Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

Spese di recupero coattivo dei veicoli confiscati

Qual è l'autorità obbligata al pagamento delle spese di recupero del veicolo confiscato e precedentemente affidato al trasgressore

Spese di recupero coattivo  dei veicoli confiscati - Qual è l'autorità obbligata al pagamento delle spese di recupero del veicolo confiscato e precedentemente affidato al trasgressore

In punto applicazione dell’art. 213 codice della strada sussistono difficoltà interpretative con riferimento alla individuazione del soggetto su cui gravano le spese di recupero coattivo  dei mezzi oggetto di provvedimento di confisca definitiva

 

L’art. 213 codice della strada  prevede  che il recupero coattivo debba essere effettuato “a cura dell’organo accertatore e a spese del custode”. 

 

La richiamata disposizione normativa, integrata con i principi generali che regolano il rapporto obbligatorio, è tale da non lasciare dubbio sul fatto che grava sul ministero dell’interno l’obbligo dell’anticipazione  delle spese di recupero coattivo salvo poi il diritto di rivalsa nei confronti del trasgressore inadempiente.  

 

La norma, infatti, impone che il recupero avvenga “a cura dell’organo accertatore”, soggetto che,  agendo con poteri autoritativi,  dovrà munirsi di tutti gli strumenti necessari per l’apprensione coattiva, sostenendone i costi,  ivi compresi quelli di recupero a mezzo del custode acquirente. 

 

L’aggiunta “spese a carico del custode”  non costituisce altro che il presupposto giuridico sulla base del  quale l’organo accertatore,  che ha curato il recupero coattivo,  possa  poi procedere a richiederne il pagamento. 

 

In nessun caso può ritenersi che il recupero coattivo possa determinare  il sorgere un rapporto obbligatorio privatistico tra custode acquirente e custode del veicolo confiscato: non sussiste alcun rapporto contrattuale,  né è configurabile una ipotesi di gestione di affari altrui ovvero una figura anomala di obbligazione propter rem. 

 

Al contrario è pacifico l’instaurarsi di  rapporto contrattuale tra organo accertatore e custode acquirente chiamato a supportare l’attività di  recupero coattivo. 

 

Interpretazione questa presa in considerazione dal ministero dell’Interno che,  con nota del 27 aprile 2010, nel  riconoscere le “rilevanti difficoltà da parte del custode acquirente nel recuperare i propri crediti  nei confronti dei trasgressori inadempienti“ ha suggerito di valutare “l’opportunità, secondo quanto prospettato dall’Agenzia del Demanio con nota del 12 marzo 2010 e già praticato da alcune Prefetture di anticipare le somme previste in attesa di recuperale dal trasgressore con l’iscrizione a ruolo, anche in considerazione che il mancato pagamento disattende l’ordinanza di confisca disposta dal Prefetto”. 

 

Orientamento conforme al dettato normativo, ribadito con successiva nota ministeriale del 17 febbraio 2016 sulla quale peraltro concorda l’Agenzia del Demanio. 

 

Sulla scorta di tale quadro normativo, anche  alla luce dell’autorevole interpretazione data dal Ministero dell’Interno, il custode dovrà predisporre una richiesta di pagamento, richiamando le citate note del ministero dell’interno, da inviare alla prefettura di competenza   e  nel caso di risposta negativa non rimane altro che  adire l’autorità giudiziaria. 

 

 

Avv. Giuseppe Altieri

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Studio Legale Altieri Pannia - Diritto Civile Penale E  Amministrativo - Roma (RM)

STUDIO LEGALE ALTIERI PANNIA - DIRITTO CIVILE PENALE E AMMINISTRATIVO

Avvocati / Civile

VIA SARDEGNA 17

00187 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Gara per l'affidamento dei veicoli confiscati

Nuove gare per l'affidamento dei veicoli confiscati: la pubblica amministrazione non intende pagare il custode per il recupero coattivo del veicolo

Continua

Veicoli sequestrati: tariffe non remunerative

Commento al decreto del 2 settembre 2006 n. 265 riguardante le tariffe per l’indennità spettante al custode dei veicoli oggetto di sequestro penale

Continua

Spese di custodia dei veicoli sequestrati

Opposizione al decreto di liquidazione delle spese di custodia dei veicoli oggetto di sequestro penale

Continua

Affidamento dei veicoli sequestrati

Effetti pratici della circolare del ministero dell’interno n. 300 del 1 agosto 2014 avente ad oggetto l'affidamento dei veicoli sequestrati.

Continua

Alienazione straordinaria dei veicoli sequestrati

La corte di cassazione contesta la quantificazione delle spese di custodia dei veicoli nei depositi giudiziari e rimette gli atti alla Consulta

Continua