Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto commerciale

Appunti sulla prescrizione presuntiva

Non si tratta di una vera e propria prescrizione, ma solo di una presunzione vincibile con prova contraria

Appunti sulla prescrizione presuntiva - Non si tratta di una vera e propria prescrizione, ma solo di una presunzione vincibile con prova contraria

Il mancato esercizio del diritto per un certo lasso di tempo incide sulla pretesa del creditore. Con l'eccezione dei diritti indisponibili e di quelli previsti dalla legge, ogni diritto si estingue, se il titolare non lo esercita per un certo tempo. In realtà, più correttamente si afferma che la prescrizione incide solo sull’azionabilità in giudizio, di modo che, se eccepita, la prescrizione è idonea a bloccare l’iniziativa giurisdizionale, ma non rende ripetibile il pagamento eseguito dopo la maturazione del termine. Accanto alla prescrizione estintiva ordinaria e breve, l’Ordinamento conosce le prescrizioni presuntive (artt. 2954 e ss cc.). Queste hanno funzione e disciplina diversa. Infatti, la prescrizione estintiva è descritta come una vicenda estintiva del diritto che risponde all’esigenza di interesse pubblico di garantire la certezza dei rapporti giuridici. Quella presuntiva muove dalla presunzione che un credito sia stato pagato o si sia estinto. Non si tratta, dunque, di una vera e propria prescrizione, ma solo di una presunzione iuris tantum di estinzione, vincibile con prova. Le applicazioni dell’istituto sono diverse e divergono per il tempo necessario a far sorgere la presunzione. Così, ex art. 2954 cc., il diritto degli albergatori per l’alloggio si prescrive in sei mesi. In un anno, quello dei prestatori di lavoro, per le retribuzioni relative a periodi non superiori al mese e degli ufficiali giudiziari. Ex art. 2956 cc., si presume prescritto in tre anni il diritto dei notai, per gli atti del loro ministero e quello dei professionisti, per il compenso. Per circoscrivere meglio le prestazioni dell’ultima categoria citata (art. 2956 n.2 c.c.), la giurisprudenza limita l’operatività della prescrizione ai rapporti che si svolgono senza formalità, in relazione ai quali il pagamento suole avvenire senza dilazione né rilascio di quietanza scritta. Pertanto, qualora il contratto sia stato pattuito per iscritto e quando le parti abbiano concordato il differimento  dell’obbligo di pagamento, la presunzione non può essere fatta valere. La prescrizione del diritto al compenso dei professionisti decorre automaticamente dalla conclusione della prestazione. Così, per i crediti degli avvocati il termine iniziale coincide con la cessazione del rapporto col cliente, che può identificarsi con la data di pubblicazione della sentenza non più impugnabile(C. 12326/01). 

La giurisprudenza definisce questo tipo di prescrizione come una presunzione legale iuris tantum con limitata possibilità di prova contraria. Il debitore eccipiente deve provare solo il decorso del termine; il creditore la mancata soddisfazione del diritto. Quest’ultima prova può essere fornita solo con il deferimento del giuramento decisorio, oppure avvalendosi dell’ammissione, fatta in giudizio dallo stesso debitore, che l’obbligazione non è stata estinta. 

Dal giuramento dipende la decisione totale o parziale della causa e la sua falsità comporta l’integrazione del reato di cui all’art. 371 c.p. e le conseguenti domande risarcitorie, ma non la revocazione della sentenza. La presunzione di prescrizione del debito è vinta, altresì, se colui che ha opposto l’eccezione ha comunque ammesso in giudizio che l’obbligazione non è stata estinta. Secondo la giurisprudenza, la sola proposizione dell’eccezione non equivale al riconoscimento del debito, in quanto è solo l’ammissione ad avere tale valenza probatoria. 

Tuttavia, la proposizione comporta il riconoscimento dell’esistenza del credito nella misura richiesta dal debitore e, pertanto, l’ammissione di aver pagato una somma inferiore, implica il riconoscimento per la differenza dell’an debeatur.  

Quanto alle forme dell’ammissione, essa può risultare anche implicitamente dalla contestazione dell’esistenza del credito, o dalla richiesta che si proceda alla compensazione giudiziale con altro credito. Infine, la giurisprudenza afferma che in uno stesso giudizio, non sia possibile eccepire la prescrizione ordinaria e quella presuntiva. Il motivo sarebbe da rinvenire nel diverso fondamento che giustifica la prescrizione.L’eccezione di prescrizione ordinaria si basa sul presupposto che sia trascorso il lasso di tempo idoneo a impedire l’esercizio in giudizio della pretesa. Chi oppone la prescrizione presuntiva afferma che l’estinzione dell’obbligazione sia avvenuta mediante pagamento. Eccepire la prescrizione ordinaria significa ammettere implicitamente che l’obbligazione non si è estinta mediante l’adempimento, con la conseguenza di non poter più opporre la prescrizione presuntiva che, invece, postula l’adempimento.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto commerciale

Avv. Michele Zanchi - Milano (MI)

Avv. Michele Zanchi

Avvocati / Civile

Via Santa Sofia 6

20122 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La sottoscrizione dei contratti di investimento

La firma dell’investitore soddisferebbe da sola il requisito di forma. La sottoscrizione della banca sarebbe, invece, un inutile formalismo

Continua

Manipolazione dell’Euribor, nullità delle clausole

La nullità porta con sé l’obbligo per la banca di ripetizione dell’indebito percepito

Continua

Riflessioni critiche sull’art. 2929 bis c.c.

Azione esecutiva semplificata, alienazione a titolo gratuito, revocatoria.

Continua

Liquidazione del compenso dell`avvocato, rito applicabile

Liquidazione compensi e spese, di cui all'art. 633 e ss. c.p.c., procede ai sensi del D. Lgs. n. 150 art 14.

Continua

Capitalizzazione dei costi di ricerca e sviluppo

Contabilizzazione dei costi di ricerca e sviluppo. Modifica art. 2424 c.c.

Continua

Composizione della crisi da sovraindebitamento

Quali sono le procedure ricorribili da soggetti non sottoponibili alle procedure fallimentari per far fronte a una grave esposizione debitoria

Continua

Pubblico impiego e art. 18 dello Statuto dei lavoratori

Lavoratore pubblico privatizzato, Statuto dei lavoratori

Continua

Assegno in bianco o postdatato

Nullità dell'assegno e sanzioni amministrative

Continua

Le Sezioni Unite sulle "Claims Made"

Responsabilità professionale, efficacia della clausola Claims Made e la sua validità

Continua

Disegno di legge Cirinnà

DDL Cirinnà: Unioni Civili e disciplina delle convivenze

Continua

Fallimento: azione di responsabilità ed entità del danno

Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza 9100/2015

Continua

Creditore ipotecario e fallimento

Divieto di azione esecutiva individuale; creditore ipotecario e tutela dei creditori, revocatoria ordinaria o fallimentare, rimedi esperibili.

Continua