Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale sanitario

Terremoto L’ Aquila: la Cassazione si pronuncia

La Suprema Corte conferma la sentenza pronunciata in Appello. Cassazione Penale, Sez. IV, n. 12748/16

Terremoto L’ Aquila: la Cassazione si pronuncia - La Suprema Corte conferma la sentenza pronunciata in Appello.
Cassazione Penale, Sez. IV, n. 12748/16

La Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione, pronunciandosi in merito alla responsabilità dei componenti della Commissione Nazionale per la Previsione e la Prevenzione dei Grandi Rischi per i decessi e le lesioni conseguite al terremoto verificatosi il 6 aprile 2009, confermando la sentenza di Appello, ha affermato una serie di principi  che, ponendo l’attenzione sull’accertamento del nesso causale, offrono importanti spunti di riflessione. In primo luogo, ha affermato la configurabilità, anche nell’ambito dei reati colposi, della c.d. “causalità psichica”, da ricostruirsi sulla base di consolidate e riscontrabili massime di esperienza, cui deve necessariamente far seguito il rigoroso e puntuale riscontro critico fornito dalle evidenze probatorie e dalle contingenze del caso concreto. Nella specie, la Corte ha riconosciuto “un nesso di derivazione causale” tra le informazioni, imprecise e contraddittorie, sulla pericolosità e sui futuri sviluppi dell’attività sismica fornite da uno degli imputati, alla cittadinanza e la decisione di alcune delle vittime di rimanere in casa, nonostante il protrarsi delle scosse sismiche. Difatti, la “causalità psichica”, riguardando uno status spirituale dell’essere umano, non suscettibile di verifica empirica, si presenta in termini del tutto peculiari rispetto alle forme tradizionali della causalità relativa ai fenomeni d’indole fisico-naturalistica. Di conseguenza, ai fini del giudizio penale, anche la “causalità psichica” richiede la preventiva ricerca di possibili generalizzazioni esplicative delle azioni individuali che, sulla base di consolidate e riscontrabili massime di esperienza, siano capaci di selezionare ex ante le condotte condizionanti  da sottoporre successivamente al vaglio dell’accertamento dell’esistenza del nesso causale. Le massime di esperienza – al pari delle leggi scientifiche di tipo probabilistico  – possono essere utilizzate allo scopo di alimentare la concretezza di un’ipotesi causale. Quindi, ai fini dell’affermazione concreta della relazione causale, è necessario accertare che le evidenze probatorie abbiano un riscontro critico suscettibile di convalidare o falsificare l’ipotesi originaria e, contestualmente, di escludere o meno la plausibilità di ogni altro decorso causale alternativo, al di là di ogni ragionevole dubbio.  La Corte aquilana aveva correttamente ascritto all’imputato il compimento di una condotta informativa d’indole attiva (per la scorretta comunicazione/informazione pubblica del rischio sismico), alla quale ha causalmente collegato la realizzazione della successione di eventi che avevano condotto alla verificazione dei decessi allo stesso addebitati. A riguardo la Suprema Corte ha formulato il principio secondo cui “La regola cautelare, fondata sulla prevedibilità ed evitabilità dell’evento, ha riguardo ai casi in cui la verificazione di questo, in presenza della condotta colposa, può ritenersi, se non certa, quanto meno possibile sulla base di elementi d’indagine dotati di adeguata concretezza e affidabilità, sia pure solo di consistenza empirica e non scientifica. Essa, invece, non può essere individuata sulla scorta del principio di precauzione, che ha riguardo ai casi per i quali si è rimasti a livello del sospetto che, in presenza di certi presupposti, possano verificarsi effetti negativi e dunque quando manchi in senso assoluto una possibile spiegazione dei meccanismi causali o non si disponga di concreti elementi d’indagine idonei a formulare attendibili e concrete previsioni circa il ricorso di eventuali connessioni causali tra la condotta sospetta e gli eventi lesivi”. Dunque, la ricostruzione delle dinamiche psichiche che interessano il diritto penale dovrà inevitabilmente avvenire alla luce delle generalizzazioni che regolano d’ordinario la vita dell’uomo. Conclusivamente, la “teoria del rischio”, evocata dalle riflessioni delle Sezioni Unite riproposte puntualmente in questo articolo, offre strumenti di analisi e ponderazione meno vaghi e più penetranti rispetto a quelli offerti dalla tradizione.  In breve, l’individuazione del rischio quale chiave di volta per la lettura degli intrecci causali; l’intervento di fattori con causalità determinante, il  ruolo della comunicazione sociale del rischio sismico e l’adozione di una condotta informativa scorretta, aiutano a comprendere la posizione assunta dalla Suprema Corte, 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale sanitario

Avv. Olindo Paolo Preziosi - Avellino (AV)

Avv. Olindo Paolo Preziosi

Avvocati / Penale

Via Matteotti 22

83100 - Avellino (AV)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Truffa aggravata di energia elettrica: il caso

Cosa può succedere al titolare della licenza di un tabacchi destinatario di una sentenza di condanna per truffa aggravata di energia elettrica?

Continua

Vaccinazione obbligatoria?

L’obbligatorietà delle vaccinazioni e la tutela della salute dei minori: il principio di precauzione

Continua

Chirurgia estetica

L'obbligo di acquisire il consenso informato non integra una regola cautelare la cui inosservanza influisce sulla colpevolezza

Continua

Colpa medica ed accertamento del nesso causale

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. IV PENALE , sent. n.9457/13

Continua

“Colpa medica e diagnosi differenziale”

Tra i doveri precauzionali imposti al medico in casi dubbi c`è la cosiddetta diagnosi differenziale

Continua

Ascoltare una telefonata altrui è reato?

Il discrimen per l’utilizzabilità della testimonianza di colui che ascolti un colloquio in modalità vivavoce: il consenso di uno dei partecipi

Continua

Autovelox e Tutor illegali

In assenza di un modello di riferimento omologato, tutte le infrazioni rilevate possono essere contestate

Continua

La responsabiltà medica, si pronuncia la Cassazione

Medico accusato del delitto di omicidio colposo per colpa consistita in una “macro omissione” nelle valutazioni cliniche

Continua

CASO CUCCHI: La Cassazione annulla con rinvio

Da rifare il processo in Corte di Assise di Appello per i cinque medici coinvolti nel caso Cucchi

Continua

Problemi applicativi della Legge Balduzzi

La pronuncia della Cassazione, grado della colpa e linee guida nella valutazione della colpa medica

Continua

Responsabilità medica

Esiste il nesso di causalità tra la condotta dei sanitari che hanno prestato cure inadeguate alla paziente e il decesso della stessa?

Continua

Manipolare i mercati finanziari è reato

Legittimi i rimborsi dell’EURIBOR calcolati su MUTUI, LEASING E OPERAZIONI FINANZIARIE A TASSO VARIABILE, relativi agli anni 2005-2008.

Continua

Nuovo attentato all’informazione

Giornalista identificato ed allontanato dalla Polizia, per aver tentato di fare qualche domanda all’ex Premier Matteo Renzi

Continua

Arresti domiciliari: quando scatta l'evasione?

In ciabatte a pochi metri dalla propria abitazione c'è evasione? Il caso tra offensività della condotta e giurisprudenza di legittimità

Continua

Nascondere la droga non è spaccio

Quando la tossicodipendenza conduce alla instaurazione di un processo penale per spaccio

Continua

Consenso informato e condanna penale

L’omessa acquisizione del consenso, in caso di esito infausto del trattamento medico, implica una condanna penale per lesioni o omicidio colposo?

Continua

Un malore casuale si trasforma in accusa ingiusta

La consulenza tecnica di parte, un’arma vincente per dimostrare la insufficienza e contraddittorietà della prova ai fini di una pronuncia assolutoria

Continua

Quando l’errore medico causa la morte

L’opposizione all’archiviazione del procedimento quando elementi oggettivi indicano la responsabilità medica nella ritardata diagnosi

Continua