Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Come ci si separa o si divorzia consensualmente?

La legge attualmente vigente mette a disposizione delle coppie che intendono separarsi o divorziare diverse procedure per raggiungere questi obiettivi

Come ci si separa o si divorzia consensualmente? - La legge attualmente vigente mette a disposizione delle coppie che intendono separarsi o divorziare diverse procedure per raggiungere questi obiettivi

Il decreto Legge n. 132 del 12 settembre 2014 ha introdotto importanti novità per le coppie che intendono separarsi o anche divorziare in modo consensuale o modificare le precedenti condizioni. 

Infatti se le parti sono d’accordo in ordine alle condizioni economiche (ad es. assegno alimentare), sulla gestione degli eventuali figli (affidamento, organizzazione dei tempi di permanenza dei figli, assegni di mantenimento ecc.) o anche sulla ripartizione dei beni (spartizione beni immobili o immobili), sono tre gli strumenti che hanno a disposizione. 

1) RICORSO IN TRIBUNALE 

Ove le parti decidano di rivolgersi all’Autorità Giudiziaria, sia in caso di separazione che di divorzio consensuale la procedura è molto simile.  

I coniugi possono incaricare un unico avvocato per entrambi o anche uno per ciascuno. I legali presenteranno un ricorso da depositare presso la cancelleria del tribunale del luogo di ultima residenza dei coniugi. Verrà così fissata  un’udienza avanti il Presidente del Tribunale che tenterà una conciliazione. 

A questo punto, se l’accordo delle parti è compatibile con le leggi e l’ordine pubblico la separazione verrà omologata o dichiarata la cessazione degli effetti civili del matrimonio. 

2) NEGOZIAZIOZIONE ASSISTITA 

Consiste in un accordo scritto alla presenza di entrambi gli avvocati delle parti (che obbligatoriamente devono averne uno ciascuno).           

I coniugi non dovranno recarsi mai in Tribunale perché l’accordo viene sottoscritto avanti  i propri avvocati. 

La procedura può essere svolta anche in presenza di figli minori o portatori di handicap o maggiorenni non autosufficienti.  

L’accordo va firmato dai coniugi e le sottoscrizioni sono certificate dagli avvocati.   

Successivamente alla firma gli avvocati devono trasmettere l’accordo alla Procura della Repubblica  presso il tribunale competente (che è lo stesso che sarebbe competente in caso della procedura giudiziaria). Se non rileva irregolarità, il Pm dà agli avvocati il nulla osta (in caso non ci siano figli) o l’autorizzazione (in caso ci siano figli) a trasmettere copia autenticata dell’accordo all’ufficiale dello stato civile del Comune in cui il matrimonio fu iscritto o trascritto. 

Nel caso in cui il P.M. non conceda il nulla osta/autorizzazione lo stesso trasmette l’accordo al Presidente del Tribunale competente e si incardinerà una procedura avanti lo stesso Tribunale.  

3) PROCEDURA PRESSO IL  COMUNE 

Questa opzione è fruibile dai coniugi accordati solo quando non ci siano figli minori, con handicap o maggiorenni economicamente incapaci.  

I coniugi, con o senza avvocati, potranno recarsi direttamente dinanzi all'ufficiale dello stato civile del comune di residenza (di entrambi, di uno dei due ovvero del comune presso cui è iscritto o trascritto il matrimonio), accordandosi al fine di separarsi o far cessare gli effetti civili del oro matrimonio.  

Con questa procedura non è possibile però per i coniugi effettuare dei trasferimenti patrimoniali. 

L’Ufficiale dello Stato Civile accerta la reale volontà dei coniugi di separarsi o divorziare in base alle condizioni pattuite, tenta la conciliazione e invita la coppia  a ripresentarsi dopo 30 giorni, che serviranno a far assumere la consapevolezza della scelta fatta dai coniugi.   

Trascorsi i 30 giorni se i coniugi non si presentano l’accordo perde efficacia, altrimenti diventa immediatamente esecutivo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Studio Legale Licchetta Avv. Valentina - Latina (LT)

Studio Legale Licchetta Avv. Valentina

Avvocati / Civile

Via Sisto V 19

04100 - Latina (LT)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Assicurazione obbligatoria avvocati

Le nuove disposizioni normative in tema di assicurazione professionale per gli avvocati

Continua

L'obbligo del preventivo scritto per l'avvocato

Il DDL concorrenza ha introdotto l'obbligo per l'avvocato di redigere sempre un preventivo di spesa scritto, anche se non richiesto dal cliente

Continua

Doppio cognome per i figli

Dal 2017 è possibile per i neogenitori scegliere di aggiungere al cognome paterno del proprio figlio anche quello materno

Continua

Fisco e canoni di locazione non percepiti

Se il conduttore non paga i canoni, il locatore è comunque obbligato a pagare le corrispondenti tasse?

Continua

Prevenire è meglio che sfrattare

Le procedure di sfratto di conduttori morosi sono lunghe e farraginose. Per evitarle si può solo prevenire e minimizzare il rischio della morosità.

Continua

La ex moglie ha perso il diritto al mantenimento?

In caso di separazione o divorzio, se l’ex-coniuge è in grado effettivamente di lavorare, l’altro coniuge non dovrà più versare il mantenimento

Continua

La cittadinanza italiana per discendenza da donne

Il diritto alla cittadinanza deve essere riconosciuto anche a tutti i discendenti delle donne italiane nate prima del 1948 ed emigrate in altri paesi

Continua