Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto internazionale

C'è un Giudice a Brooklyn...

Lo Stato di Diritto ed i principi costituzionali rimangono il presidio verso una legislazione emergenziale farraginosa e corriva

C'è un Giudice a Brooklyn... - Lo Stato di Diritto ed i principi costituzionali rimangono il presidio verso una legislazione emergenziale farraginosa e corriva

Un giudice della U.S. District Court ha ordinato, con provvedimento immediatamente esecutivo del 28 Gennaio 2017, che i rifugiati e gli altri immigrati bloccati negli aeroporti americani non debbano essere rispediti ai loro paesi d'origine, dopo che il Presidente Donald Trump aveva firmato, a sorpresa, un Executive Order in data 27 Gennaio 2017 bloccandone l’entrata negli Stati Uniti. 

 

Nell'udienza tenutasi a seguito della presentazione di un ricorso d’urgenza al Tribunale di Brooklyn, il Giudice Ann Donnelly del Distretto Orientale di New York ha disposto la sospensione del procedimento per la parte di Ordine Esecutivo di Trump, che esclude dall'ingresso negli U.S.A i cittadini di sette Paesi - Iran, Iraq, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen - "per proteggere il popolo americano da attacchi terroristici da parte di cittadini stranieri ammessi negli Stati Uniti." 

 

Il respingimento seduta stante di viaggiatori di quei Paesi  già autorizzati ad entrare negli U.S.A. verso le nazioni di provenienza potrebbe causare loro infatti un "danno irreparabile", ha sentenziato il Giudice Ann Donnelly, oltre ad essere contrario ai principi costituzionali statunitensi. 

 

Gli Stati Uniti secondo la sentenza "devono astenersi, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo, dall’impedire l’ingresso agli individui con lo status di profugo già approvato dallo US Citizenship and Immigration Services come parte del Programma di Ammissione degli Stati Uniti per i rifugiati od in quanto titolari di visti, per immigrazione e non, comunque immigrati, e altre persone provenienti da Iraq, Siria, Iran, Sudan, Libia, Somalia e Yemen, già legalmente autorizzati ad entrare negli Stati Uniti",
 

Il Giudice non ha affrontato la costituzionalità delle decisioni di Trump, che giungono ad appena una settimana della sua presidenza.La decisione mantiene dunque lo status quo e assicura che le persone cui è stato concesso il permesso di essere presenti negli Stati Uniti non vengano espulse dal suolo americano. 

La sentenza è immediata e si applica a livello nazionale. 

Essa riguarda il permesso di soggiorno solamente di quegli immigrati che sono stati arrestati negli aeroporti degli Stati Uniti o che sono attualmente in transito, e non influisce su coloro che non sono ancora partiti per gli Stati Uniti. 

 

Il testo integrale del documento è disponibile  qui: https://www.aclu.org/legal-document/darweesh-v-trump-decision-and-order?redirect=legal-document/darweesh-v-trump-order

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto internazionale

Studio Legale Avv. Filippo Crippa Sardi - Bergamo (BG)

Studio Legale Avv. Filippo Crippa Sardi

Avvocati / Civile

Via Tasso 35 (passaggio San Bartolomeo 7)

24121 - Bergamo (BG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Prodotti di lusso e piattaforme "popolari"

La moda ai tempi di internet all'attenzione della CGUE. La rinomanza del "brand" impedisce la vendita automatica anche su piattaforme terze.

Continua

Le "Free Trade Zones" e l'internazionalizzazione

Un'occasione spesso misconosciuta od ignorata per le imprese che vogliono espandersi sui mercati internazionali con un occhio al mercato interno

Continua

Le controversie tra Stati in ambito internazionale

Una rapida panoramica sulla situazione dello Stato di Diritto nella soluzione delle controversie interstatuali

Continua

Volskwagen condannata da un Tribunale tedesco

Il Tribunale di Hildesheim, nella Bassa Sassonia è il primo a condannare direttamente la casa automobilistica

Continua

I danni punitivi all’attenzione delle SS.UU.

La Suprema Corte si interroga sull’attualità della nozione di ordine pubblico e danni risarcibili non meramente restitutori

Continua

Brexit: deve pronunciarsi il Parlamento inglese

La decisione della High Court complica i tempi e le procedure per l'uscita dell'Inghilterra dalla UE. E soprattutto spariglia i giochi della politica

Continua

India, Paese delle opportunità

Il subcontinente indiano offre alle PMI Italiane straordinarie opportunità imprenditoriali, non sempre conosciute appieno

Continua

Diritto Comunitario, questo sconosciuto

Il Diritto comunitario sempre più si sovrappone e sostituisce a quello nazionale, con importanti conseguenze nella vita di cittadini e imprese

Continua

PMI e pianificazione legale tra mondo e mercati

PMI e avvocati. Un rapporto molto difficile e controverso, frutto di pregiudizi e luoghi comuni. Mentre gli altri...

Continua