Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza finanziaria e patrimoniale

Guida al funzionamento dei PIR

Decollano finalmente anche in Italia i Piani Individuali di Risparmio

Guida al funzionamento dei PIR - Decollano finalmente anche in Italia i Piani Individuali di Risparmio

A partire dal 1░ gennaio 2017, una grande novità, in tema di risparmio, arriva dalla legge di Bilancio che ammette l’accantonamento annuo fino a 30mila euro (con un minimo di 500 euro) fino ad un massimo di 150mila euro per contribuente in un veicolo finanziario denominato Pir  (Piano Individuale di Risparmio) che consentirà di godere, a patto di conservare l’investimento per almeno cinque anni, di un considerevole beneficio fiscale: la completa esenzione dalle tasse sul capital gain (che variano dal 12,50% per i titoli di stato e White List fino al 26% per tutti i restanti strumenti finanziari). Sarà ammesso l’investimento rateale alla stregua di quanto avviene con i piani di accumulo (pac) molto diffusi tra i risparmiatori.  

Ogni piano di risparmio sarà nominativo e quindi potrà essere associato ad un unico codice fiscale, in altri termini, potrà esserne aperto uno per ogni membro della famiglia (minorenni esclusi, almeno per ora).  

La stampa ha enfatizzato soprattutto il beneficio fiscale di questa tipologia di investimento; occorre rimarcare che il vantaggio per il risparmiatore non si riduce solo alla detassazione del capital gain: il piano individuale, infatti, non potrà essere colpito da imposte di successione e donazione, mentre rimarrà comunque soggetto alla minipatrimonialina del 2 per mille cui sono sottoposti quasi tutti i prodotti di investimento. A livello teorico i Pir potranno assumere la veste di fondi comuni di investimento, gestioni patrimoniali, contratti assicurativi vita, depositi amministrati purchè ogni strumento di investimento rispetti i medesimi vincoli. Il legislatore ha disposto che per definirsi tali i Pir dovranno necessariamente investire nell’economia reale, nei settori produttivi nazionali, sia azionari sia obbligazionari, purchè emessi da imprese italiane di medie e piccole dimensioni.  

I vincoli nella composizione del portafoglio prevedono nello specifico che il 70% del valore complessivo del medesimo debba essere investito in azioni di società quotate e non e in obbligazioni emesse da imprese residenti in Italia o in stati membri UE o aderenti allo Spazio economico europeo purchè con attività stabile in Italia.  Circa un quinto del portafoglio (il 30% del 70% sopra definito) dovrà essere investito in strumenti finanziari emessi da imprese diverse da quelle inserite nell’indice Ftse Mib di Borsa Italiana o altri equivalenti. Il restante 30% del portafoglio potrà, per contro, essere investito liberamente in qualsiasi strumento finanziario (compresi depositi e conti correnti). Si mantiene il divieto per il Pir di investire più del 10% in strumenti finanziari emessi da un medesimo emittente per evitare eccessivi rischi di concentrazione. Insomma, uno strumento utile più che mai per rivitalizzare il nostro settore produttivo da un lato e per educare al risparmio di lungo periodo dall’altro.  

Unico caveat: mantenere una corretta diversificazione di portafoglio. Seneca era solito dire che “il veleno sta nella dose”. Non vorremmo correre il rischio che in nome dell’innegabile risparmio fiscale qualche piccolo risparmiatore possa concentrare il grosso delle proprie disponibilità finanziarie unicamente su questo particolare strumento sacrificando il giusto bilanciamento delle varie asset class nel proprio portafoglio. L’errore potrebbe costare caro. 

 

Carlo F.F. Galbiati - Consulente finanziario consulenza finanziaria@carlogalbiati.it

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza finanziaria e patrimoniale

Dott. Galbiati Carlo - Monza (MB)

Dott. Galbiati Carlo

Consulenti Finanziari / Promozione Finanziaria e Patrimoniale

Via Carlo Prina 18

20900 - Monza (MB)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

I buoni, brutti e cattivi della Finanza Mondiale

Una simpatica analisi dei protagonisti attuali dello scenario internazionale. Aspettative e reazione dei mercati finanziari

Continua

Finanza non fa rima con vacanza

Con le ferie alle porte occorre non dimenticarsi di monitorare periodicamente il proprio portafoglio, eventualmente chiedendo aiuto a professionisti

Continua

Bail out, bail in e burden sharing

Il telecomando che non usiamo: bail out, bail in e burden sharing. Conseguenze della perdita della sovranità bancaria per l'Italia

Continua

Migranti fiscali disperatamente cercansi

I migranti che tutti vorrebbero: Italia terza in classifica mondiale per attrattività. Non tutti i migranti sono uguali di fronte al fisco

Continua

Ribilanciamento di portafoglio

Necessità di operare almeno periodicamente un sano ribilanciamento di portafoglio. Il difficile equilibrio tra prudenza e avidità

Continua

Oroscopo finanziario

Tra scaramanzia ed economia, un po' di curiosità lieve non guasta ma la diversificazione di portafoglio è cosa seria

Continua

Rialzo dei tassi e prospettive per l`investitore

Cosa aspettarsi e quali strategie porre in essere per cautelarsi dai rialzi dei tassi imminenti ad opera della Fed

Continua

Finanza etica o etica nella finanza? Un Ossimoro?

Analisi ed approfondimento della finanza etica, delle sue caratteristiche distintive, dei suoi punti di forza e del perchè diventerà protagonista

Continua