Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

Gara. Esclusione. Nuovo codice appalti

Esclusione dell’Impresa dalla gara per la mancanza del requisito del pareggio di bilancio nell’ultimo triennio

Gara. Esclusione. Nuovo codice appalti - Esclusione dell’Impresa dalla gara per la mancanza del requisito del pareggio di bilancio nell’ultimo triennio

Il bando di gara per il servizio di ristorazione scolastica prevedeva, tra i requisiti di capacità economica e finanziaria condizionanti la partecipazione alla gara stessa, il possesso del pareggio di bilancio al netto delle imposte negli ultimi tre esercizi. Essendo risultato, dalla documentazione prodotta dalla ricorrente, che il bilancio relativo all’anno 2015 era in perdita di quasi 45 milioni, la Stazione appaltante disponeva l’esclusione della ricorrente dalla gara in questione. Ciò in quanto, «in un periodo economicamente critico, come quello attuale, in cui la solidità patrimoniale e finanziaria di molte aziende è messa seriamente in pericolo, non può prescindersi, a maggior ragione, da una puntuale e rigorosa verifica dello stato di salute delle imprese partecipanti alle gare di appalto pubbliche, in quanto accertamento funzionale allo svolgimento positivo degli appalti stessi e ciò a prescindere dalle capacità tecniche e professionali, che pure devono essere possedute». 

È quanto emerge dalla sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per il Friuli Venezia Giulia (Sezione Prima), in commento. 

I giudici [1] hanno rigettato il ricorso dell’Impresa con la precisazione che «Gli operatori economici interessati a partecipare alle gare pubbliche, oltre a non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione, di cessazione d'attività, di amministrazione controllata o di concordato preventivo o in ogni altra analoga situazione risultante da una procedura della stessa natura prevista da leggi e regolamenti nazionali, devono possedere, infatti, la capacità economica e finanziaria necessaria ad assicurare l’osservanza delle obbligazioni contrattuali», anche perché «La necessità di affidare il contratto a soggetti che dimostrino, tra le altre, anche la capacità economica e finanziaria idonea a garantire l'esecuzione delle prestazioni oggetto dello stesso costituisce, infatti, un fondamentale principio ricavabile dalla complessiva disciplina dell'affidamento di pubblici appalti e l’apertura al mercato e alla concorrenza non può mai spingersi sino al punto di compromettere o comunque mettere seriamente in pericolo la regolare esecuzione del contratto». 

L’art. 83 del [nuovo] codice appalti, come del resto già il previgente art. 41 del d.lgs. n 163/2006, affida alle Stazioni appaltanti il compito di individuare gli indici di capacità economica più adatti per stabilirlo, col solo limite della “attinenza” e “proporzionalità” all’oggetto dell’appalto, nella ricerca di un costante bilanciamento con l’interesse pubblico “ad avere il più ampio numero di potenziali partecipanti, nel rispetto dei principi di trasparenza e rotazione” [2]. 

Di conseguenza, non può che apparire assolutamente ‘proporzionata’ la disposizione di cui trattasi, contenuta nella lex specialis di gara, avuto riguardo alla durata, alla tipologia del servizio (servizio di ristorazione scolastica), al valore e, in genere, alle obbligazioni contrattuali che l’Impresa aggiudicataria sarà chiamata a far fronte con i propri mezzi, finanziari, oltre che tecnici e professionali. «Anzi», precisa il Collegio, «tale disposizione pare espressione di legittimo esercizio di potere discrezionale, declinato, peraltro, nel rispetto delle norme di legge». 

Resta da dire che, per gli appalti di servizi e forniture, ai fini della verifica del possesso dei requisiti di capacità economica e finanziaria, le stazioni appaltanti, nel bando di gara, possono richiedere, tra l’altro, che “gli operatori economici forniscano informazioni riguardo ai loro conti annuali che evidenzino in particolare i rapporti tra attività e passività” [3]. 

Tutto ciò posto, all’Impresa non resta che pagare le spese di giudizio. 

 

 

[1] Sentenza n. 81 del 01.03.2017 

[2] V. art. 83, comma 2 

[3] Cfr. art. 83, comma 4, lett. b)

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Avv. Cristiana Centanni - Roma (RM)

AVV. CRISTIANA CENTANNI

Avvocati / Civile

Via FRANCESCO DENZA 15

00197 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Guidare scalzi o a piedi nudi si può?

Cosa dice il nuovo Codice della Strada al riguardo?

Continua

Danno da vacanza rovinata per forte ritardo volo

Se il volo è in forte ritardo, colui che ha acquistato dal tour operator il pacchetto turistico, va da quest'ultimo risarcito

Continua

Atto di aggiudicazione gara

Atto di aggiudicazione della gara non pubblicato nella sezione “amministrazione trasparente”. Quando scattano i trenta giorni per l’impugnativa?

Continua

Odori di sugo, fritti, etc.? E’ reato

Gli odori da cucina che superano la soglia della tollerabilità integrano la fattispecie di getto pericolose di cose ex art. 674 c.p.

Continua

Via libera al ‘sisma bonus’

Le novità del 'sisma bonus' introdotto con la Legge di Bilancio 2017

Continua

Istanza di accesso agli atti

Illegittimo il rifiuto opposto dall’Amministrazione alla istanza di accesso agli atti della subappaltatrice

Continua

Condominio. Parti comuni. Trasformazione

La finestra può essere trasformata in accesso carraio per un uso più intenso della cosa comune

Continua

Termine dell`impugnazione dell`atto di ammissione alla gara

Quando decorre il termine di impugnazione dell'atto di ammissione alla gara dell'impresa aggiudicataria se non pubblicato sul sito dell'Appaltante?

Continua