Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

Indennità di accompagnamento e per cecità totale

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 18443 del 20/09/2016 si è pronunciata sulla compatibilità o meno tra le due indennità

Indennità di accompagnamento e per cecità totale - La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 18443 del  20/09/2016 si è pronunciata sulla compatibilità o meno tra le due indennità

In particolare, con l'ordinanza in oggetto la Suprema Corte ha riaffermato il principio secondo cui il  cumulo tra indennità di accompagnamento ex art 1 Legge n. 18 del 1980 ed indennità per cecità totale ex art. 2 Legge n. 429 del 1991 è possibile solo ad una condizione e precisamente quella secondo cui il requisito sanitario per la concessione dell'indennità di accompagnameto ordinaria sussista per infermità diverse dalla cecità. 

 

Diversamente, il cumulo non è possibile, dal momento che entrambe le prestazioni assistenziali assolvono alle medesime finalità di sopperire a bisogni primari di soggetti in condizioni di gravissima menomazione nello svolgimento della vita quotidiana e dei rapporti sociali. 

 

Pertanto se un soggetto non è in grado di svolgere le comuni attività della vita quotidiana perchè cieco, le due prestazioni non sono cumulabili. 

 

Se invece il soggetto in questione, oltre alla cecità è affetto da patologie che, di per se sole (ed eslusa la cecità), lo rendono comunque bisognoso di assistenza continua è possibile beneficiare di entrambe le prestazioni.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto del lavoro

Studio Legale Patrizi Arrigo Dobici - Roma (RM)

Studio Legale Patrizi Arrigo Dobici

Avvocati / Civile

Via Tirso 90

00198 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Requisti sanitari, indennità di accompagnamento

Ai fini della valutazione, non rilevano episodici contesti o stati patologici acuti o transitori

Continua

La quantificazione del danno per la pensione

La Corte di Cassazione ha chiarito come debba calcolarsi la percentuale di invalidità a fini previdenziali

Continua