Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Danni causati dall'alunno: chi ne risponde?

Responsabilità Civile della scuola e degli insegnati per danni causati e subiti dal minore durante l'orario scolastico

Danni causati dall'alunno: chi ne risponde? - Responsabilità Civile della scuola e degli insegnati per danni causati e subiti dal minore durante l'orario scolastico

Dall'iscrizione dell’alunno a scuola deriva l'obbligo contrattuale per l'istituto di vigilare sulla sicurezza ed incolumità dell'allievo durante la permanenza scolastica ivi comprese le gite, il post scuola ecc. La scuola è pertanto tenuta a predisporre gli accorgimenti necessari per evitare che l'allievo procuri danno a se stesso e agli altri. L'istituto scolastico è tenuto ad osservare obblighi di vigilanza e controllo in maniera adeguata secondo criteri di normalità. Può esservi, inoltre, un titolo di responsabilità extracontrattuale fondata sulla violazione del generale dovere di non recare danno ad altri. 

 

 La responsabilità della struttura scolastica. La responsabilità extracontrattuale dell'Amministrazione scolastica per fatti imputabili ai propri dipendenti attiene, da un lato, all'omissione degli obblighi organizzativi di controllo e di custodia e, dall'altro, all'omissione dell'obbligo di vigilanza sugli alunni minori. Sul danneggiato incombe l'onere della prova del danno subito dall’alunno durante l’orario scolastico. Vi è una presunzione di responsabilità per inosservanza dell'obbligo di sorveglianza nei confronti della scuola che pertanto dovrà dimostrare di aver esercitato la sorveglianza sugli allievi con diligenza idonea ad impedire il fatto. Tale responsabilità sussiste sia per atti dannosi compiuti dagli alunni nei confronti di terzi sia contro se stessi. Non esonera dalla responsabilità che l'infortunio si sia verificato durante l'ora di lezione o a cavallo tra un'ora e l'altra, ne tantomeno l'assenza del professore in aula, in quanto è preciso onere dell'istituto adottare tutte le misure opportune al fine di evitare la scopertura delle classi durante tutto l'orario trattandosi di eventi prevedibili. È titolo di responsabilità anche il difetto di organizzazione dell'istituto scolastico che deve essere sempre in grado di far fronte, con opportune misure, ad eventi non certo imprevedibili quali l'assenza del professore o il ritardo nel cambio di classe degli insegnanti alla fine delle ore di lezione. 

 

La responsabilità degli insegnati. Ha il suo fondamento normativo nell'art. 2048 che prevede che rispondano del danno causato dal fatto illecito degli allievi per il tempo in cui si trovano sotto la loro vigilanza e sorveglianza. Il legislatore ha utilizzato una formula ampia in cui vi rientra lo svolgimento dell'attività didattica in senso stretto, la pausa della ricreazione e le gite scolastiche. La norma sembra sancire una presunzione di colpa, scaturente da un comportamento omissivo del soggetto ritenuto responsabile, nella specie l'insegnante, nell'esercizio dell'obbligo di vigilanza e la responsabilità troverebbe, dunque, giustificazione in una carente attività di vigilanza. In realtà, non è una presunzione di colpa, ma di responsabilità poiché l'individuazione dei soggetti responsabili avviene indipendentemente dalla rilevanza attribuita al coefficiente soggettivo della colpa, dispensando il danneggiato da ogni e qualsivoglia onere probatorio in tal senso. Presunzione che ammette, tuttavia, la prova contraria di non avere potuto impedire il fatto, che dottrina e giurisprudenza fondano sulla valutazione del comportamento del responsabile, che dimostri di avere adempiuto tutti i doveri ed esercitato tutti i poteri idonei ad impedire il compimento di fatti illeciti da parte del minore, essendo necessaria l'imprevedibilità della condotta dell'allievo e non il semplice carattere improvviso. L’insegnante dovrà provare anche di aver esercitato una attività di vigilanza commisurata all'età e al grado di maturazione del minore stesso, una responsabilità, comunque, fondata, secondo la giurisprudenza, sulla culpa in vigilando. I maestri devono, allora, provare di avere adeguatamente vigilato sul minore, dimostrando l'adozione di tutte le misure idonee, sia sotto il profilo organizzativo che disciplinare, ad evitare il sorgere di situazioni di pericolo tali da determinare la serie causale che ha prodotto il danno: prova difficile nella pratica. Il danneggiato dovrà dimostrare di avere subito un evento lesivo in occasione della prestazione scolastica e il relativo danno, mentre l'istituto dovrà fornire la prova liberatoria della «riconducibilità dell'evento lesivo a una sequenza causale non evitabile e non prevedibile, neppure mediante l'adozione di ogni misura idonea a scongiurare il pericolo di lesioni. In pratica se anche ipotizzando il controllo da parte dell'insegnante il danno non avrebbe potuto essere evitato non vi è responsabilità penale dell'insegnate.  

 

In pratica: cosa fare? Portare l’alunno all’ospedale per stabilire le lesioni subite ed effettuare le prime cure; documentare l’accaduto (fare foto, raccogliere testimonianze nell’immediatezza del fatto); rivolgersi ad un avvocato di fiducia per fare una immediata denuncia di sinistro alla scuola; raccogliere tutti i documenti medici (referti, visite, cartelle cliniche  e i documenti di rilevanza fiscale (scontrini, fatture) le spese sostenute (ticket, spese mediche, farmaci); dopo la cd. stabilizzazione del danno  è utile interpellare un medico legale di propria fiducia o consigliato dal proprio legale; consegnare al proprio legale tutta la documentazione suddetta. A quel punto l’avvocato inizierà le trattative per una composizione bonaria o intraprenderà le azioni giudiziarie necessarie a seconda dei casi. L’importante è ricordarsi che il fai da te può essere molto controproducente

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Jacopo Pepi - Firenze (FI)

Avv. Jacopo Pepi

Avvocati / Penale

Viale Antonio Gramsci 7

50121 - Firenze (FI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Furto in abitazione o privata dimora

Quando è configurabile il reato di cui all'art. 624 bis (furto in appartamento o privata dimora)?

Continua

Il peculato, limiti e requisiti

Costituisce reato di peculato o peculato d'uso l'utilizzo per fini personali di internet e telefono della pubblica amministrazione?

Continua

Omesso versamento Iva e contrabbando

Il trasporto di aerei dalla Repubblica di San Marino sul suolo nazionale configura il reato di contrabbando? Quando l'Iva all'importazione è dovuta?

Continua

Bloccare la strada ad un auto è violenza privata?

Il conducente che ostacola l'uscita da un parcheggio di una vettura durante un diverbio commette il reato di violenza privata ex art. 610 c.p.

Continua

Pubblicità e spam via mail. Tuteliamoci

Cos'è lo spam? Quale tutela esiste? Esistono profili risarcitori per il danno da spamming?

Continua

L'avviso di fine indagini è sempre dovuto

La mancanza di avviso di conclusione delle indagini 415 bis all'indagato emesso dalla Procura competente per luogo comporta la nullità del processo?

Continua

Appropriazione indebita. Momento consumativo

Il momento consumativo del reato si manifesta nel momento in cui viene compiuto un atto di dominio sulla cosa appropriata

Continua

In quanto si prescrivono le cartelle di Equitalia?

Sanzioni Tributarie, cartelle definitive non impugnate, prescrizione quinquennale

Continua

Accusa ingiusta? Una nuova arma contro la calunnia

Una recente sentenza della Corte di Cassazione potrà proteggerci dalle calunnie? I Giudici di merito valuteranno le testimonianze esagerate?

Continua

Dichiarazione fraudolenta o Frode Fiscale

Il reato di Frode Fiscale è destinato a diventare sempre più di moda nei Tribunali del Bel Paese?

Continua

Coltivazione di marijuana, quando non è punibile?

Quali sono gli sviluppi in giurisprudenza? Quando è punibile? Quando si può sostenere l’uso personale? Quando la condotta può risultare inoffensiva?

Continua

Divorzio breve e negoziazione assistita: cosa sono?

Cosa cambia e cosa resta nelle procedure di separazione? Quando sono applicabili le nuove norme procedurali? Cosa conviene?

Continua

Diritto di difesa e reato di calunnia

L'imputato può mentire incolpando implicitamente di falsa testimonianza purchè sia in relazione alla propria difesa.

Continua

Facebook, messaggi sgraditi la Cassazione dice no!

La Cassazione definisce luogo aperto al pubblico la piazza virtuale assoggettandone i messaggi o post alle molestie di cui all`art. 660 del codice penale

Continua

Facebook, attenzione a quel che si scrive

Si può incorrere nella diffamazione aggravata da motivi razziali anche tramite i soli post

Continua

Droga. Cosa è cambiato.

Quali sono le modifiche della normativa sugli stupefacenti apportate dalla sentenza della Corte Costituzionale? Chi può usufruire della “nuova” norma

Continua

Accusa ingiusta? Quali strade intraprendere?

Quando si è calunniati è conveniente fare immediatamente una contro denuncia?

Continua

Guida in stato di ebbrezza, come difendersi?

Inutilità del rifiuto di sottoporsi al test dell’etilometro; il lavoro di pubblica utilità come alternativa alla condanna e al decreto penale

Continua

Stalking, come difendersi

Cosa si può fare se si è vittima di molestie o minacce ripetute, ma si ha paura che una denuncia aggravi o non risolva la situazione?

Continua