Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza del lavoro

Distacco transnazionale dei lavoratori

Il distacco transnazionale è disciplinato dal decreto legislativo n. 136/2016.

Distacco transnazionale dei lavoratori - Il distacco transnazionale è disciplinato dal decreto legislativo n. 136/2016.

Il distacco transnazionale è disciplinato dal decreto legislativo n. 136/2016 e dalle disposizioni operative contenute nel decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 10 agosto 2016.
Con la circolare n. 1 del 9 gennaio 2017 l’Ispettorato Nazionale del Lavoro ha fornito agli organi di vigilanza le istruzioni per il controllo e la verifica del distacco.
Il distacco transnazionale è determinato dal fatto che un’impresa stabilita in un altro Stato membro dell’Unione europea distacca in Italia uno o più lavoratori in favore di un’altra impresa, anche se appartenente allo stesso gruppo, o in favore di un’altra unità produttiva o di un altro destinatario; tutto ciò avviene nell’ambito di una  prestazione di servizi e a condizione che durante il periodo di distacco continui a sussistere un rapporto di lavoro tra il lavoratore distaccato e l’impresa distaccante.
L’art. 2, comma 1 lett. d), del decreto legislativo n. 136/2016 precisa che per lavoratore distaccato deve intendersi “il lavoratore abitualmente occupato in un altro Stato membro che per un periodo limitato, predeterminato o predeterminabile con riferimento ad un evento futuro e certo, svolge il proprio lavoro in Italia”.
La normativa contempla tre diverse ipotesi di distacco temporaneo di lavoratori:
- da parte di un’azienda avente sede in un diverso Stato membro presso una propria filiale situata in Italia; 

- da parte di un’azienda avente sede in un diverso Stato membro presso un’ azienda italiana appartenente al medesimo gruppo di impresa (c.d. distacco infragruppo); 

- nell’ambito di un contratto di natura commerciale (appalto di opera o di servizi, trasporto ecc.), stipulato con un committente (impresa o altro destinatario) avente sede legale o operativa nel territorio italiano.
Ricordiamo che durante il periodo di distacco il soggetto distaccato ha diritto alle medesime condizioni di lavoro previste per i lavoratori che effettuano prestazioni lavorative subordinate analoghe nel luogo in cui si svolge il distacco (c.d. livelli minimi di condizioni di lavoro e occupazione).
Il datore di lavoro distaccante che da uno Stato membro intenda inviare in Italia il proprio personale ha l’obbligo di trasmettere, telematicamente, la comunicazione obbligatoria  preventiva, UNI_Distacco_UE, entro le ore 24 del giorno precedente l’inizio del periodo di distacco e ogni variazione successiva dovrà avvenire tramite la medesima procedura informatica entro 5 giorni dal verificarsi dell’evento modificativo.
La circolare n. 1/2017 precisa che, in caso di distacco non autentico, il personale ispettivo dovrà considerare il lavoratore come impiegato sul territorio italiano dal giorno di inizio dell’attività svolta in pseudo distacco, applicando integralmente gli istituti e le tutele in materia di lavoro e legislazione sociale previsti dalla normativa interna. Dovrà essere inoltre disconosciuto il mod. A1, ai fini dell’imputazione del lavoratore alla gestione INPS.
Gli ispettori irrogheranno anche
la sanzione amministrativa per la violazione conseguente alla mancata formalizzazione dell’instaurazione del rapporto di lavoro in Italia, da 100 a 500 euro, diffidabile.in caso di distacco non autentico, trova applicazione anche la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 50 per ogni lavoratore occupato e per ogni giornata di occupazione (comunque non inferiore a 5.000 euro e non superiore a 50.000 euro).in caso di impiego di minori è previsto l’arresto fino a diciotto mesi e l’ammenda è aumentata fino al sestuplo.
Da ultimo si precisa che il distacco non autentico non è assimilabile alla fattispecie “lavoro nero”, con esclusione delle relative conseguenze sanzionatorie. L’impiego in “nero” dei lavoratori già interessati da una procedura di distacco potrà, invece, configurarsi nel caso in cui l’impiego degli stessi da parte dell’utilizzatore prosegua anche dopo la comunicazione di cessazione anticipata del distacco.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza del lavoro

Noi Consulenti Del Lavoro Stp Srl - Milano (MI)

Noi Consulenti Del Lavoro Stp Srl

Consulenti del Lavoro / Sviluppo e Lavoro

Viale Ortles, 54/a

20139 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Le prime indicazioni INAIL sul lavoro agile

L’Inail rende note le istruzioni operative relative all'obbligo assicurativo per i lavoratori in modalità Smart Working

Continua

Welfare Aziendale: interpello Regione Lombardia

Parliamo di welfare aziendale, in particolare dell’Interpello della Direzione regionale della Lombardia dell’agenzia delle Entrate

Continua

Disoccupazione DID online dall'1/12/2017

Dal 1° Dicembre 2017, sarà obbligatoria la DID online. Come funziona? Lo vediamo con i consulenti del lavoro Lumina

Continua

Conciliazione vita lavoro: gli sgravi

Via libera alle agevolazioni per i datori di lavoro che attuano misure per la conciliazione vita lavoro

Continua

Lavoro Accessorio: le novità dopo i Vaucher

Il Senato ha approvato in via definitiva la conversione in legge del D.L. 50/2017

Continua

Visto di conformità e deleghe di pagamento F24

Tutte le Indicazioni dell’Agenzia delle Entrate

Continua

Bonus Asili Nido 2017: come riceverlo?

Le istruzioni operative dell’Inps per usufruire del bonus asili nido 2017

Continua

Lavoro Agile, Smart Working

In data 10 maggio 2017 è stato definitivamente approvato il disegno di legge n. 2233-B, recante misure per il lavoro agile

Continua

Decreto Correttivo Jobs Act: lavoratori a distanza

L’art. 4 della legge 20 maggio 1970, n. 300, relativo agli “impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo”

Continua

Congedo di Paternità

Il concedo di paternità, disciplinato dalla Legge n. 92/2012, è un congedo di astensione dal lavoro che spetta ai padri lavoratori dipendenti

Continua

Incentivo Occupazione Sud 2017

L’Inps disciplina le modalità operative per la fruizione dell’agevolazione prevista per i rapporti di lavoro che si svolgono nel sud Italia

Continua

Abolizione dei Voucher: le alternative contrattuali

Con il Decreto Legge n. 25, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 marzo 2017 è stata abolita la disciplina del lavoro accessorio.

Continua

Welfare Aziendale | Cnnl Metalmeccanici 2017

l welfare aziendale è l’insieme di opere e servizi che il datore di lavoro mette a disposizione del lavoratore.

Continua

Come funziona l'incentivo occupazione giovani

Ecco come funziona l’incentivo occupazione giovani e quali sono le modalità operative contenute in una circolare INPS

Continua

Incentivi all'assunzione 2017

Analizziamo nel dettaglio gli incentivi all'assunzione 2017

Continua

Dimissioni On Line

Dal 12 marzo 2016 l’efficacia delle dimissioni volontarie e della risoluzione consensuale è subordinata all’osservanza di una procedura telematica

Continua

Contributo di licenziamento

Oggi analizziamo il contributo di licenziamento introdotto dalla riforma Fornero ai sensi della Legge n. 92/2012

Continua

Lavoratori ammessi al programma "Garanzia Giovani"

Incentivo a favore dei datori di lavoro privati che assumano giovani lavoratori registrati al "Programma Garanzia Giovani".

Continua

Legge di bilancio di 2017/2019: approvata

Il Senato della Repubblica, nella seduta del 7 dicembre 2016, ha approvato la Legge Finanziaria 2017

Continua

La legge di bilancio 2017 in dirittura di arrivo

La Camera dei Deputati ha approvato, con votazione definitiva, la Legge di bilancio.

Continua

La legge Cirinnà e le conseguenze sul lavoro

La Legge 20.05.16, n. 76 (Legge Cirinnà), ha introdotto nel nostro ordinamento l’istituto delle unioni civili e regolamentato le convivenze di fatto.

Continua

Agevolazioni per le assunzioni in scadenza

Di seguito si approfondiscono le agevolazioni per le assunzioni in scadenza al 31/12 e le novità previste dal disegno di legge per la finanziaria 2017

Continua

Maternità e paternità per lavoratori dipendenti

La tutela della maternità e della paternità è disciplinata dal D.Lgs. 151/2001 vediamo come nell'articolo

Continua

Entra in vigore il decreto correttivo del jobs act

In vigore le disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 15 giugno 2015, n. 81 e 14 settembre 2015, nn. 148, 149, 150

Continua

Smart Working: legge sul lavoro autonomo e agile

Aggiornamenti in tema di lavoro agile, le aziende attendono le linee guida definitive per poter attuare tale modalità di svolgimento della prestazione

Continua

Partecipazione finanziaria al capitale d'impresa

Fondo per incentivare la partecipazione dei lavoratori al capitale e agli utili delle imprese e per la diffusione dei piani di azionariato

Continua

Car sharing: quale trattamento fiscale

L’agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 83 del 28 settembre 2016, ha chiarito il trattamento fiscale del car sharing.

Continua