Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale societario

Computer crime e 231/2001

Reati informatici e responsabilità amministrativa degli Enti

Computer crime e 231/2001 - Reati informatici e responsabilità amministrativa degli Enti

La sicurezza informatica, si intreccia, inevitabilmente, con la tutela dei dati personali, tanto che sono previste disposizioni, all’interno del Codice della Privacy (D.lgs. n.196/2003), che prevedono determinati obblighi in capo al titolare del trattamento dei dati, quali ad esempio la necessità di implementare una serie di misure minime di sicurezza, identificate direttamente dalla normativa, oppure misure idonee e preventive da identificare in base ad un’accurata analisi dei rischi. Ad oggi tali rischi, correlati ai crimini informatici (computer crime) sono di grande rilevanza, si pensi che la maggior parte dei processi aziendali, sono informatizzati (ne sono un chiaro esempio  l’assistenza tecnica o i servizi di cloud computing). 

Dalle statistiche, almeno l’80% delle aziende europee ha sperimentato la violazione della sicurezza informatica aziendale nel 2016, minacciando la fiducia degli investitori nell’economia digitale. Anche la Cassazione è intervenuta, a far comprendere quanto sia importante per un’impresa, dotarsi di un efficace modello di prevenzione reati e più in generale di un modello ex D.lgs. 231/2001, con la sentenza numero 22313 del 3 novembre 2016. Nel caso in esame, in seguito ad una verifica fatta da alcuni ispettori in una banca, al fine di verificare il rispetto delle disposizioni interne, in materia di uso e sicurezza del materiale informatico assegnato ai dipendenti, venivano rilevati files potenzialmente dannosi nel pc dell’azienda in dotazione al dipendente. A tale verifica seguiva formale provvedimento disciplinare dei dirigenti nei confronti del dipendente, reo di aver esposto la banca ai rischi conseguenti l’acquisizione del proprio sistema informativo di files, che avrebbero potuto comportare delle sanzioni ai sensi del D.lgs. 231 del 2001. 

A decorrere dalla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla criminalità informatica, con la Legge numero 48 del 18 marzo del 2008, la configurazione di crimini informatici, produce effetti anche nei confronti dell’azienda stessa, assoggettata ad una severa forma di responsabilità amministrativa, detta anche “para-penale”, derivante da un fatto proprio dell’Ente, autonomo rispetto a quella dell’autore materiale del delitto. La stessa norma ha ulteriormente ampliato l’area dei reati presupposto, in presenza dei quali scatta la responsabilità degli enti, infatti all’art. 24 bis, figurano alcuni dei comportamenti che rappresentano minacce alla sicurezza informatica, qualificati, nel nostro ordinamento, come condotte penalmente rilevanti. Tuttavia il Legislatore stabilisce che non si configuri responsabilità quando: 

-      la società abbia, preventivamente, adottato, modelli organizzativo-comportamentali e di gestioni idonei a prevenire la commissione di detti reati; 

-      il reato sia stato commesso dall’autore materiale nel suo esclusivo interesse o di terzi. 

 

Se dunque, fino ad ora, gli organi al vertice delle aziende adottavano un approccio di sufficienza riguardo tale ambito, oggi invece si punta forte sullo sviluppo nella Compliance normativa in ambiti particolarmente sensibili, quali quello informatico e quello della tutela della salute dei lavoratori. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale societario

Avv. Gianluca Iaione - Salerno (SA)

Avv. Gianluca Iaione

Avvocati / Penale

Via Torretta 4

84122 - Salerno (SA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Normativa sulla produzione e commercio del legname

Quadro normativo in materia di commercio e produzione del legno e modello 231/01

Continua

Responsabilità penale del gallerista

Contraffazione, alterazione e riproduzione di opere d'arte e falso dichiarato, artt. 178 e 179 del Codice dei beni culturali e del paesaggio

Continua

Il made in Italy a tutela rafforzata

Tutela del commercio e dei prodotti italiani dalla contraffazione

Continua

Frode fiscale e prescrizione

Contrasti applicativi tra la Corte di Giustizia europea e la Corte Costituzionale sui reati tributari

Continua

Compro oro, occhio alla ricettazione

Pericolo di usura, riciclaggio e ricettazione nei negozi

Continua

Diffamazione e social network

Circostanza aggravante o attenuata?

Continua

I nuovi crimini informatici nel codice penale

Reati informatici, prevenzione ed interventi alla luce del Dlgs. 231/2001

Continua

Corte europea sull’evasione IVA

Diritto tributario e societario

Continua

Diritto aziendale ed alimentare

Impresa alimentare, nuove agevolazioni e rating di legalità

Continua

Il principio del doppio binario “deragliato”

Lo statuto del contribuente fra sistema penale e tributario

Continua

Diritto penale doganale e alimentare

Made in Italy, Olio Dop del Cilento, italian sounding e perfezionamento attivo.

Continua

Il falso biologico

Diritto penale alimentare, frode in commercio, nuovi articoli 516-517-517 bis.

Continua

Diritto penale aziendale

Nuovo codice degli appalti e delle concessioni, articolo 80, misure di self-cleaning e modello 231, condanne successive all'aggiudicazione.

Continua

Diritto penale alimentare

Responsabilità penale del legale rappresentate di una catena di supermercati, risk assessment, risk management, delega di funzioni.

Continua

Diritto penale alimentare

Responsabilità del direttore di un supermercato, nuovo articolo 440 c.p., particolare tenuità del fatto.

Continua

Diritto penale alimentare

Impresa agroalimentare, adozione del modello 231, il nuovo articolo 6 bis, il reato agroalimentare e di caporalato

Continua

Diritto penale tributario e revoca del giudicato

Dichiarazione infedele, condanna penale e riabilitazione giuridica delle imprese.

Continua

La responsabilità penale del gestore delle piste da sci

I gestori di pista da sci sono tenuti non solo a segnalare i tratti pericolosi della pista ma a renderli inaccessibli

Continua

Diritto penale doganale. Evasione IVA

Libera circolazione e abuso del diritto

Continua

Abuso del diritto nel diritto tributario

Elusione fiscale, overtax e depenalizzazione

Continua

Omicidio stradale negli Stati Uniti

Intervento dell`avvocato Gianluca Iaione - Proposta di riforma legislativa - Sala conferenze della Camera dei Deputati in Roma l’ 8 giugno 2012

Continua