Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Se il coniuge non versa il mantenimento...

...interviene il Fondo di solidarietà per il coniuge debole. Ma quando?

Se il coniuge non versa il mantenimento... - ...interviene il Fondo di solidarietà per il coniuge debole. Ma quando?

Siamo ancora in una fase sperimentale che viene applicata solo in alcuni Tribunali, tra cui il Tribunale di Milano, a partire dal 13 febbraio 2017. La Legge di stabilità 2016 ha istituito presso il Ministero della Giustizia un Fondo di solidarietà a tutela del coniuge in stato di bisogno, che non è in grado di provvedere al mantenimento proprio e dei figli minori, oltre che dei figli maggiorenni portatori di handicap grave, conviventi, qualora non abbia ricevuto l'assegno determinato dal Giudice per inadempienza del coniuge che vi era tenuto. 

 

Il coniuge richiedente deve dimostrare il proprio stato di bisogno (indicatore ISEE inferiore o uguale a € 3.000 e di essere in una condizione di disoccupazione) e, soprattutto, di aver tentato, senza successo, il recupero forzoso del credito con ogni tipo di iniziativa giudiziaria. Nello specifico, se il coniuge inadempiente svolge attività di lavoro subordinato, il richiedente deve dimostrare l’inadempimento anche del datore di lavoro, obbligato dal Tribunale a versare l’assegno di mantenimento. All’istanza deve essere allegato anche il tentativo di pignoramento mobiliare e la visura rilasciata dalla conservatoria dei registri immobiliari delle province di nascita e residenza del coniuge inadempiente da cui risulti l'impossidenza di beni immobili. 

 

In altri termini, la richiesta deve essere presentata solo quando si è già tentato il tutto e per tutto senza alcun risultato

 

Inoltre, si può chiedere l’intervento del Fondo di solidarietà per le somme non versate maturate in epoca successiva all'entrata in vigore della legge. 

 

Staremo a vedere come andrà questo periodo sperimentale e trarremo poi le dovute conclusioni. 

 

A primo impatto, un coniuge in stato di bisogno e con prole da mantenere deve attendere davvero tanto tempo prima di poter richiedere l’intervento del Fondo di solidarietà (deve aver tentato tutte le forme di pignoramento previste per legge), senza avere alcuna certezza dell’accoglimento della propria domanda. 

 

  

 

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Alessandra Dona - Zelo Buon Persico (LO)

Avv. Alessandra Dona

Avvocati / Civile

Largo Don Orione 2a

26839 - Zelo Buon Persico (LO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Casa coniugale e separazione

In caso di separazione e divorzio il punto più critico resta l'assegnazione della casa coniugale

Continua