Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

La Riforma del bilancio, quali novità e quale adottare?

Con le nuove modifiche contabili è importante valutare quale bilancio adottare in base alla classificazione aziendale

La Riforma del bilancio, quali novità e quale adottare? - Con le nuove modifiche contabili è importante valutare quale bilancio adottare in base alla classificazione aziendale

Sono molte le novità che sono state introdotte al bilancio di esercizio (per le singole imprese) e al bilancio consolidato (per i gruppi di impresa collegate tra loro) a seguito dell’entrata in vigore del Decreto Legislativo n.139/2015 (il cosiddetto Decreto Bilanci), che ha recepito la Direttiva Europea 2013/34/UE. Il punto principale della Riforma del bilancio è una nuova classificazione delle aziende in base alle loro dimensioni (micro impresa, piccola impresa, media impresa e grande impresa), misurate sui tre fattori dell’attivo dello stato patrimoniale, dei ricavi netti e del numero medio dei dipendenti. 

  

Frutto di questa nuova classificazione, è l’introduzione proprio delle micro imprese che sono state sempre introdotte dal Decreto Bilanci e che sono disciplinate dall’articolo 2435-ter del codice civile

Di conseguenza, la nuova classificazione ha avuto come effetti anche modifiche nella redazione del conto economico, stato patrimoniale e nota integrativa delle società diverse dalle micro imprese. 

Una di queste modifiche riguarda, in particolare, l’introduzione del cosiddetto costo ammortizzato per la valutazione di debiti e crediti societari. 

  

Ma andando con ordine e partendo dalle modifiche in materia di redazione dello stato patrimoniale, del conto economico e della nota integrativa (che compongono il bilancio di esercizio), queste si possono riassumere in nuove semplificazioni, applicazioni di principi di redazione del bilancio, esclusione dal conto economico di voci relative a proventi e oneri straordinari e modifiche all’informativa in nota integrativa. 

  

Senza entrare nello specifico, è possibile generalizzare dicendo che, a partire dal 1° gennaio 2016, i bilanci da adottare variano in base alla dimensione aziendale. Nello specifico viene adottato: 

- il Bilancio super abbreviato per le microimprese; 

- il Bilancio abbreviato per le imprese di piccole dimensioni; 

- il Bilancio ordinario per le imprese di medio-grandi dimensioni. 

  

Parlando invece delle micro imprese, queste sono aziende di piccole dimensioni non quotate in borsa e che, in base all’articolo 2435-ter del codice civile, "nel primo esercizio o, successivamente, per due esercizi consecutivi, non abbiano superato due dei seguenti limiti: 

1) totale dell'attivo dello stato patrimoniale: 175.000 euro; 

2) ricavi delle vendite e delle prestazioni: 350.000 euro; 

3) dipendenti occupati in media durante l'esercizio: 5 unità”. 

I vantaggi contabili per le micro imprese sono importanti con un alleggerimento notevole del carico burocratico, tra cui l’esenzione dalla redazione: 

1) del rendiconto finanziario; 

2) della nota integrativa quando in calce allo stato patrimoniale risultino le informazioni previste dal primo comma dell'articolo 2427, numeri 9) e 16); 

3) della relazione sulla gestione: quando in calce allo stato patrimoniale risultino le informazioni richieste dai numeri 3) e 4) dell'articolo 2428. 

  

Infine il costo ammortizzato. Questo è definito dal principio contabile internazionale 39 (IAS 39) in base al quale “Il costo ammortizzato di un’attività o passività finanziaria è il valore a cui è stata misurata al momento della rilevazione iniziale l’attività o la passività finanziaria al netto dei rimborsi di capitale, aumentato o diminuito dall’ammortamento complessivo utilizzando il criterio dell’interesse effettivo su qualsiasi differenza tra il valore iniziale e quello a scadenza, e dedotta qualsiasi riduzione (operata direttamente o attraverso l’uso di un accantonamento) a seguito di una riduzione di valore o di irrecuperabilità.” 

Semplificando anche in questo caso, ciò significa che i debiti devono essere aggiornati annualmente aggiungendo al valore contabile del debito gli interessi calcolati con il tasso di interesse effettivo e decurtando i rimborsi di capitale e di interesse effettuati nel corso del periodo di esercizio. I valori dei crediti, invece, devono essere registrati e aggiornati in base al loro valore presumibile realizzo. 

Il criterio dell’applicazione del costo ammortizzato sui debiti e crediti societari è stato introdotto a partire dal 1° gennaio 2016 e viene applicato a tutte le società, tranne: 

- le imprese per le quali l’adozione del costo ammortizzato comporta effetti irrilevanti ai fini contabili 

- le piccole imprese che redigono il bilancio in forma abbreviata 

- le micro imprese. 

  

Il nostro studio offre consulenza per approfondire le novità contabili e per individuare la contabilità ottimale da tenere in base al singolo caso aziendale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Cs Dati Dr. Piero Mistretta - Milano (MI)

Cs Dati Dr. Piero Mistretta

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Viale Monte Ceneri 73

20155 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Incentivi alle imprese con le assunzioni agevolate

Ecco quali sono i bonus destinati alle aziende che assumono giovani disoccupati, stagisti e tirocinanti

Continua

Corsi aziendali obbligatori: è possibile ottenerli gratis?

Attraverso determinati enti si possono ottenere notevoli risparmi sui corsi obbligatori per le aziende o addirittura ottenerli senza spese

Continua

Legge di Bilancio 2017: torna il maxi-ammortamento, ma intanto…

E’ possibile usufruire del maxi-ammortamento del 140% sull’acquisto di beni strumentali acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016

Continua

Pressione fiscale: abbatterla con l’assetto societario!

L’ostacolo principale alla sopravvivenza delle imprese Italiane è la pressione fiscale. Ma un modo per risparmiare c’è!

Continua

Sicurezza sul lavoro: bando incentivi Isi

Fino al 7 maggio, le aziende che vogliono investire in salute e sicurezza nei posti di lavoro potranno avvalersi di finanziamenti a fondo perduto

Continua

S.O.S liquidità per le PMI

La difficoltà ad ottenere i finanziamenti bancari può essere superata dalle garanzie concesse dai Confidi

Continua

Cassa Depositi…ma anche prestiti!

Competere nel mercato di oggi significa saper cogliere le opportunità di finanza agevolata

Continua

Agevolazioni per l’acquisto di macchinari

Grazie al “Decreto del Fare” è possibile ottenere un contributo in conto interessi per finanziamenti della durata di 5 anni

Continua

Legge 394/81: internazionalizzate la vostra impresa

Finanza agevolata: espandere il proprio mercato è possibile se si ricorre ai finanziamenti a tassi agevolati

Continua

Novembre e dicembre: incubo fiscale

L’attesa del Natale è segnata da un calendario dell’avvento ricco di scadenze fiscali da ricordare e di difficile comprensione

Continua

Imprese: danno da usura e anatocismo

Il fabbisogno finanziario delle aziende risente delle pratiche scorrette e illegali bancarie contro le quali si può essere risarciti

Continua

Agevolazioni nazionali e regionali alle PMI

Una strada di finanziamento poco battuta dalle imprese è il ricorso ai fondi pubblici tramite bando e convenzioni nazionali e regionali

Continua

Privati: come difendersi da usura e anatocismo

La maggior parte dei conti correnti e mutui stipulati sono viziati da anomalie bancarie a scapito dei cittadini. Ecco come difendersi

Continua

Confusione Tasi

Il 16 ottobre è il giorno della scadenza del pagamento dell’acconto della nuova tassa comunale. Tutti i nodi verranno al pettine...

Continua

Come aprire un bar

Nonostante la liberalizzazione del Decreto Bersani, sono ancora molti gli adempimenti da rispettare per avviare l’attività

Continua