Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Risarcimento per i detenuti

Per chi ha subito il "sovraffolamento" delle carceri c`è il risarcimento di 8 euro oppure una riduzione della pena

Risarcimento per i detenuti - Per chi ha subito il "sovraffolamento" delle carceri c`è il risarcimento di 8 euro oppure una riduzione della pena

Il decreto legge n° 92/14 ha introdotto delle disposizioni urgenti in materia di rimedi risarcitori in favore dei detenuti e degli internati che hanno subito un trattamento in violazione dell’art. 3 della Convenzione Europea per la Salvaguardia Dei Diritti dell’Uomo e delle Libertà Fondamentali. 

 

Il provvedimento è stato adottato per ottemperare a quanto disposto dalla Corte Europea Dei Diritti Dell’Uomo (CEDU) con la sentenza dell’8 gennaio 2013 (causa Torreggiani vs Italia), nella quale è stato stabilito che lo Stato italiano deve predisporre un insieme di rimedi idonei ad offrire una riparazione adeguata al sovraffollamento carcerario. 

 

A tal fine è stata introdotta la possibilità di ottenere un risarcimento pari ad euro 8,00 per ogni giorno di detenzione. Il decreto, dunque, prevede risarcimenti in denaro per i detenuti tornati in libertà che sono stati costretti a vivere in uno spazio inferiore a tre metri quadrati, in violazione dell'articolo 3 della Convenzione dei diritti dell'uomo. Per chi è ancora detenuto è prevista una riduzione della pena residua, vale a dire per ogni 10 giorni di carcere vi è la possibilità, riconosciuta dal magistrato di sorveglianza, di una riduzione di 1 giorno a titolo di liberazione anticipata. 

 

Tuttavia, se la pena residua non consente la detrazione dell’intera misura percentuale, il magistrato liquiderà a titolo di risarcimento danni una somma pari a 8 euro per ciascuna giornata trascorsa in condizione degradanti. Ad esempio, se resta da scontare un anno di pena ma, considerato il periodo di sofferenze, lo sconto dovrebbe essere di due anni, sull’anno residuo verrà calcolato il risarcimento in ragione di 8 euro al giorno. 

 

Avrà diritto al risarcimento anche chi ha subito le condizioni inumane e degradanti durante la carcerazione preventiva. In tal caso, se il periodo in custodia cautelare non è computabile nella determinazione della pena da espiare, entro sei mesi dalla cessazione della detenzione può essere chiesto il risarcimento del danno. Stesso ragionamento vale per chi è già libero ed ha già scontato interamente la sua pena. Chi, al momento dell’entrata in vigore del decreto, ha finito già di espiare la pena, definitiva o in custodia cautelare, può chiedere il risarcimento entro sei mesi. Lo stesso termine è dato ai detenuti e internati che abbiano già presentato ricorso alla Corte di Strasburgo, qualora il loro ricorso non sia stato ancora dichiarato “ricevibile”. Resteranno a Strasburgo, invece, quei ricorsi già in fase avanzata di cognizione per i quali, in caso di accoglimento, scatteranno indennizzi maggiori. 

 

Le coperture, valutate in 5 milioni di euro per il 2014, in 10 milioni per 2015 e in circa 5,3 milioni per il 2016, saranno reperiti attingendo, per il 2014, al fondo dove vengono destinate le sanzioni amministrative irrogate dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcom), e, per gli anni 2015 e 2016, dalla riduzione del Fondo per interventi strutturali di politica economica.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
7 Commenti

Paolo Fiocchi

07/07/2014 20:30

SSono in una comunità, tra 3mesi avrò finito di scontare la mia pena.viste le condizioni di vita che ho vissuto nel carcere di Piacenza, avevo tutti i documenti pronti per il ricorso a strasburgo, ma i 7000 euro chiesti dal mio avvocato hanno bloccato tutto.con il nuovo decreto, posso inoltrare la domanda? E quanto mi verrà a costare?sarei grato per una gentile risposta. Grazie. E saluti fiocchi Paolo.

Rispondi

Avv Vincenzo Guida

08/07/2014 06:52

sig. paolo fiocchi, se ho compreso bene lei si trova in comunità per espiare una pena definitiva? se è così lei potrebbe chiedere al magistrato di sorveglianza una riduzione della pena da espiare. Ogni 10 giorni di carcere sofferto in regime di sovraffollamento danno diritto ad 1 giorni di liberazione anticipata. Qualora lo sconto di pena da ricevere supera la pena finale da espiare, il residuo è convertito nella somma di 8 euro al giorni. Per cui ho necessità di comprendere se Lei al momento è in espiazione pena. cordiali saluti Avv. Vincenzo Guida

In risposta al commento di Paolo Fiocchi

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

Santo Flamingo

15/07/2014 14:57

buongiorno, io ho subito una pena di 2 anni mesi 3 e 10 giorni...arrewstato il 28-03-2012 ..fine pena il 17 luglio del 2014. ma nel 2013 del giorno 24 di ottobbre la polizia mi scarcera per errore ....trascorrendo 6 mesi senza custodia cautelare....il 16 di aprile 2014 mi rimettono hai domiciliari ..e mi allungano la pena di 6 mesi fino al 17 dicembre 2014....perche devo recuperare i 6 mesi dell'errore della polizia .....ho rikiesto i giorni e mi hanno confermato solo 1 semestre ...quindi fine pene il 2 di novembre. (adesso io vorrei chiedere un risarcimento per questo errore causato dalla polizia ...a mio carico)...attendo notizie..GRAZIE PER LA CORTESIA ATTENZIONE

Rispondi

In risposta al commento di Santo Flamingo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

Ginluca Lauriola

25/07/2014 09:18

Sono stato 10 mesi nel carcere di Lucera FG un vero schifo dal 6 8 2012 al 29 52013e 5 di domiciliari dopo una condanna 5 anni ora sono con l obbligo di dimora in attesa dell appello posso chiedere il risarcimento per i 10 mesi e se si come fare grazie aspetto risposta

Rispondi

In risposta al commento di Ginluca Lauriola

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

Susanu Petrisor

26/07/2014 15:12

Salve,ho trascorso 9 mesi a REBIBBIA N.C. ROMA. e ora sono libero, ho inviato ricorso a Strasburgo senza presentare istanza al magistrato di sorveglianza xche non sapevo. ho chiesto 20.000Euro. cosa ne pensate? dovrei accettare i 8 euro della nuova legge? o pure andare avanti con il ricorso?

Rispondi

In risposta al commento di Susanu Petrisor

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

Fabio Sciuto

30/08/2014 11:38

salve gentilmente le volevo chiedere una domanda. io ho trascorso 100 gg nel carcere di s anna modena con il sovraffolamento dal 12 2013 al 03 2014 cosa dovrei fare per avere questo risarcimento ? mi puo spiegare bene x piacere cosa occorre di fare? grazie cordiali saluti

Rispondi

In risposta al commento di Fabio Sciuto

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

Luciano Gargiulo

16/09/2014 18:13

ho fatto 7 anni di carcerazione in condizioni disumane essendo invalido a causa di un amputazione arto g lucia
amba non si è mai trovato la stuttura adatta per la mia menomazione per guesti motivi ho fatto una carcerazione tortura potrei chiedere un risarcimento? grazie luciano gargiulo

Rispondi

In risposta al commento di Luciano Gargiulo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

Lina Trani

19/01/2015 21:50

CIAO MI CHIAMO DIANA SONO AMERICANA , MIO MARITO E ITALIANO ,,OK MIO MARITO IN 205 E STATO CONDANNATO PER 9 ANNI HA COMPLITO 4 E UNO DI SORVEGLIANZA ADDESSO LUI STA DENTRO PER CMPLIRE I 4 ANNI GLI AVVOCATI HANNO FATTO RICORSO ALLA CASSAZIONE IL GIUDICE LO HA RISPINTA PERCHE NON APPLICAVA PER LUI I L MAGGISTRATO DI SORVEGLIANZA HA TOLTO 585 GIORNI CHE COSA SIGNIFICA?

Rispondi

In risposta al commento di Lina Trani

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Risarcimento detenuti: pubblicata la legge in G.U.

Entra in vigore in maniera definitiva la legge

Continua

La Camera approva il risarcimento ai detenuti

La parola al Senato per il via libera definitivo

Continua

I rimedi dopo la sentenza Torreggiani

Risarcimento, svuota carceri, riduzione dei casi di applicazione di custodia cautelare in carcere

Continua

Parenti pregiudicati? Si al rilascio delle licenze

Il Consiglio di Stato ritiene irrilevanti le relazioni parentali con pregiudicati nel caso di licenze per la raccolta di scommesse

Continua

Risarcimento ai detenuti, all'esame della commissione

Il D.L. n° 92/2014 arriverà tra breve all'esame del Parlamento, dopo il vaglio della commissione giustizia

Continua

Le pene per droghe leggere vanno riviste

Questa la decisione del Tribunale di Nocera Inferiore che riduce la condanna per il reato di spaccio di droghe leggere

Continua

Droghe leggere: ammessa la revisione della pena

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione si esprimono sulla possibilità di ridurre la pena nel caso di sentenza passata in giudicato

Continua

Droga: niente carcere per la lieve entità

Esclusa la custodia cautelare in carcere per il reato ex art. 73 V comma DPR n° 309/1990 con la modifica introdotta dalla legge n° 79/14

Continua

Il sistema sanzionatorio in materia di droghe

Gli effetti pratici della sentenza della Corte Costituzionale n° 32/2014

Continua