Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Licenziamento e periodo di comporto

Problematica relativa al licenziamento per superamento del comporto e all'obbligo o meno del preventivo tentativo di conciliazione

Licenziamento e periodo di comporto - Problematica relativa al licenziamento per superamento del comporto e all'obbligo o meno del preventivo tentativo di conciliazione

Sussistono ancora forti dubbi se il licenziamento per superamento del periodo di comporto sia soggetto o meno al tentativo obbligatorio di conciliazione. La direzione regionale del Lavoro della Lombardia con nota protocollo n. 12886 del 12 ottobre, ha escluso che questa tipologia di licenziamenti possa rientrare nell'ambito della nuova conciliazione obbligatoria. La direzione regionale ritiene che l'ipotesi di recesso determinata dal superamento del periodo di comporto (articolo 2110 del Codice civile), sia estranea all’ipotesi di del licenziamento per giustificato motivo con consequenziale non assoggettamento alla procedura conciliativa.  

 

Come noto la legge 92/2012, quanto al giustificato motivo oggettivo, ha stabilito che il datore di lavoro con più di 15 dipendenti deve fare precedere il licenziamento da una comunicazione alla Direzione territoriale del lavoro competente ovvero quella ove il lavoratore presta la sua opera. Detta comunicazione deve essere trasmessa al lavoratore per conoscenza. Il mancato rispetto della procedura può comportare una sanzione quantificata tra le e 6 e 12 mensilità della retribuzione globale di fatto percepita dal lavoratore. Pacifico, pertanto, che se il licenziamento si fonda su giustificato motivo oggettivo occorrere farlo precedere dal tentativo di conciliazione se l’azienda ha più di 15 dipendenti. Si pone il problema se anche il licenziamento per superamento del periodo di comporto renda obbligatorio il tentativo di conciliazione per dette aziende, rientrando lo stesso in senso lato nel licenziamento per giustificato motivo oggettivo.  

 

La giurisprudenza, ad oggi non è nessun aiuto. Una recente ordinanza del Tribunale di Milano (del 22 marzo 2013), ha affermato che il licenziamento per superamento del periodo di comporto deve essere preceduto dal tentativo obbligatorio di conciliazione previsto dall’art. 7 della legge n. 604/1966, come modificato dall’art. 1, comma 40, della legge n. 92/2012. L’obbligo scaturisce dal fatto che tale tipo di recesso è assimilabile al licenziamento per giustificato motivo oggettivo: il giudice ha ritenuto che la circolare n. 3/2013 del Ministero del Lavoro, che escludeva la procedura conciliativa, “non può contraddire la norma legale”. Sull’argomento va, però, ricordato come lo stesso Tribunale di Milano (con altro giudice) con ordinanza del 5 marzo 2013 aveva stabilito che il licenziamento per superamento del periodo di comporto non implicava il tentativo obbligatorio di conciliazione previsto nell’ipotesi del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, essendo “ontologicamente diverso”.  

 

Da ciò discendeva la correttezza interpretativa della circolare del Ministero del Lavoro n. 3/2013. In tale ottica, la previsione contenuta nella circolare n. 3/2013 del Ministero del Lavoro, finalizzata ad escludere il licenziamento per superamento del periodo di comporto dalla procedura conciliativa obbligatoria, appare corretta, afferma questa ordinanza.
L’ordinanza fissa, altresì, due principi fondamentali:
a) inesistenza di un onere d’informazione a carico del datore di lavoro nei confronti del lavoratore circa l’imminente superamento del periodo (a meno che non vi sia una espressa previsione discendente dalla contrattazione collettiva);
b) nel computo del comporto rientrano anche le giornate del sabato e della domenica, nonché le altre festività comprese nel periodo di malattia.
Non risultando altre interpretazioni, allo stato, nel dubbio varrà la pena di far precedere il licenziamento dalla richiesta di conciliazione onde evitare il rischio delle pesanti sanzioni indicate. 

Vito S. Manfredi

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Contratto a tutele crescenti, nuovi assunti

Con il Jobs Act il contratto di lavoro a tempo indeterminato, per i nuovi assunti, diventa un contratto di lavoro a c.d. a tutele crescenti

Continua

JOBS ACT, le nuove assunzioni

Tutto cambia con l'entrata in vigore del contratto a tutele crescenti operativo dal 7 marzo. Il nuovo regime si applica a tutti i nuovi assunti

Continua

Jobs act: le novità

Con il Jobs act viene mutata la normativa lavoristica semplificando la costituzione del rapporto di lavoro

Continua

Associazione in partecipazione

Contratto associativo con il quale si ricompensa una attività lavorativa con gli utili che possono derivare dalla partecipazione in associazione

Continua

Licenziamento disciplinare

La tempistica nel licenziamento disciplinare è essenziale per un valido esercizio dello stesso. Come va intesa l'immediatezza della contestazione

Continua

Contratto a termine, nuova formulazione

Il contratto a termine, recentemente, ha subito diverse modifiche. La più rilevante è data dalla possibilità di stipulare contratti privi di causa

Continua

Appalto e interposizione fittizia di manodopera

A quali condizioni può intendersi genuino un appalto con utilizzo di manodopera da parte del committente. Conseguenze e sanzioni per appalto illecito

Continua

Tutela della maternità

La donna lavoratrice gode di particolare tutela in caso di maternità sussistendo per il datore di lavoro diversi divieti.

Continua

Mobbing e dequalificazione

Svuotamento delle mansioni e configurazione del Mobbing

Continua

Obblighi del committente - Decreto Fare

Responsabilità del committente nei confronti del personale dipendente da altre aziende

Continua