Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Coaching

E' credibile?

L'uso delle nostre potenzialità per capire a chi dar credito

E' credibile? - L'uso delle nostre potenzialità per capire a chi dar credito

La credibilità è la probabilità di essere creduti. Oscilla tra due estremi: l’assenza assoluta di affidabilità della fonte e la massima attendibilità.
Dipende da diversi fattori: competenza, autorevolezza, vicinanza affettiva, coincidenza di valori.
Tendiamo a dar credito all’esperto oppure a chi condivide la nostra visione del mondo. Siamo propensi a fidarci del parere di chi ci vuole bene. Sembriamo disposti a porre massima attenzione a quanti hanno un ruolo elevato nel contesto o a coloro che sembrano neutrali in una contesa.
Queste possono essere le radici dell’essere credibile eppure, nella pratica, sono messe in discussione. Spesso le fonti meno accreditate riescono a far circolare informazioni, le posizioni dell’autorità generano diffidenza, le evidenze scientifiche vengono contestate, la neutralità è messa in dubbio.
Una tattica, al contrario, sembra resistere all’usura del tempo: gli anglosassoni la chiamano effetto Bandwagon. Il carro della banda o “carrozzone” è quello che precede il corteo e lo guida. In comunicazione rappresenta il tentativo di sembrare credibili e forti perché seguiti dal consenso. Anche se quel seguito è in larga parte fittizio. Vale per le idee, per la figura del candidato in una competizione elettorale, per i prodotti. Un testimonial, cinque nomi di sponsor, una minima claque e il gioco si attiva. Le argomentazioni che giustificano la scelta di seguire il “carrozzone” si avvicinano alle seguenti: “se tanti lo ammirano deve essere bravo”, “se molti lo comprano deve essere buono” .
Eppure dinanzi al carro della banda che procede suonando la domanda non dovrebbe essere se quei numeri sono davvero reali o solo abile tattica persuasiva. Una simile verifica rappresenta la risposta giusta alla domanda sbagliata.
Forse è meglio chiedersi: “quella musica mi piace?” Oppure: “la direzione del corteo è quella che auspico veramente?”
Meglio usare prudenza, intelligenza sociale, autogoverno. Occorre focalizzare il valore di una opzione depurandolo della teatralità che la circonda chiedendoci se vogliamo veramente quel prodotto o se una proposta ci convince per la sua intrinseca validità. Non è un esercizio semplice. Perchè la spinta a considerare quello che fanno gli altri è automatica; l’uso delle potenzialità sopra citate, no.
Serve allenamento per trasformare quei tratti del carattere in competenze, in un saper fare coerente con i nostri valori e scopi. Ma tale esercizio costante rende più credibile la nostra libertà.  E quel carro appare d'improvviso per quello che era: pura messa in scena.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Coaching

Dott. Armando Floris - Avezzano (AQ)

Dott. Armando Floris

Counseling e coaching / Sviluppo e benessere

Via Antonio Gramsci 21

67051 - Avezzano (AQ)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

I dieci comandamenti del formatore

Cosa aver presente prima di entrare in aula

Continua

Le App non bastano

I nativi digitali alle prese con le scelte importanti

Continua

Taccagni ma creativi

Cerchiamo conferme o nuove idee per migliorare la vita?

Continua

Quattro domande più una per prendersi sul serio

Un filosofo e un allenatore aziendale alle prese con il tema del cambiamento

Continua

Come affronti le tue battaglie?

L’atteggiamento giusto per tirar fuori risorse e soluzioni

Continua

L’autogoverno con l’aiutino

Tattiche per darsi un po' di disciplina

Continua

Altro che meraviglia!

La filosofia di vita cambia grazie ad un atto di ribellione

Continua

La risposta corretta alla domanda sbagliata

Riflessioni sul coaching per gli adolescenti

Continua

Il valore del lavoro genera alleati

Migliora il prodotto e difinisci il significato dell’ opera: avrai solidarietà e supporto

Continua

La fiducia

Costruire un’alleanza forte andando oltre le tattiche di comunicazione

Continua

Lo scettico credulone

Paradossi della credibilità tra comunicazione e autogoverno

Continua

Persone di carattere

Dimensioni, fascino e allenamento di un concetto dai molteplici significati

Continua

L’avvocato antifragile

Distinguersi nella professione forense allenandosi con il coaching

Continua

Lasciatemi vendere in pace

Cosa precede le tecniche di comunicazione

Continua

Le due verità sugli obiettivi

Elaborare un buon piano d’azione per il 2017. Parte 1

Continua

Pensieri a trazione integrale

L’ultimo giorno dell’anno alcune riflessioni tentano la scalata

Continua

La montagna del conflitto

Perdere la faccia. Come si passa dalla tensione alla guerra totale

Continua

Allenamento o adattamento?

La sfida del Coaching formativo

Continua

Il discorso efficace: come trovare l'idea forza

Oltre le tecniche del public speaking: cosa fa veramente la differenza nel parlare in pubblico? Tre spunti pratici per un intervento memorabile

Continua

In azienda non esistono bugie

Quale verità mi racconta quella fandonia?

Continua

Perchè non si deve avere l’auto più bella del capo

Coloro che mettono alla prova il senso di autostima dell’interlocutore rischiano molto

Continua