Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Oneri condominiali tra vecchio/nuovo proprietario

Qual è la ripartizione delle spese condominiali arretrate in caso di vendita di un immobile inserito in un condominio

Oneri condominiali tra vecchio/nuovo proprietario - Qual è la ripartizione delle spese condominiali arretrate in caso di vendita di un immobile inserito in un condominio

Per quanto concerne il diritto del proprietario, subentrante in un immobile facente parte di uno stabile, per il caso in cui vi siano delle morosità relative alle spese condominiali (magari anche per più esercizi), soccorrono le norme delle disposizioni di attuazione al codice civile, nello specifico l’art. 63 c. II°: tale norma stabilisce un limite rigoroso agli oneri che possono essere trasferiti allo stesso dal precedente proprietario e suo alienante. 

Nello specifico, tale disposizione stabilisce che colui che subentra nei diritti di un condomino è obbligato, unitamente al precedente proprietario, al pagamento dei soli contributi relativi all’anno in corso ed a quello precedente. 

Spesso una problematica interpretativa collegata a tale norma risiede nello stabilire il momento esatto dell’avvenuto trasferimento dell’immobile in capo al nuovo acquirente: infatti nell’ipotesi in cui l’immobile venga acquisito a seguito di asta giudiziale, è solo con il decreto di trasferimento (che viene emesso dal giudice dell’esecuzione, sia essa individuale, concorsuale o fallimentare) che avviene il passaggio di proprietà dell’immobile. 

Anche per il caso in cui l’asta relativa all’immobile pignorato si tenga a distanza di molti anni rispetto alla data del pignoramento ed il debitore si sia astenuto dal corrispondere i contributi condominiali per altrettanti anni, nel momento in cui avviene l’aggiudicazione, l’amministratore del condominio potrà addebitare all’aggiudicatario sempre solo i contributi relativi all’anno in corso e quelli relativi all’anno precedente, ma certamente non quelli più antichi. 

In tal caso i contributi non potuti addebitare all’aggiudicatario verranno addebitati inevitabilmente e spalmati su tutte le altre unità immobiliari.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Responsabilità civile

Avv Rocco Varaglioti - Loano (SV)

Avv Rocco Varaglioti

Avvocati / Civile

Via Cavour 59

17025 - Loano (SV)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Risarcimento diretto nei sinistri stradali

Casi di applicabilità ed inapplicabilità della disciplina del risarcimento diretto per il caso di sinistri stradali

Continua

Il reato di usura nei rapporti bancari

Determinazione e precisazione delle voci costituenti il calcolo al fine di individuare la presenza di interessi usurari nei rapporti bancari

Continua

Responsabilità Civile Medica

Il medico diviene responsabile qualora abbia tenuto una condotta non rispondente ai criteri di diligenza, perizia e prudenza

Continua