Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Maternità e depressione post-partum

La delicatezza e l'importanza della maternità per la madre e per il bambino richiedono un adeguato sostegno

Maternità e depressione post-partum - La delicatezza e l'importanza della maternità per la madre e per il bambino richiedono un adeguato sostegno

 

La maternità per una donna è un appuntamento importante che la chiama in causa completamente, non solo con il corpo, ma anche con i pensieri, le fantasie, i progetti, le paure e tutta la sua storia, dall’infanzia all’età adulta. E' un appuntamento unico per ogni donna: non ci sono leggi scientifiche in grado di spiegare in modo universale la complessità tutta personale con cui una donna vive questo evento del divenire madre.  

Si tratta di affrontare un momento che è di prova e di maturazione, in particolare sul piano psichico e affettivo: la maternità infatti, psicologicamente, è un punto d’arrivo di una complessa maturazione psicologica in cui rientrano capacità di accoglimento, capacità di immedesimazione per interpretare i bisogni del nuovo nato, capacità di aiutare a crescere ma anche di rinunciare e saper lasciare andare il figlio per favorirne la crescita. 

Tutte queste capacità psicologiche vengono raggiunte gradualmente nel corso del divenire adulti assumendo un ruolo sessuale e, appunto, materno. 

Un tempo l’evento della maternità non era affrontato individualmente, ma era sostenuto dalla famiglia allargata: dalle altre donne della famiglia, madri, nonne, zie, ecc., che potevano sostenere e consigliare la neomamma. Oggi le donne si trovano ad affrontare questo momento spesso in solitudine e a far fronte molte volte da sole alle angosce che lo accompagnano. 

La maternità è infatti accompagnata non solo da desideri e speranze, ma anche da timori e angosce: angoscia di perdere il bambino, angoscia di non saper accudire questo piccolo vivente che non sa ancora esprimersi con le parole. E’ compito infatti soprattutto della madre interpretare i suoi pianti, le sue grida, tutti i bisogni che la madre deve tradurre in parole:  le cure materne e le parole della madre, insieme a quelle del padre, lasceranno una traccia importante sul bambino, e costituiranno le basi della sua nascita come soggetto. 

E’ questa una grossa responsabilità che ogni madre sente su di sé. 

E’ chiaro che un compito così impegnativo porta la donna in attesa di un figlio a vivere sentimenti anche contrastanti: il bambino tanto desiderato è anche un peso, talvolta difficile da sopportare, sia quando è ancora nel grembo materno, sia nel parto, che comporta fasi dolorose, sia dopo la nascita in cui la madre si trova alle prese con un piccolo essere vivente, realtà impegnativa e faticosa, ben diversa dalla dimensione di fantasie in cui fino a quel momento il desiderio di essere madre poteva cullarsi. 

Perciò la maternità può essere accompagnata da malesseri più o meno gravi, a seconda delle risorse che una donna trova al suo interno, oltre che dall’appoggio che trova all’esterno, attraverso i suoi familiari e tutti coloro che possono esserle vicini, realtà che oggi abbiamo detto si fa sempre più precaria. 

In questo momento di messa alla prova la donna può sperimentare anche una fase di depressione che, a seconda delle risorse che possiede, può costituire una difficoltà più o meno grande: sentimenti di inadeguatezza possono prendere in lei il sopravvento e portarla ad uno stato depressivo proprio in un momento in cui le occorrerebbe essere nel pieno delle sue capacità e delle sue forze. 

E’ dunque un momento delicato in cui la donna dovrebbe essere sostenuta e accompagnata, in primis dal marito e padre del bambino, la cui figura e il cui supporto sono di essenziale importanza nei primi tempi, soprattutto per la neomamma, ma poi anche per il bambino, per evitare che il formarsi della coppia madre-bambino, salutare e indispensabile alla nascita, non diventi in un tempo successivo soffocante e inibente per la crescita del bambino. 

La maternità, vista la delicatezza del momento per la madre e l’importanza dei primi anni di vita per la formazione soggettiva del bambino, dovrebbe essere sostenuta da adeguate politiche sociali di sostegno e di accompagnamento con strutture idonee ad accogliere i neogenitori e il bambino, strutture che in alcuni Paesi sono già presenti, ad esempio i luoghi di accoglienza tipo Maison verte, sempre più diffusi in Francia e in Spagna. 

In qualche caso, nelle situazioni di maggiore difficoltà, si rende necessaria la consultazione con uno specialista per mettere la donna pienamente in grado di assumere le sue nuove responsabilità e affrontare con serenità i compiti che la aspettano. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza psicologica

Dr.ssa Silvia Busnelli - Meda (MB)

Dr.ssa Silvia Busnelli

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Via Indipendenza, 44

20036 - Meda (MB)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Ansia e attacchi di panico

L'ansia e l'attacco di panico, una sorta di "concentrazione" dell'ansia, possono essere occasioni importanti per avanzare nella vita

Continua

Psicoanalisi o psicoterapia?

La psicoanalisi è una cura diversa dalle altre in quanto mira ad una apertura dell'inconscio del soggetto

Continua

Sintomi e trattamento della depressione

La depressione è uno stato di grave malessere che richiede una cura psicologica e non solo farmacologica

Continua

Come prevenire e curare obesità e sovrappeso

Non solo dieta: cause psicologiche dell'obesità e del sovrappeso

Continua

I sintomi e le emozioni nella bulimia

La "crisi" bulimica è accompagnata da un grande senso di malessere. La cura richiede il sostegno di un esperto nel campo.

Continua

Anoressia, bulimia, obesità: cause psicologiche?

Le cause di questi disturbi sono psicologiche: per curarli occorre rivolgersi a uno psicologo esperto nel campo

Continua

L'anoressia: come curarla

L'anoressia è un disturbo che porta all'astensione dal cibo fino alla morte. La cura è basata sulla parola: si tratta di parlare del proprio disagio

Continua