Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Disturbi da attacchi di panico, cause e soluzioni

Cosa è un attacco di panico? E cosa è un disturbo cronico da attacchi di panico? Come si origina e come si può curare?

Disturbi da attacchi di panico, cause e soluzioni - Cosa è un attacco di panico? E cosa è un disturbo cronico da attacchi di panico? Come si origina e come si può curare?

Si stanno diffondendo a causa dello stress i disturbi d’ansia e da attacchi di panico in Italia, in modo crescente. Per poterli superare è necessario caso per caso individuare la diagnosi esatta e le cause che hanno dato origine ai primi attacchi di panico o di ansia acuta. L’Ansia fisiologica è un meccanismo fisiologico che serve all’organismo per difendersi da pericoli reali, attivando il sistema nervoso e provocando una accelerazione dei battiti cardiaci, del ritmo respiratorio, ecc., tuttavia diventa patologica quando scatta senza la presenza di pericoli reali, per motivi quindi psicologici. In genere può accadere per condizionamento, cioè se qualcosa, per associazione mentale, ricorda alla persona una paura o un trauma registrato nella memoria emotiva, oppure per un conflitto psichico interno, dovuto a impulsi contrapposti, verso obiettivi diversi o per motivazioni inconsce, quindi da indagare. Inoltre lo stress intenso e protratto Ŕ difficile da accettare alla persona e le relazioni familiari o lavorative conflittuali possono generare ansie di diversa intensità, a seconda di come la persona li vive in base al suo passato, educazione, temperamento, ecc.
Se l’ansia patologica raggiunge una certa intensità, diventa acuta e cronica e se raggiunge picchi di intensità tale da essere vissuta al soggetto come se fosse un infarto e come se stesse per morire, viene chiamato attacco di panico. Dopo i primi attacchi si può sviluppare poi l’ansia che si possa rivivere un nuovo attacco improvviso, chiamata ansia anticipatoria, che essa stessa potrebbe indurre a un nuovo attacco di panico e di ansia acuta. Quindi nei colloqui psicologici diagnostici va indentificata la specifica situazione, fino a giungere alla giusta diagnosi e poi a cercarne nell’anamnesi, storia clinica del soggetto, le cause che hanno originato la forma patologica identificata, eventualmente con appositi test e colloqui clinici e con analisi di laboratorio o elettrocardiogramma, se è il caso, per escludere altre patologie fisiche. È importante identificare oggettivamente le vere cause psicologiche e psicofisiologiche dei primi attacchi di panico in quanto poi per meccanismi di condizionamento la persona tende ad associare luoghi o situazioni dove si sono verificati i primi attacchi, specie se ripetuti, evitando sistematicamente quei luoghi o situazioni, ad esempio treno, auto, in casa da soli, ecc. dove erano accaduti. Non conoscendo infatti le vere cause e meccanismi del disturbo la persona spera di evitarlo, evitando ciò che associa all’evento sgradevole, ma questo non risolve il problema, pur coinvolgendo persone amiche o familiari, che dovrebbero rassicuralo se deve affrontare i luoghi o le situazioni temute. Il malato allora tende a deprimersi e ad allargare il raggio di situazioni a rischio, ad esempio luoghi aperti e si parla di agorafobia o luoghi chiusi, claustrofobia o altre fobie. Se diventa invalidante al livello di relazioni lavorative e affettive o sociali e si arriva dal medico o dallo psichiatra o dal neurologo vengono spesso prescritti psicofarmaci ansiolitici e antidepressivi, che si sono dimostrati in base agli studi utili a gestire i sintomi, insieme a terapie psicologiche a indirizzo cognitivo-comportamentale, che agisce sui condizionamenti di cui parlavamo. In casi più lievi si puo' andare dallo psicologo per sostegno e riabilitazione e eventualmente associare la fitoterapia, cura a base di erbe medicinali o per chi vuole l'omeopatia, cura dei simili, con estratti vegetali o minerali molto diluiti.  In casi più complessi viene spesso consigliata una psicoterapia di indirizzo analitico o familiare, effettuata da medico o psicologo specializzati in psicoterapia, chiamati psicoterapeuti o psicanalisti, a seconda delle scuole.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza psicologica

Dott. Ciro Aurigemma - Roma (RM)

Dott. Ciro Aurigemma

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Viale Libia, 93

00199 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Psicologia transpersonale e psicologia olistica

Un itinerario dalla PSICOLOGIA TRANSPERSONALE ed energetica fino alla PSICOLOGIA OLISTICA odierna

Continua

Psicologo, psichiatra, psicanalista, ecc.

Differenze tra i vari professionisti del comportamento e della psiche

Continua

Psiconaturopatia

Che cosa è la Psiconaturopatia, integrazione tra psicologia, medicina naturale, naturopatia, tecniche olistiche alla pari

Continua