Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Usura e costi eventuali

Tutti i costi pattuiti nel contrato di mutuo, anche se eventuali, devono essere considerati nel calcolo del Taeg da confrontare con il tasso soglia

Usura e costi eventuali - Tutti i costi pattuiti nel contrato di mutuo, anche se eventuali, devono essere considerati nel calcolo del Taeg da confrontare con il tasso soglia

Il Tribunale di Genova, VII sezione civile in composizione Collegiale, ha depositato, in data 21.12.2016, un'ordinanza con la quale ha accolto il reclamo avverso un'ordinanza che aveva rigettato l'istanza di sospensione dell'efficacia del mutuo fondiario, spedito in formula esecutiva. 

Il Giudice dell'escuzione, difatti, in sede di udienza di sospensiva, aveva rigettato la richiesta dello Scrivente Difensore, ritenendo irrilevante, ai fini del calcolo del TAEG, il tasso di interesse moratorio. 

Il Collegio, investito del reclamo ha accolto pienamente i motivi proposti dallo Scrivente ed ha sospeso l'efficacia del mutuo. 

 

La sopracitata ordinanza ha affermato, con motivazione ineccepibile che: 

1. gli interessi di mora sono da ritenersi rilevanti allorquando si vada a calcolare il TAEG del contratto di mutuo da confrontare con il tasso soglia e che, pertanto, costituisce fumus boni juris dell'azione il fatto che sia stato pattuito, contrattualmente, un tasso di mora superiore al tasso soglia fissato per il periodo nel quale è stato stipulato il contratto e con riferimento allo specifico strumento finanziario. Nel caso di specie, il tasso di mora era fissato in 6,950 % a fronte di un tasso soglia del 6,750 %; 

2. allorquando si vada a calcolare il TAEG del contratto è necessario tenere in considerazione tutte le commissioni e/o remunerazioni pattuite nel contratto ad esclusione delle imposte e tasse, valutando tutti gli scenari possibili (anche eventuali) e verificando se, in uno di tali scenari, si sia verificato il superamento o meno della soglia; 

3. qualora anche solo il tasso di mora sia superiore al tasso soglia il mutuo dev'essere convertito in mutuo gratuito, tenendo conto del fatto che, in concreto, la banca applica gli interessi di mora sia sulla quota capitale sia sulla quota interessi delle rate scadute; 

4. ad ogni buon conto, costituisce periculum in mora il fatto che oggetto della potenziale esecuzione sia la prima casa

Quello che colpisce, in positivo, della predetta ordinanza è l'approccio concreto dei Giudici che ritengono che, per valutare il superamento della soglia, sia necessario considerare tutto quello che la banca pretende che le sia pagato in considerazione delle pattuizioni contrattuali e ciò dev'essere fatto mediante simulazioni che tengano conto di tutti i possibili scenari. 

Il Tribunale di Genova, pertanto, in maniera equilibrata ha superato il problema della sommatoria o meno fra interessi corrispettivi ed interessi di mora. 

 

Appare utile trascrivere di seguito la motivazione del provvedimento che ha statuito: “La legge 108/96 dispone che per la determinazione del tasso di interesse usurario “si tiene conto delle commissioni, delle remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese escluse quelle per imposte e tasse, collegate all’erogazione del credito”. Ne discende che, per stabilire se vi sia usura, è necessario tener conto di tutte le remunerazioni richieste, a qualunque titolo, e dunque anche a titolo di interessi moratori (cass. 350/2013). Si osserva peraltro che i singoli tassi non hanno rilievo di per sé ma devono essere valutati facendo riferimento all’intero costo effettivo del credito concesso. L’incidenza economica di vicende eventuali - quali tipicamente l’inadempimento - varia, infatti, a seconda del momento temporale in cui le vicende si manifestano. Lo stesso parametro può determinare un’esposizione sopra soglia se applicato in una certa fase del piano di ammortamento e una esposizione nella norma se applicato in una fase successiva.
E’ dunque necessario utilizzare i parametri nominali indicati in contratto per individuare i costi da sostenere nelle diverse ipotesi eventuali
”.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Interessi di mora ed usura

Qualora le parti pattuiscano un tasso di mora superiore alla soglia il contratto di mutuo viene convertito in mutuo gratuito

Continua

Sulle linee di credito decide il giudice del conto

Linee di credito e conti anticipi non hanno autonomia rispetto al contratto di conto corrente di riferimento

Continua

Divisione immobiliare giudiziaria

Condanna alla rifusione delle spese di lite per la parte che si oppone alla divisione ingiustificatamente

Continua

Usura e differenziale di mora

Le argomentazioni giuridiche che dovrebbero indurre a considerare nel calcolo del TEG anche il differenziale di mora

Continua

Valore delle istruzioni della Banca d'Italia

Le ragioni che inducono a ritenere che le istruzioni della Banca d'Italia non sono fonti del diritto in tema di calcolo del Teg del contratto di mutuo

Continua

Il contributo in tema di usura: C.M.S. e C.D.S

Illegittimità delle C.M.S. e C.D.F. alla luce della più recente giurisprudenza di merito: le conseguenze pratiche

Continua

Un contributo in tema di usura bancaria

Il dibattito sull'interpretazione dell'art. 644 c.p. in ambito bancario è aperto e attuale, proviamo a fare un po` di chiarezza

Continua

Quando è legittimo aprire una porta caposcala

E' invalida la delibera dell’assemblea con cui si vieta al proprietario di aprire un varco di collegamento fra il proprio immobile e l'androne.

Continua

Efficacia della sentenza di divisione ereditaria

Il capo della sentenza di primo grado che condanni una parte a pagare all'altra una somma a titolo di conguaglio è provvisoriamente esecutiva

Continua

E' esclusivo il foro del condominio consumatore

Il foro del consumatore è da considerarsi esclusivo ed inderogabile anche allorquando la qualità di consumatore è rivestita dal condominio

Continua

La delibera di approvazione del bilancio

Il Giudice dell’opposizione a decreto ingiuntivo non ha il potere di sindacare la validità della delibera che ha approvato il bilancio

Continua

Opposizione a Decreto ingiuntivo e precetto

E' inammissibile proporre contestualmente, con lo stesso atto, l`opposizione a decreto ingiuntivo e l`opposizione all`atto di precetto

Continua

Il rapporto fra il condominio ed i suoi fornitori

Ottenuta la condanna del Condominio, il creditore può procedere all'esecuzione contro i singoli morosi in base alla quota di proprietà esclusiva

Continua

Illegittimità della C.M.S. e C.D.F.

Nullità di tutte le clausole comunque denominate che prevedano commissioni a favore delle banche a fronte della concessione di linee di credito

Continua

Diniego illegittimo del permesso di soggiorno

Le condanne relative a reati ostativi non possono comportare automaticamente il diniego del permesso di soggiorno se intervenute prima del 2002

Continua

Recesso ingiustificato del promittente compratore

Il mancato rispetto di un termine intermedio non costituisce grave inadempimento tale da giustificare il recesso del promittente compratore

Continua

Frazionamento di un bene in condominio

Il frazionamento di un bene di proprietà esclusiva di un condòmino: un caso pratico

Continua

L'inquilino nel condominio

Il conduttore di un immobile ha diritto ad essere convocato dall'Amministratore pro tempore; in caso contrario, le delibere approvate saranno viziate

Continua

BULLISMO E CYBERBULLISMO

IL CYBERBULLISMO: DEFINIZIONE, CONDOTTE E MEZZI DI CONTRASTO

Continua