Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Reversibilità e convivenza prematrimoniale

Nell'attribuzione della quota di reversibilità tra coniuge divorziato e coniuge superstite il criterio della convivenza prematrimoniale può incidere

Reversibilità e convivenza prematrimoniale - Nell'attribuzione della quota di reversibilità tra coniuge divorziato e coniuge superstite il criterio della convivenza prematrimoniale può incidere

Quanto detto è stato oggetto di concreta applicazione in una sentenza del 21.05.2013, emessa dalla Corte d’Appello di Roma che ha confermato le statuizioni rese in primo grado. 

Nel giudizio instaurato dall’ex coniuge divorziata per l’assegnazione del 75% della quota di reversibilità, il Tribunale di Tivoli aveva invece ritenuto di dover attribuire all’altra coniuge superstite una quota pari al 50%, nonostante la durata del matrimonio con l’ex coniuge divorziata fosse stata di gran lunga superiore. 

Nella motivazione il Tribunale aveva stabilito che, a parità di condizioni economiche delle due donne, non si potesse prescindere dalla relazione di convivenza prematrimoniale tra il coniuge defunto e la seconda moglie. Per tale ragione la Corte d’Appello di Roma, abbandonando il rigore normativo dell’articolo 9 della L. 898/70 (ed in linea con quanto statuito dalla Corte Costituzionale con la nota sentenza n. 419/1999), ha confermato il peso decisivo che il rapporto di convivenza prematrimoniale necessariamente riveste, nell’ottica della stabilità e della realizzazione della successiva comunione di vita. 

Dunque, nella ripartizione pro quota della pensione di reversibilità tra coniuge divorziato e coniuge superstite, oltre ai consueti parametri (le complessive condizioni economiche degli aventi diritto, l’entità dell’assegno attribuito al coniuge divorziato e l’età raggiunta) il criterio matematico della durata matrimoniale lascia finalmente spazio ad un criterio correttivo adeguato, purché siano sempre assicurati ai coniugi, ex aequo, medesimi mezzi di sostentamento.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Tiziana Palladino - Roma (RM)

Avv. Tiziana Palladino

Avvocati / Civile

Via Giunio Bazzoni 3

00195 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Mantenimento: chi paga il mutuo?

Tra le voci di spesa ricomprese nell'assegno di mantenimento può esser previsto anche il pagamento del mutuo

Continua

Divisione giudiziale della casa familiare

L'assegnazione dell'immobile al coniuge separato può determinare un aumento della quota spettante in caso di successiva divisione giudiziale

Continua

Minori: affido paritario

Avere maggior tempo con un figlio vuol dire acquisire qualità del rapporto ed è il minore a beneficiarne: affido paritario - inversione di tendenza

Continua

Diritto al mantenimento della nuova famiglia

La nuova unione familiare dell'ex coniuge obbligato può ridurre l'entità del mantenimento in favore della prima famiglia.

Continua