Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

Addio al contributo di mobilità

Con il venir meno dell'obbligo di contribuzione alla mobilità viene meno anche il diritto dei dipendenti all'indennità di mobilità

Addio al contributo di mobilità - Con il venir meno dell'obbligo di contribuzione alla mobilità viene meno anche il diritto dei dipendenti all'indennità di mobilità

Con il recente Messaggio n. 99 dell’11 gennaio scorso, anche l’Inps è intervenuto a ribadire quanto previsto dal Legislatore nelle riforme introdotte dalla Legge n. 92/2012, ossia che a decorrere dall’1 gennaio 2017 non esiste più l’indennità di mobilità ordinaria, né la possibilità di iscriversi nelle liste di mobilità e di conseguenza neppure gli incentivi per le aziende che assumono lavoratori iscritti nelle liste di mobilità

 

La modifica normativa risale alla Legge c.d. “Fornero” n. 92/2012, entrata in vigore il 18 luglio 2012, che all’art. 2, comma 71, ha previsto l’abrogazione con decorrenza 1° gennaio 2017 di tutte le norme che prevedevano i suddetti istituti. 

Le conseguenze per le aziende, che rientrano nel campo di applicazione Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria, sono notevoli in quanto, come precisato anche nel Messaggio Inps n. 99/2017, vengono meno le <<seguenti forme contributive:  

·        contributo ordinario di mobilità, pari allo 0,30% della retribuzione imponibile (art. 16, c. 2, lett. a) legge n. 223/91); 

·        contributo d’ingresso alla mobilità (art. 5, c. 4, legge n. 223/91)>>. 

 

Ne deriva che, oltre al minor carico contributivo, dette aziende, in caso di licenziamento collettivo, non saranno più tenute ad allegare alla comunicazione di apertura della procedura, la ricevuta del versamento all’Inps di una somma pari al trattamento mensile di integrazione salariale moltiplicato per il numero di esuberi denunciati (c.d. contributo d’ingresso)

Mentre sul versante “lavoratori” (dipendenti da aziende rientranti in ambito CIGS), la riforma comporta che, in caso di licenziamento collettivo, i dipendenti licenziati non riceveranno più l’indennità di mobilità né potranno più iscriversi alle liste di mobilità. 

La cessazione del rapporto darà loro diritto unicamente all’indennità di disoccupazione (“NASPI”). 

 

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto del lavoro

Avv. Etzi Carla - Milano (MI)

Avv. Etzi Carla

Avvocati / Civile

Piazza Sant`agostino 22

20123 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Internet durante il lavoro: dosiamone l'utilizzo

Sull’utilizzo “smodato” e per scopi personali della rete internet aziendale

Continua

Dimissioni del lavoratore

Quali richieste risarcitorie può avanzare un datore di lavoro?

Continua

Sulla reintegra nel posto di lavoro

Reintegra sì o no se il fatto contestato disciplinarmente non sussiste?

Continua

Recenti sentenze a tutela della disabilità

Tutelare le disabilità ed impedire le discriminazioni si può

Continua

Licenziamento del dirigente

L’onere della prova degli addebiti disciplinari mossi al dirigente deve essere assolto dal datore di lavoro in maniera rigorosa

Continua

Contratti di lavoro a progetto

Contratti di lavoro a progetto: confermata la presunzione di subordinazione assoluta, in assenza di un valido progetto

Continua

Denunce dei lavoratori all'Organismo di vigilanza

Denunce sì, ma con massima cautela

Continua

Soci di SRL e contributi INPS

Soci di SRL e contribuzione INPS gestione commercianti: qual è la corretta base imponibile?

Continua