Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto commerciale

Crisi di impresa e fallimento

Quando le società cessate possono fallire

Crisi di impresa e fallimento - Quando le società cessate possono fallire

Una recente pronuncia della cassazione, che si allinea alla giurisprudenza dell'ultimo anno, resiste alla richiesta di restrizione dei casi di fallibilità delle aziende a tutela degli interessi dei creditori.
Esistono infatti ancora numerosi ambiti a favore degli imprenditori i quali possono in qualche modo eccepire elementi a tutela della esclusione della eventuale declaratoria di fallimento.

Tra questi casi ad esempio vi era la questione sulla  cancellazione della società dal registro delle imprese e lo scopo mutualistico della cooperativa agricola.

Per il primo caso la recente sentenza n. 8092/2016 ha ribadito che il termine di un anno entro il quale l'imprenditore individuale che abbia cessato l'attività può essere dichiarato fallito, decorre dalla cancellazione dal registro delle imprese, non rilevando il momento della cessazione dell'attività lavorativa se effettuata antecedentemente alla data della cancellazione.
Tale importante presupposto crea pertanto una maggiore possibilità a favore dei creditori di vedere soddisfatte le proprie ragioni.

Per quanto riguarda l'imprenditore agricolo ad esempio la sentenza n.16614/2016 della Cassazione ha affermato che l'imprenditore che richiede l'esenzione dal fallimento, dovrà dimostrare con rigore, il collegamento funzionale della sua azienda con la terra. Diversamente sarà soggetto anch'esso al fallimento laddove vi sia una sproporzione delle attività connesse rispetto quella principale di coltivazione.

Inoltre l'ordinanza 9788/2016 della Cassazione ha specificato che la declaratoria di fallimento potrà essere pronunciata nel caso di cooperative con scopo mutualistico e che hanno per oggetto attività agricole soprattutto quando l'attività economica che viene effettuata dall'azienda non corrisponda a quella dell'imprenditore agricolo.

Infine l'ordinanza 14250/2016 ha riconosciuto pure la fallibilità alla cooperativa senza scopo di lucro che opera solo nei confronti dei propri soci. La Suprema Corte ha ritenuto quindi che quando l'attività è svolta in modo da mantenere una proporzionalità tra i costi e ricavi, l'assenza della finalità di profitto non esclude automaticamente l'esercizio dell'attività d'impresa e la fallibilità dell'impresa.

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto commerciale

Avv. Vincenzo Messina - Milano (MI)

Avv. Vincenzo Messina

Avvocati / Civile

Via Passione 8

20122 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Fallimento addio

La liquidazione giudiziale sostituisce il fallimento

Continua

Condominio: ripartizione spese

Condominio: la ripartizione delle spese per frontalini e fioriere

Continua

Contratti bancari: la sottoscrizione della Banca

Anche la Banca al pari dell'investitore deve sottoscrivere i contratti di consulenza e di gestione del portafoglio del cliente

Continua

L'ipoteca della Banca prevale sempre

L’ipoteca preesistente della banca prevale sulla sentenza di assegnazione della casa familiare alla moglie a seguito di separazione o divorzio

Continua

Condominio: la revisione delle tabelle millesimali

Quali sono i casi in cui è necessario emendare la tabella millesimale

Continua

I creditori delle società liquidate e cessate

Gli effetti della cancellazione si annullano se la cessazione viene effettuata per finalità elusive delle obbligazioni pendenti

Continua