Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

IVA: dichiarazioni di intento da rifare a febbraio

Cessano di aver valore col 28 febbraio le dichiarazioni degli esportatori abituali che prevedono la non applicazione dell’Iva per un periodo temporale

IVA: dichiarazioni di intento da rifare a febbraio - Cessano di aver valore col 28 febbraio le dichiarazioni degli esportatori abituali che prevedono la non applicazione dell’Iva per un periodo temporale

Ricorrendo determinate condizioni, la legge consente agli “esportatori abituali” – che non incassano Iva sulle fatture di vendita all’estero (“non imponibili”) e diverrebbero pertanto sistematicamente creditori, pagando l’Iva sugli acquisti – di chiedere ai propri fornitori di non applicare l’Iva sulle forniture. 

 

Con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 2 dicembre 2016 denominato “Approvazione del modello di dichiarazione d’intento di acquistare o importare beni e servizi senza applicazione dell’imposta sul valore aggiunto, delle relative istruzioni e delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati”,  è stato approvato il nuovo modello di comunicazione delle “lettere di intento”, con cui gli esportatori abituali chiederanno ai propri fornitori di non applicare l’Iva sulle fatture a loro carico e comunicheranno i relativi dati all’Agenzia delle Entrate. 

 

Il nuovo modello dovrà essere utilizzato per gli acquisti di beni o servizi che si perfezioneranno dal 1 marzo 2017

 

Rispetto al modello precedente, il nuovo modello non prevede più la possibilità di riferire la dichiarazione d’intento ad un determinato periodo di tempo, ma solo di indicare un importo massimo di forniture da non assoggettare a iva, oppure di indicare una sola  operazione da non assoggettare a imposta. 

 

Con Risoluzione Ministeriale n. 120/E del 22.12.2016, l’Agenzia delle Entrate, in relazione alla predetta novità, ha comunicato che “nel caso in cui venga presentata una dichiarazione d’intento con il vecchio modello nel quale siano stati compilati i campi 3 e 4  - operazioni comprese nel periodo da___ (es. dal 01/01/2017 al 31/12/2017) -  la dichiarazione non ha validità per le operazioni di acquisto da effettuare a partire dal 1° marzo 2017. Per tali operazioni deve essere quindi presentata una nuova dichiarazione d’intento utilizzando il nuovo modello”. 

 

Avviene abitualmente che a fine anno vengano predisposte e inviate le dichiarazioni di intento per l’anno nuovo. Qualora talune di esse, redatte correttamente col vecchio modello, indicassero un periodo temporale (es.: dal 1/1/2017 al 31/12/2017) durante il quale non applicare l’Iva alle forniture, anziché un importo massimo (o una singola operazione), tali dichiarazioni cesserebbero quindi di avere efficacia col 28 febbraio 2017. Dopo tale data, pertanto, in assenza di una nuova dichiarazione di intento redatta con utilizzo del nuovo modello, il fornitore dovrà applicare l’Iva alle cessioni di beni o prestazioni di servizi eseguite. 

 

La problematica riguarda tanto i fornitori quanto il richiedente: entrambi sarebbero infatti assoggettati a pesanti sanzioni  nel caso non tenessero presenti le indicazioni qui formulate. 

 

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Dott. Gabriele Tosi - Busto Arsizio (VA)

Dott. Gabriele Tosi

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Benedetto Milani 2

21052 - Busto Arsizio (VA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

F24: stop alle compensazioni con Home Banking

Nuove norme per le compensazioni in F24 e soglia ridotta per il visto di conformità; nuove forme tecniche per spedire le liquidazioni trimestrali

Continua

Dal 2016 contabilizzazione dei “derivati” obbligatoria

L’adozione, dal 2016, dei Principi Contabili Internazionali rende obbligatori complessi calcoli per contabilizzare i contratti derivati

Continua

Bingo! “credito vigilanza” al 100%

L’Agenzia delle Entrate ha determinato la misura del credito di imposta ex legge 208/2015 per spese di vigilanza in importo pari alle spese sostenute

Continua

Al 10 aprile la presentazione dello “spesometro”

Scade il 10 aprile il termine per la presentazione dello “spesometro” relativo al 2016 per i contribuenti con liquidazioni mensili dell’Iva

Continua

Entro oggi le domande per il “credito vigilanza”

La legge 208/2015 ha concesso un credito di imposta per le spese personali del 2016 per i servizi di vigilanza e gli impianti di videosorveglianza

Continua

Contrordine: risorgono i modelli Intra 2 acquisti

È in fase di reintroduzione, con effetto da oggi, l’obbligo di presentazione degli Intra 2 relativi agli acquisti intracomunitari, da poco abolito

Continua

Amministratori: prestazioni gratuite con cautela

Sempre più frequentemente l’Agenzia delle Entrate presume compensi agli amministratori di società che prestano gratuitamente la propria opera

Continua

Aboliti alcuni adempimenti fiscali, eccone altri

Il 2017 vede l’abolizione di alcuni adempimenti fiscali per società e imprese e, per contro, la nascita di nuovi obblighi dichiarativi

Continua

Sanzioni alla metà per chi non fa uso del contante

Anche per il 2017 è in vigore la norma che prevede la riduzione alla metà delle sanzioni tributarie a chi non fa alcun uso di contante

Continua

2017: contabilità semplificate tassate per cassa

Dal 2017 le imprese e società in contabilità semplificata verranno tassate su incassi e pagamenti effettivi e non più "per competenza"

Continua

Novità fiscali per società di persone e imprese

La legge 232/2016 ha introdotto rilevanti novità per la tassazione di società di persone e imprese, consentendo opzioni che vanno prontamente valutate

Continua