Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Privacy specialist e Data Protection Officer

Videosorveglianza: alcuni degli errori più comuni

La videosorveglianza è un trattamento dati; si devono quindi applicare delle precise prescrizioni. Ecco alcuni degli errori più comuni

Videosorveglianza: alcuni degli errori più comuni - La videosorveglianza è un trattamento dati; si devono quindi applicare  delle precise prescrizioni. Ecco alcuni degli errori più comuni

La videosorveglianza è un trattamento dati sia quando le immagini vengono registrate, sia quando le immagini vengono solo visionate. Si applicano quindi le disposizioni generali sulla protezione di dati personali, gli specifici provvedimenti dell'autorità garante e si deve prestare attenzione anche a normative concorrenti ad esempio lo statuto dei lavoratori (legge 300/1970).
Un impianto non a norma può determinare conseguenze negative anche di natura sanzionatoria sia in ambito amministrativo che penale (violazione statuto dei lavoratori ad esempio). E` bene, quindi, ricordare che:
a) I dati trattati in violazione di legge possono essere INUTILIZZABILI;
b) Possono essere comminate sanzioni a causa del controllo a distanza dei lavoratori (legge 300/1970);
c) Possono essere comminate sanzioni per violazione della privacy (sanzioni amministrative e/o penali legate ad inidonea od omessa informativa, mancata adozione di misure minime, trattamento illecito, solo per citare alcune violazioni concrete);
d) Si possono commettere involontarie violazioni di altre norme cogenti ad esempio si possono commettere illeciti sanzionati dal codice penale (es. interferenze illecite nella vita privata, ecc).

Si riportano di seguito alcuni degli errori più comuni.
1) Vignetta non compilata, compilata parzialmente, o compilata in modo erroneo. Ad esempio viene inserito un titolare del trattamento sbagliato, oppure vengono indicate le finalità erroneamente;
2) Videoripresa di aree di non esclusiva pertinenza del titolare del trattamento;
3) Installazione di sistemi in ambiti lavorativi senza accordo sindacale o autorizzazione della DTL;
4) Mancato rispetto dei tempi massimi di conservazione delle immagini;
5) Mancata nomina degli incaricati alla videosorveglianza e dei responsabili del trattamento, mancato controllo periodico della configurazione dell'impianto e assenza di documentazione che regoli il rapporto con i fornitori in tema privacy;
6) Modifica dell’impianto dopo aver ricevuto autorizzazione della DTL o aver effettuato accordo sindacale senza effettuare nuova richiesta di autorizzazione o stipulare nuovo accordo;
7) Comunicazione delle immagini a soggetti non legittimati;
8) Posizionamento delle telecamere in aree vietate (antibagni, spogliatoi, sale sindacali, sale break);
9) Mancato rispetto delle indicazioni fornite dalla DTL in relazione all’accesso alle immagini registrate;
10) Trasmissione delle immagine  ed accesso da remoto alle stesse senza protezione dei dati (crtittografia, accesso consentito solo ad incaricati e nel rispetto delle indicazioni contenute nell'autorizzazione della DTL);
11) Mancata valutazione della proporzionalità dello strumento e della sua configurazione in relazione alle finalità da perseguire (registrazione dell’audio senza necessità, impianti con sistemi di riconoscimento biometrico…);
12) Assenza dell'applicazione dellle misure minime di sicurezza e delle basilari misure previste dal codice privacy e dal provvedimento dell'autorità garante in tema di videosorveglianza (Aprile 2010).

NB. Il presente articolo rappresenta un inquadramento generale della tematica trattata, non ha il valore di un parere professionale su specifiche situazioni concrete che devono essere analizzate caso per caso.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Privacy specialist e Data Protection Officer

Dr. Marco Trombadore - Roma (RM)

Dr. Marco Trombadore

Consulenti aziendali / Privacy specialist e Data Protection Officer

Via Taine 51

00133 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Varato il piano ispettivo del Garante Privacy

Nelle scorse settimane l'Autorità ha varato il piano ispettivo per il primo semestre 2017 che prevede nuovi ambiti di intervento

Continua

Privacy ed imprese: sintesi dei principali ruoli

Elementi basilari in ambito privacy: chi sono il titolare, il responsabile e l'incaricato? Cosa si intende per trattamento dati e come si definiscono?

Continua

Privacy e imprese: non si gioca ai magistrati

Non si devono mai sottovalutare i principi di liceità, proporzionalità, non eccedenza, pertinenza del trattamento dati anche nelle azioni difensive

Continua