Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Sponsorizzazione A.S.D./S.S.D.

Inquadramento fiscale della sponsorizzazione A.S.D./S.S.D. e benefici

Sponsorizzazione A.S.D./S.S.D. - Inquadramento fiscale della sponsorizzazione A.S.D./S.S.D. e benefici

La tassazione ai fini delle imposte sui redditi  

In forza dell’art. 2, comma 5, della l. n. 398 del 1991, il reddito imponibile delle associazioni sportive dilettantistiche viene determinato applicando all’ammontare dei proventi conseguiti nell’esercizio di attività commerciali il coefficiente di redditività, fissato dall’art. 25 della legge 13 maggio 1999, n. 133 nella misura del 3 per cento, e aggiungendo l’intero importo delle plusvalenze patrimoniali. 

Per effetto della disposizione di cui al comma 4 dell’art. 148 del t.u.i.r., si considerano sicuramente commerciali, tra gli altri citati, i proventi derivanti dalle prestazioni di pubblicità commerciale. 

Ne consegue che i proventi derivanti sia dall’esercizio di pubblicità com- merciale che dall’esercizio di sponsorizzazione sono considerati commerciali e quindi assoggettati a tassazione. Ricorrendone le condizioni, il reddito imponibile viene determinato applicando, all’ammontare dei proventi con- seguiti nell’esercizio di attività commerciali, il coefficiente di redditività del 3 per cento. 

L’aliquota Iva  

In forza dell’art. 9, comma 1 del regolamento emanato con decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1999, n. 544, le associazioni sportive dilettantistiche che optano per l’applicazione delle disposizioni recate dalla legge n. 398/1991, applicano, per tutti i proventi conseguiti nell’esercizio delle attività commerciali connesse agli scopi istituzionali, le disposizioni previste dall’art. 74, comma 6, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. 

L’art. 74, comma 6, prevede che, agli effetti della determinazione dell’Iva, la detrazione di cui all’art. 19 del d.P.R. n. 633 è forfettizzata con l’applicazione di una detrazione in via ordinaria pari al 50 per cento dell’imposta relativa alle operazioni imponibili. 

Il decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175, intervenendo nel comma 6 dell’art. 74 del d.P.R. n. 

633/1972, ha modificato la disciplina della detrazione Iva relativa alle prestazioni di Sponsorizzazione. 

Per effetto delle disposizioni di cui al predetto decreto, una specifica percentuale di detrazione forfetizzata è prevista per le sole cessioni o concessioni di diritti di ripresa televisiva e di trasmissione radiofonica. Per queste prestazioni la detrazione compete in misura pari ad un terzo dell’imposta relativa alle operazioni stesse. 

Le prestazioni di sponsorizzazione sono, pertanto, ricondotte nella regola generale della forfetizzazione della detrazione nella misura del 50 per cento. 

La percentuale di detrazione forfetaria del 50 per cento per le operazioni di sponsorizzazione si rende applicabile a quelle per le quali la fattura è stata emessa successivamente al 13 dicembre 2014 (a condizione che prima non sia intervenuto il pagamento). 

I benefici fiscali del soggetto che corrisponde il compenso 

Il comma 8 dell’art. 90 della L. 289 del 2002 delinea le caratteristiche della spesa di pubblicità nell’ambito dei rapporti con associazioni sportive dilettantistiche ed enti equiparati. 

Per il soggetto erogante è considerato, spesa di pubblicità il corrispettivo in denaro o in natura: 

in favore dei seguenti enti: associazioni sportive dilettantistiche, società sportive dilettantistiche, 

fondazioni costituite da istituzioni scolastiche, associazioni sportive scolastiche che svolgono attività nei settori giovanili riconosciuti dalle Federazioni sportive nazionali o da enti di promozione sportiva; fino ad un importo annuo complessivamente non superiore a 200 mila euro; volto alla promozione dell’immagine o dei prodotti del soggetto erogante, mediante una specifica attività del beneficiario. 

Fonte Manuale Operativo delle Associazioni

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Vincitorio Fabio Dottore Commercialista - Perugia (PG)

STUDIO VINCITORIO FABIO DOTTORE COMMERCIALISTA

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Settevalli 320

06100 - Perugia (PG)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Lo sport e la riforma del terzo settore

Lo sport non è stato compreso nella nuova disciplina

Continua

Iva da accertamento per le sportive

Base di calcolo dell'Iva dovuta a seguito di accertamento

Continua

Omesso versamento dell`Iva: la vedova non risponde

L’obiettiva impossibilità di far fronte all’obbligazione tributaria e la sua totale estraneità alle vicende assolvono la vedova dal reato iscritto

Continua

Fino a € 200.000 sempre seducibili ASD/SSD

Sempre deducibili le spese di “sponsor” fino a € 200.000 pagate alle ASD/SSD

Continua

La dichiarazione congiunta: paga la moglie

La dichiarazione congiunta: responsabilità solidale del consorte

Continua

Tassa annuale di concessione governativa

Ecco chi è tenuto a pagare il tributo e chi no

Continua

La delibera del C.N. CONI n. 1566

L’individuazione delle discipline sportive ai fini dell’iscrizione al Registro delle Associazioni

Continua

Anche minimi e forfettari nella CU 2017

Certificazione Unica 2017 anche per i titolari di parita Iva in regime dei minimi o forfettario. Ecco tutte le regole e i casi particolari

Continua

Le Discipline Sportive, delibera CONI del 14/02/2017

Mantenute nel 2017 le iscrizioni al registro CONI per quelle ASD/SSD le cui discipline praticate non trovano più rispondenza in quelle approvate dal CONI

Continua