Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

Affidamento dei veicoli sequestrati

Effetti pratici della circolare del ministero dell’interno n. 300 del 1 agosto 2014 avente ad oggetto l'affidamento dei veicoli sequestrati.

Affidamento dei veicoli sequestrati - Effetti pratici della circolare del ministero dell’interno n. 300 del 1 agosto 2014 avente ad oggetto l'affidamento dei veicoli sequestrati.

Con le disposizioni  introdotte dall’art. 38 d.l. 269/2003  il legislatore ha  apportato rilevanti modifiche al Codice della strada per disciplinare i casi di affidamento dei veicoli oggetto di sequestro o fermo amministrativo

 

E' stato introdotto, infatti,   l’obbligo per il trasgressore di assumere direttamente  la custodia del veicolo oggetto di fermo o sequestro, con onere di provvedere a sua cura e spese  al  deposito  in un luogo di cui abbia la disponibilità ovvero in un luogo non sottoposto a pubblico passaggio. 

 

Nel caso in cui l’avente diritto è assente o si rifiuta di trasportare o custodire il veicolo a proprie spese ovvero sia  sprovvisto dei requisiti di idoneità psicofisica o morale,   il veicolo deve essere condotto presso una depositeria autorizzata, questa volta a cura e spese dell’ Amministrazione,  con contestuale avviso al proprietario che la mancata assunzione della custodia produrrà l’immediato trasferimento della proprietà al custode incaricato

Decorso il termine previsto, l’organo accertatore  trasmette gli atti al Prefetto il quale, verificata la regolarità della procedura , dichiara il trasferimento di proprietà con contestuale cessazione degli oneri di custodia. 

 

Il custode acquirente viene individuato, secondo quanto previsto dall’art. 214 bis c.d.s. con una procedura di evidenza pubblica. 

 

La circolare in esame,  stravolge di fatto l’ossatura del sistema di affidamento al custode acquirente,  visto che realizza una  sostanziale abrogazione dei casi in cui il veicolo viene affidato al custode acquirente senza aver considerato i rischi e costi sociali che l’affidamento del veicolo, in ogni caso, al trasgressore comporta. 

 

Linea portate della circolare in esame è quella di affidare in ogni caso il veicolo al  trasgressore o al proprietario  anche quando questi non sia in grado di indicare immediatamente il luogo di deposito e non intenda incaricare, a sue spese,   un operatore del soccorso per il trasporto in condizioni  di sicurezza. 

 

Non solo ma  la circolare riconosce agli stessi operatori di polizia stradale la possibilità di  allontanarsi quando concorrono contestuali esigenze di servizio. Come dire che le forze dell’ordine dovranno redigere il verbale di sequestro, affidare il veicolo al trasgressore, allontanarsi e attendere che gli venga comunicato il luogo di deposito. 

 

Il pericolo che si corre è quello che il trasgressore possa essere tentato  di  abbandonare il veicolo sul suolo pubblico, in una discarica non autorizzata o  disperderne  le tracce oppure,  cosa ancora più grave, rimetterlo  in circolazione. 

 

Tutte ipotesi ricorrenti e prevedibili che comporteranno costi altissimi in termini ambientali data la natura di rifiuti speciali, costi economici connessi alla necessità della bonifica, ritiro e demolizione dei veicoli abbandonati e costi sociali per i rischi degli utenti alla circolazione stradale. 

 

Senza il controllo delle forze di polizia, da effettuarsi  fino all’esaurimento delle operazioni del trasporto e custodia del veicolo in sicurezza,  ben può verificarsi il caso del veicolo trainato in maniera anomala e pericolosa o condotto direttamente dal trasgressore con tutti i pericoli per circolazione:  rischio ancora più elevato  qualora il recupero dovesse avvenire in autostrada all’interno della quale, per espressa disposizione contenuta nella circolare, potrebbero avere accesso,  su semplice chiamata del proprietario del veicolo,  anche soggetti non autorizzati dal  concessionario.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Studio Legale Altieri Pannia - Diritto Civile Penale E  Amministrativo - Roma (RM)

STUDIO LEGALE ALTIERI PANNIA - DIRITTO CIVILE PENALE E AMMINISTRATIVO

Avvocati / Civile

VIA SARDEGNA 17

00187 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Veicoli sequestrati: tariffe non remunerative

Commento al decreto del 2 settembre 2006 n. 265 riguardante le tariffe per l’indennità spettante al custode dei veicoli oggetto di sequestro penale

Continua

Spese di custodia dei veicoli sequestrati

Opposizione al decreto di liquidazione delle spese di custodia dei veicoli oggetto di sequestro penale

Continua

Alienazione straordinaria dei veicoli sequestrati

La corte di cassazione contesta la quantificazione delle spese di custodia dei veicoli nei depositi giudiziari e rimette gli atti alla Consulta

Continua

Spese di recupero coattivo dei veicoli confiscati

Qual è l'autorità obbligata al pagamento delle spese di recupero del veicolo confiscato e precedentemente affidato al trasgressore

Continua