invalidità determinato dal ctu fosse del 90 per cento.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in
Diritto del lavoro

Studio Legale Patrizi Arrigo Dobici - Roma (RM)

Studio Legale Patrizi Arrigo Dobici

Avvocati / Civile

Via Tirso 90

00198 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L"'incapacità continua" assitenziale

Chiarimenti sui presupposti sanitari per il diritto all'indennità di accompagnamento

Continua

Requisti sanitari, indennità di accompagnamento

Ai fini della valutazione, non rilevano episodici contesti o stati patologici acuti o transitori

Continua

Indennità di accompagnamento e per cecità totale

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 18443 del 20/09/2016 si è pronunciata sulla compatibilità o meno tra le due indennità

Continua