Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto commerciale

Il pignoramento dei compensi dell'amministratore

Il compenso dell'amministratore sociale è interamente pignorabile perché è un lavoratore autonomo e non parasubordinato

Il pignoramento dei compensi dell'amministratore - Il compenso dell'amministratore sociale è interamente pignorabile perché è un lavoratore autonomo e non parasubordinato

Con la sentenza n. 1545 del 20.01.2017 le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, cui è affidato il compito di risolvere i dubbi interpretativi ed applicativi della legge espressi da precedenti sentenze contrastanti delle Sezioni semplici, impartendo le corrette modalità di decisione delle questioni di diritto al resto della magistratura, si sono espresse sull'annosa questione vertente l'esatta ricostruzione del rapporto contrattuale fra società ed amministratore sociale. 

Nel caso sottoposto alla sua attenzione il Collegio si è trovato a decidere in merito all'impugnazione di un'ordinanza di un Giudice dell'esecuzione, il quale, in sede di opposizione all'esecuzione, aveva stabilito che i crediti pignorati all'amministratore sociale presso la società amministrata, costituenti il suo compenso per l'attività gestoria prestata, rientrerebbero nei casi di impignorabilità relativa di cui all'art. 545 c.p.c., potendo dunque essere assegnati al creditore dell'amministratore solo nel limite di un quinto del loro complessivo importo. 

In proposito, la Corte ha ricordato che tale limite, originariamente previsto dal D.P.R. n. 180 del 1950 per i compensi dei soli impiegati pubblici, è stato nel tempo esteso dal Legislatore al settore del lavoro privato e, in conseguenza di tale equiparazione, la Corte di Cassazione ha affermato che anche ai rapporti di lavoro parasubordinato, di cui all'art. 409, n. 3, c.p.c., debbano trovare applicazione i limiti di pignorabilità di cui al quarto comma dell'art. 545 c.p.c.; limiti pacificamente non estendibili anche ai corrispettivi per i contratti di lavoro autonomo o d'opera professionali.  

Per risolvere la suddetta questione, dunque, il Supremo Collegio ha confrontato le due tesi contrapposte circa il corretto inquadramento del rapporto in questione: l'una, contrattualistica, che ascrive il rapporto nell'alveo del contratto di mandato, di lavoro o atipico; l'altra, detta teoria organica, che ponendo l'accento sul fenomeno di immedesimazione organica (per cui l'amministratore esprime all'esterno la volontà e l'azione della società amministrata), nega qualsiasi distinzione fra società ed amministratore, ritenendo che ogni conseguente questione debba esser risolta con gli istituti ordinari del diritto societario. 

Ebbene, le Sezioni Unite, premesso che nel 1994 avevano stabilito per la sussistenza di un rapporto di lavoro parasubordinato, hanno osservato che con la riforma del diritto societario l'amministratore è figura egemone e, dunque, non risulta più soggetto a quell'attività di coordinamento richiesta dall'art. 409 n. 3 c.p.c. per la configurabilità della parasubordinazione, dovendo piuttosto propendersi per il riconoscimento di una prestazione d'opera professionale

In tal senso, secondo la Corte, depone anche il testo dell'art. 3, comma 2, lett. a) del D.lgs. n. 168 del 2003, nella parte in cui, delineando l'ambito di cognizione del Tribunale delle imprese, ricomprende i "rapporti societari ivi compresi quelli concernenti l'accertamento, la costituzione, la modificazione o l'estinzione di un rapporto societario": proprio in tale alveo deve, dunque, esser ricondotto il rapporto fra amministratore e società amministrata, sebbene sia compito del giudice di merito valutare, caso per caso, se in concreto non sussista un rapporto di lavoro di qualche tipo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto commerciale

Avv. Gabriele Orlando - Palermo (PA)

Avv. Gabriele Orlando

Avvocati / Civile

Via Giovanni Bonanno 122

90143 - Palermo (PA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Tutele del lavoratore licenziato a fine commessa

Il subentro di altra impresa in un appalto di servizi non comporta necessariamente un trasferimento di azienda (Cass. civ. 24972/2016)

Continua

La tutela del contribuente nelle liti esattoriali

La Sezione tributaria della Cassazione sancisce il principio di effettività della tutela del contribuente nelle procedure di riscossione esattoriale

Continua

Valutazione dei debiti e trasferimento di azienda

Chi acquista un'azienda risponde dei debiti, compresi quelli verso gli enti pubblici, solo se iscritti in contabilità, salvo le eccezioni di legge

Continua

Appalti pubblici e cartella di pagamento impugnata

La pendenza del giudizio di impugnazione di una cartella di pagamento non determina l'esclusione dalla gara di appalto pubblico

Continua

L'installazione del GPS sull'auto aziendale

Secondo la circolare n. 2/2016 dell'Ispettorato nazionale del lavoro l'installazione del GPS sull'auto aziendale dev'essere autorizzata

Continua

Licenziamento disciplinare e riprese audiovisive

Le telecamere di sorveglianza possono essere utilizzate per provare gli illeciti disciplinari, se non usate per controllare l'operato dei dipendenti

Continua

Il danno da perdita del congiunto e la convivenza

La convivenza non costituisce più requisito minimo per il risarcimento del danno da perdita del rapporto parentale, bensì elemento probatorio

Continua

Responsabilità del Comune nel sinistro dell'utente

Il Comune è responsabile del sinistro cagionato dalla mancata manutenzione di sua spettanza

Continua

Dirigente licenziato: i termini di impugnazione

Decade dall'impugnazione il dirigente licenziato che non deposita in tempo il ricorso ex legge Fornero, nonostante la domanda cautelare separata

Continua