Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

Termine dell`impugnazione dell`atto di ammissione alla gara

Quando decorre il termine di impugnazione dell'atto di ammissione alla gara dell'impresa aggiudicataria se non pubblicato sul sito dell'Appaltante?

Termine dell`impugnazione dell`atto di ammissione alla gara - Quando decorre il termine di impugnazione dell'atto di ammissione alla gara dell'impresa aggiudicataria se non pubblicato sul sito dell'Appaltante?

Tribunale Amministrativo Regionale per la Basilicata (Sezione Prima), sentenza n. 24 del 13.01.2017. 

 

Ai sensi del comma 2 bis dell’art. 120 del Codice del Processo Amministrativo, aggiunto dall’art. 204, comma 1, lett. b), d.lgs. n.50/ 2016, in vigore dal 19.04.2016, con effetto per procedure e contratti di cui al citato d.lgs. i cui bandi e avvisi siano pubblicati a partire dal 20.04.2016, «Il provvedimento che determina le esclusioni dalla procedura di affidamento e le ammissioni ad essa all’esito della valutazione dei requisiti soggettivi, economico-finanziari e tecnico-professionali va impugnato nel termine di trenta giorni, decorrente dalla sua pubblicazione sul profilo del committente della stazione appaltante, ai sensi dell’articolo 29, comma 1, del codice dei contratti pubblici adottato in attuazione della legge 28 gennaio 2016, n. 11.  

 

L’omessa impugnazione preclude la facoltà di far valere l’illegittimità derivata dei successivi atti delle procedure di affidamento, anche con ricorso incidentale. E’ altresì inammissibile l’impugnazione della proposta di aggiudicazione, ove disposta, e degli altri atti endo-procedimentali privi di immediata lesività». 

Ma in caso di mancata pubblicazione dell’ammissione dei concorrenti sul sito della Stazione appaltante, da quando decorre il termine di impugnazione? 

«Qualora l’atto di ammissione alla gara dell’impresa risultata poi aggiudicataria non sia stato pubblicato sul profilo committente della stazione appaltante ex art. 29, comma 1, d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50, il termine decadenziale di 30 giorni di impugnazione di tale atto inizia a decorrere non immediatamente (senza attendere la conclusione della gara), come previsto dall’art. 120, comma 2 bis, c.p.a. (aggiunto dall’art. 204, d.lgs. n. 50 del 2016), da tale pubblicazione ma dalla ricezione, mediante posta elettronica, del provvedimento di aggiudicazione definitiva, conclusivo del procedimento». 

 

E’ quanto emerge, per quel che qui rileva, dalla sentenza ora in commento che ritiene ricevibile il ricorso con il quale era stata chiesta l’esclusione dalla gara dell’Impresa aggiudicataria, spedito ai sensi dell’art. 1 della legge n. 53/1994 per la notificazione a mezzo posta il 29 ottobre, a meno di un mese dal messaggio via PEC, ricevuto il precedente 13 ottobre «(sul punto cfr. Cass. Civ. Sez. III n. 4919 del 28.2.2011 e n. 6402 dell’1.4.2004, TAR Catanzaro Sez. II n. 428 del 14.3.2014 e TAR Umbria n. 20 del 20.1.2010, secondo cui il principio, sancito dalla Corte Costituzionale con la Sentenza n. 477 del 2002, secondo il quale deve ritenersi tempestiva per il notificante la notificazione a mezzo posta al momento della consegna del plico all’Ufficiale Giudiziario, si applica anche alla notificazione a mezzo del servizio postale eseguita dal difensore della parte ai sensi dell'art. 1 legge n. 53/1994, essendo irrilevante l’autore della notificazione, in quanto la data di consegna dell’atto all’Ufficiale Giudiziario risulta sostituita con la data di spedizione del piego raccomandato)».

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Avv. Cristiana Centanni - Roma (RM)

AVV. CRISTIANA CENTANNI

Avvocati / Civile

Via FRANCESCO DENZA 15

00197 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Danno da vacanza rovinata per forte ritardo volo

Se il volo è in forte ritardo, colui che ha acquistato dal tour operator il pacchetto turistico, va da quest'ultimo risarcito

Continua

Atto di aggiudicazione gara

Atto di aggiudicazione della gara non pubblicato nella sezione “amministrazione trasparente”. Quando scattano i trenta giorni per l’impugnativa?

Continua

Odori di sugo, fritti, etc.? E’ reato

Gli odori da cucina che superano la soglia della tollerabilità integrano la fattispecie di getto pericolose di cose ex art. 674 c.p.

Continua

Via libera al ‘sisma bonus’

Le novità del 'sisma bonus' introdotto con la Legge di Bilancio 2017

Continua

Gara. Esclusione. Nuovo codice appalti

Esclusione dell’Impresa dalla gara per la mancanza del requisito del pareggio di bilancio nell’ultimo triennio

Continua

Istanza di accesso agli atti

Illegittimo il rifiuto opposto dall’Amministrazione alla istanza di accesso agli atti della subappaltatrice

Continua

Condominio. Parti comuni. Trasformazione

La finestra può essere trasformata in accesso carraio per un uso più intenso della cosa comune

Continua